Luigi Pigorini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
sen. Luigi Pigorini
Stemma del Regno d'Italia Parlamento del Regno d'Italia
Senato del Regno d'Italia
LuigiPigorini.jpg
Luogo nascita Fontanellato
Data nascita 10 gennaio 1842
Luogo morte Padova
Data morte 1 aprile 1925
Legislatura XXIII
Data 17 marzo 1912

Luigi Pigorini (Fontanellato, 10 gennaio 1842Padova, 1 aprile 1925) è stato un archeologo italiano. Gli sono stati intitolati un museo omonimo a Roma e una galleria a Parma.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Luigi Pigorini
Fontanellato, lapide sulla casa natale

All'età di sedici anni, nel 1858, viene nominato "alunno" presso il Museo d'Antichità di Parma.

Gli incontri con Pellegrino Strobel, professore di Scienze Naturali all'Università di Parma e con Gaetano Chierici, direttore del Gabinetto di Antichità Patrie di Reggio Emilia, sono l'inizio delle ricerche archeologiche in territorio parmense.

Nel 1863 inizia a viaggiare in Svizzera, Toscana, ma anche a Roma e Napoli; tiene inoltre dei corsi a Parma dove ricorre a diversi materiali per spiegare gli usi e le funzioni di strumenti preistorici.

Pochi anni dopo la laurea in Scienze Politiche e Amministrative viene nominato direttore del Museo di Antichità di Parma.

Nel 1875 fonda con Chierici e Strobel il Bullettino di Paletnologia Italiana e, nello stesso anno, entra nella Direzione Generale dei Musei e degli Scavi d'Antichità del Regno a Roma, dove propone al Ministro della Pubblica Istruzione, Ruggero Bonghi, la fondazione del Museo Preistorico Etnografico di Roma, che viene inaugurato nel 1876 e oggi porta il suo nome.

Nel 1877 ottenne la prima cattedra di Paletnologia dell'Università di Roma istituita dal Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione, della quale fu titolare per circa 40 anni.

Gli incarichi di Pigorini continueranno fino alla nomina di senatore nel 1912[1] e vicepresidente del Senato nel 1919, incarico che mantenne fino alla morte avvenuta a Padova, presso la casa del figlio, dove si era ritirato per infermità, il 1º aprile 1925.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze italiane[modifica | modifica sorgente]

Grand'Ufficiale dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
Cavaliere dell'Ordine Civile di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Civile di Savoia
Grand'Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Grand’Ufficiale dell’Ordine di San Carlo (Principato di Monaco) - nastrino per uniforme ordinaria Grand’Ufficiale dell’Ordine di San Carlo (Principato di Monaco)
Commendatore dell’Ordine del Salvatore (Regno di Grecia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell’Ordine del Salvatore (Regno di Grecia)
Cavaliere di III classe dell'Ordine dell'Aquila Rossa (Germania) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di III classe dell'Ordine dell'Aquila Rossa (Germania)
Cavaliere dell'Ordine della Stella Polare (Svezia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Stella Polare (Svezia)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Scheda dal sito del Senato

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 64310655 SBN: IT\ICCU\LO1V\153008