Mario Bonzano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mario Bonzano
Il Maggiore Mario Bonzano
Il Maggiore Mario Bonzano
1º settembre 1906 - 1975
Nato a Cantalupo
Morto a Alassio
Dati militari
Paese servito bandiera Regno d'Italia
Repubblica Sociale Italiana Repubblica Sociale Italiana
Forza armata Regia Aeronautica
Aeronautica Nazionale Repubblicana
Specialità Caccia
Grado Colonnello
Guerre Guerra d'Etiopia
Guerra Civile Spagnola
Seconda guerra mondiale
Comandante di 20º Gruppo Caccia Terrestre

[senza fonte]

voci di militari presenti su Wikipedia

Mario Bonzano (Cantalupo, 1º settembre 1906Alassio, 1975) è stato un ufficiale e aviatore italiano. Pilota pluridecorato di grande esperienza della Regia Aeronautica, fu un Asso dell'aviazione italiana riportando al suo attivo 15 vittorie,[1] di cui una conseguita in Spagna e 14 durante la seconda guerra mondiale.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Entrato nella Regia Aeronautica frequentò la Regia Accademia Aeronautica di Caserta, Corso Drago, da cui uscì con il grado di Sottotenente pilota. Prese parte come capitano alla Guerra d'Etiopia distinguendosi per il suo coraggio, tanto da venire insignito di due Medaglie d'Argento e una di Bronzo al Valor Militare. Al comando di una Squadriglia di velivoli IMAM Ro.37 Lince prese parte ad azioni di bombardamento, ricognizione e mitragliamento sullo Scirè, su Dessiè, sull'Ascianghi, ed ad Addis Abeba.[2]

Ursel (Knesselare), Belgio, fine 1940: Corpo Aereo Italiano (C.A.I.), personale di terra al lavoro su una coppia di Fiat G.50 del 20º Gruppo Caccia Terrestre, 56º Stormo. Il velivolo in secondo piano porta le insegne del comandante di reparto, il maggiore Mario Bonzano.

Nel luglio 1938 partì volontario per combattere nella guerra civile spagnola nelle file dell'Aviazione Legionaria, assumendo il comando della 18ª Squadriglia[3] del XXIII Gruppo Caccia[3] il 30 dello stesso mese. L'8 gennaio 1939 cedette il comando della 18ª Squadriglia al capitano Vexio Mezzetti, per assumere il comando, in seno al XXIII Gruppo, di una Squadriglia sperimentale[4] equipaggiata con 12 monoplani da caccia Fiat G.50 Saetta.[5] Al termine di questo ciclo operativo aveva al suo attivo una vittoria accertata e 14 in collaborazione,[3] ee era stato decorato con una terza Medaglia d'argento al valor militare. Rientrato in Italia, il 18 luglio 1939 assunse, con il grado di Maggiore, il comando del 20º Gruppo Caccia Terrestre, appartenente dapprima al 51º Stormo Caccia Terrestre, e poi al 56º Stormo Caccia Terrestre.[6] All'entrata in guerra dell'Italia, il 10 giugno 1940 il suo reparto[7] si trova schierato sull'aeroporto di Roma-Ciampino Sud.[6] Al comando del proprio reparto, inquadrato nel Corpo Aereo Italiano (CAI), prese parte alla battaglia d'Inghilterra.[6] I 45 caccia Fiat G.50 Saetta presero parte a operazioni di caccia libera e scorta ai bombardieri Fiat B.R.20 Cicogna.[6] Il suo reparto rientro in patria nell'aprile 1941, per essere trasferito in Africa settentrionale nel corso dell'estate di quell'anno.[8] In Libia il 20º Gruppo eseguì 4.103 ore volo in zona di guerra, abbattendo 38 velivoli nemici e distruggendone altri 12 al suolo,[9] e rientrò in patria nel marzo del 1942 per riequipaggiarsi con i moderni caccia Aermacchi C.202 Folgore.[8] Per un'azione su Sidi El Barrani eseguita nel settembre del 1941, in cui abbatté due aerei nemici, venne decorato con la quarta Medaglia d'argento al valor militare. Rimase comandante del reparto fino al 12 maggio 1942, quando venne sostituito dal maggiore Gino Callieri. Promosso tenente colonnello, il 4 agosto 1942 venne insignito dell'onorificenza di Cavaliere dell'Ordine militare di Savoia.[10] Dopo l'armistizio dell'8 settembre 1943 aderì alla Repubblica Sociale Italiana, entrando nelle file della neocostituita Aeronautica Nazionale Repubblicana. Ricoprì il ruolo di addetto ai Servizi Materiali ed Aeroporti fino al termine del conflitto, venendo particolarmente apprezzato dagli alleati tedeschi per le sue capacità.

