Maria Emanuela d'Aviz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Regno del Portogallo Casa d'Aviz
Ordem Avis.svg

Giovanni I
Edoardo I
Alfonso V
Giovanni II
Manuele I
Giovanni III
Sebastiano I
Enrico I
Maria Emanuela del Portogallo

Maria Emanuela d'Aviz (Coimbra, 15 ottobre 1527Valladolid, 12 luglio 1545) era la seconda figlia di Giovanni III del Portogallo e di Caterina d'Asburgo.

Matrimonio[modifica | modifica sorgente]

Stemma di Maria Emanuela d'Aviz, Principessa delle Asturie

Coat of Arms of Maria Manuela of Portugal as Princess Consort of Asturias.svg


Fu data in sposa nel 1543 al cugino, il futuro re Filippo II di Spagna. Era infatti figlia della sorella minore di Carlo V, padre di Filippo.

Per la giovane età degli sposi, per i fini prettamente dinastici dei matrimoni a quel tempo e anche per il carattere schivo del principe, Filippo trattò sempre freddamente la giovane moglie.

I due coniugi svolgevano una vita separata benché vivessero sotto lo stesso tetto.

Per questo suo comportamento, che avrebbe dimostrato anche con la successiva moglie, Maria Tudor, freddo e distaccato, Filippo fu spesso rimproverato sia dal padre che dai suoceri.

Nelle numerose lettere che l'imperatore rivolgeva al figlio, egli indicava, tra l'altro, l'obbligo che un principe e futuro regnante doveva al bene dello Stato e della dinastia Asburgo: dare eredi.

Discendenza e morte[modifica | modifica sorgente]

Nel 1545 nacque dunque il primo figlio di Filippo e l'ultimo della coppia: don Carlos. La giovane Maria Emanuela infatti morì in seguito alle complicanze del parto. Neanche di fronte al lutto il marito dimostrò particolare affetto per la giovane sposa, né rimase turbato.

Il piccolo, a cui fu messo il nome del nonno paterno, avrebbe in futuro dato non pochi problemi al padre, per via del carattere violento e irascibile.

Filippo si risposò altre tre volte: con Maria I Tudor, Elisabetta di Valois e Anna d'Austria.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Geoffrey Parker.Un solo re, un solo impero. Bologna, Il Mulino, 1985. ISBN 88-15-06666-7
  • Altre informazioni sono state prese dalla corrispondente voce nella Wikipedia in lingua spagnola.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 2904076 LCCN: n90624461