Assieme ad Ugo Drago e Duilio Fanali risulterebbe accreditato di 15 abbattimenti conseguiti tra le Guerra di Spagna e il secondo conflitto mondiale,[1] settimo risultato tra i piloti della Regia Aeronautica.[11]

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere dell'Ordine Militare di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Militare di Savoia
«Organizzatore, combattente, trascinatore, sapeva infondere nei suoi uomini le proprie doti di slancio e di ardimento, conseguendo nel corso di durissimi combattimenti contro un nemico sempre superiore di numero fulgide vittorie che contribuivano decisamente ai successi delle operazioni aeree in Marmarica. Marmarica, 7 maggio 1941-XIX-25 dicembre 1941-XX.[12]»
Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valor militare
«Comandante di una squadriglia da incursione veloce e da ricognizione lontana, otteneva in breve dal proprio reparto grande rendimento bellico. Partecipava alle azioni dello Scirè, dell'Ascianghi ed a quelle su Dessiè ed Addis Abeba. A passo Dufat conduceva per due volte nella stessa giornata una formazione nel mitragliamento a bassa quota, riuscendo a disperdere il nemico in forze. Rientrava alla base con tutti gli apparecchi colpiti. Cielo dello Scirè, dell'Ascianghi di Dessiè, di Addis Abeba, febbraio-maggio 1936-XV.»
Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valor militare
«Comandante di squadriglia da incursione veloce, durante lungo ciclo operativo dava prova di costante perizia, ardire e coraggio. Portava con la propria squadriglia un largo contributo al successo, atterrando fra i primi sul campo di Lekemti in condizioni particolarmente difficili e affrontando con sereno sprezzo del pericolo incerto contegno degli indigeni del luogo. Cielo dell'A.O., giugno-dicembre 1936.»
Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valor militare
«Volontario in missione di guerra per la supremazia degli ideali fascisti, con ardimento, perizia e capacità partecipava, al comando di una squadriglia da caccia, a numerose missioni belliche ed a un combattimento, durante il quale manovrava con abilità ed intuito il suo scaglione, collaborando validamente all'azione vittoriosa del gruppo che si concludeva con l'abbattimento di diciannove apparecchi nemici. Affidatogli successivamente un reparto costituito da nuovi velivoli da caccia, ne curava, con energia e competenza, l'inquadramento e lo portava brillantemente all'impiego vittorioso. Cielo di Spagna, ottobre 1938-marzo 1939-XVII.»
Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valor militare
«Comandante di un gruppo da caccia terrestre partecipava alla testa del proprio reparto ad una brillante azione di mitragliamento a bassa quota su munitissima base nemica conseguendo la distruzione di dodici velivoli e cinquanta automezzi ed abbattendo, nel successivo combattimento sostenuto contro la caccia avversaria, altri quattordici apparecchi nemici, di cui due in azione individuale. Cielo di Sidi el Barrani, 3 settembre 1941-XIX.»
— 17 agosto 1942-XX
Medaglia di bronzo al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di bronzo al valor militare
«Comandante di squadriglia, dopo essersi distinto in precedenti voli di guerra per ardire, perizia e coraggio, successivamente, durante la preparazione, l'attacco e l'inseguimento di armati di Ras Destà, al comando di una pattuglia di Ro-37, partecipava a numerosi bombardamenti e mitragliamenti condotti tutti a volo rasente e dimostrando sempre spirito combattivo e valore. Cielo dell'A.O., gennaio 1937-XV.»
Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia
— 21 aprile 1940[13]
Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila romana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila romana
  • Medaglia d'onore del Fascio da combattimento

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Massimello, Apostolo 2000, p.85
  2. ^ Lioy 1965, p.184
  3. ^ a b c Logoluso 2010, p.81
  4. ^ Denominato prima della partenza dall'Italia "Gruppo Sperimentale Caccia G.50".
  5. ^ Pedriali 2014, p. 27
  6. ^ a b c d Dunning 1988, p. 28
  7. ^ Inquadrato nel 56º Stormo Caccia Terrestre (Ten. Col. pilota Umberto Chiesa) contava su 351ª (9 G 50), 352ª (9 G 50) e 353ª Squadriglia (7 G 50, 4 CR 32).
  8. ^ a b Dunning 1988, p. 29
  9. ^ Il reparto perse 6 piloti tra i quali la Medaglia d'oro al valor militare Cap. Mario Montefusco.
  10. ^ Quirinale
  11. ^ Le sue vittorie sono oggetto di controversia, secondo alcuni autori sarebbero ben 17, mentre secondo altri, tra cui Giovanni Massimello, molte di meno.
  12. ^ Ufficio Storico dell'Aeronautica Militare 1969, p. 59
  13. ^ Supplemento ordinario alla Gazzetta del Regno d'Italia n.277 del 27 novembre 1940-XIX.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Chris Dunning, Combat Units od the Regia Aeronautica. Italia Air Force 1940-1943, Oxford, Oxford University Press, 1988, ISBN 1-87118-701-X.
  • Paolo Ferrari, Giancarlo Garello, Le ali del ventennio: l'aviazione italiana dal 1923 al 1945. Bilanci storiografici e prospettive di giudizio, Milano, Franco Angeli Storia, 2005, ISBN 8-84645-109-0.
  • Paolo Ferrari, Giancarlo Garello, L'Aeronautica italiana. Una storia del Novecento, Milano, Franco Angeli Storia, 2004, ISBN 8-84645-109-0.
  • (EN) Robin Higham, Brian R. Sullivan, Why Air Forces Fail: The Anatomy of Defeat, Lexington, university Press of Kentucky, 2006, ISBN 0-81317-174-1.
  • Vincenzo Lioy, L'Italia in Africa. L'opera dell'Aeronautica (1919-1937) Vol.2, Roma, Istituto Poligrafico dello Stato, 1965.
  • (EN) Alfredo Logoluso, Fiat C.R.32 Aces of the Spanish Civil War, Osprey Aircraft of the Aces No 94, Osprey Publishing, 2010, ISBN 978-1-84603-984-3.
  • (EN) Giovanni Massimello, Giorgio Apostolo, Italian Aces of World War 2, Osprey Aircraft of the Aces No 34, Osprey Publishing, 25 novembre 2000, ISBN 1-84176-078-1.
  • Mirko Molteni, L'aviazione italiana 1940-1945 – Azioni belliche e scelte operative, Bologna, Odoya, 2012, ISBN 978-88-6288-144-9.
  • Ordine Militare d'Italia 1911-1964, Roma, Ufficio Storico dell'Aeronautica Militare, 1925.
  • Franco Pagliano, Aviatori italiani: 1940-1945, Milano, Ugo Mursia Editore, 2004, ISBN 8-84253-237-1.
  • Gianni Rocca, I disperati - La tragedia dell'aeronautica italiana nella seconda guerra mondiale, Milano, 1993, ISBN 88-04-44940-3.

Periodici[modifica | modifica sorgente]

  • Paolo Giuffoni, L'Aeronautica Nazionale Repubblicana in Aeronautica, Roma, Associazione Arma Aeronautica, ottobre 2011.
  • Giovanni Massimello, Ancora sugli assi italiani in Storia Militare, nº 28, Parma, Ermanno Albertelli Editore, gennaio 1996, pp. 15-19.
  • Ferdinando Pedriali, Il Fiat G.50 dal progetto alla Spagna in Storia Militare, nº 251, Parma, Ermanno Albertelli Editore, agosto 2014, pp. 15-19.


Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]