Lubumbashi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lubumbashi
città
Lubumbashi – Stemma
Lubumbashi – Veduta
Localizzazione
Stato RD del Congo RD del Congo
Provincia Katanga
Territorio
Coordinate 11°40′S 27°28′E / 11.666667°S 27.466667°E-11.666667; 27.466667 (Lubumbashi)Coordinate: 11°40′S 27°28′E / 11.666667°S 27.466667°E-11.666667; 27.466667 (Lubumbashi)
Superficie 747 km²
Abitanti 1 139 064 (2001)
Densità 1 524,85 ab./km²
Altre informazioni
Fuso orario UTC+2
Cartografia
Mappa di localizzazione: Repubblica democratica del Congo
Lubumbashi
Lubumbashi – Mappa

Lubumbashi (chiamata in passato Elisabethville) è la seconda città della Repubblica Democratica del Congo (ex Zaire) ed è la capitale della provincia sud orientale dell'Haut-Katanga (ex Shaba già Katanga) in base alla nuova Costituzione del 2005.

Lubumbashi è un'importante città mineraria posta a 1000 metri di altezza vicino al confine con lo Zambia ed ha una popolazione stimata di 1,2 milioni di abitanti. La città ha un aspetto piacevole anche se ha subito notevoli danni durante la guerra civile.

Storia[modifica | modifica sorgente]

I colonizzatori belgi fondarono la città di Elisabethville (Elisabethstad in fiammingo) nel 1910. La città ebbe un notevole sviluppo grazie allo sfruttamento delle ricche miniere di rame della regione. I minatori di Elisabethstad proclamarono uno sciopero nel 1941 per protestare contro il rigido regime di lavoro forzato imposto dai belgi.

I belgi fondarono l'Università di Elisabethville (oggi Università di Lubumbashi) nel 1954. Nelle elezioni municipali del dicembre 1957 i votanti diedero una larga maggioranza all'Alleanza nazionalista di Bakongo che richiedeva l'immediata indipendenza del paese.

Lubumbashi è stata la capitale ed il centro delle attività secessioniste della provincia di Katanga durante la sanguinosa guerra civile congolese dal 1960 al 1963. Moise Tshombe (o Ciombe) proclamò l'indipendenza del Katanga nel luglio del 1960. Ciombe fu arrestato ed incriminato di tradimento nell'aprile del 1961. Il leader secessionista in cambio della propria liberazione si accordò per allontanare i suoi consulenti e le forze militari straniere. Ciombe ritornò ad Elisabethville ma non rispettò gli accordi e ricominciò a combattere. Solo l'intervento delle forze armate inviate dalle Nazioni Unite permise di riprendere il controllo di Elisabethville nel dicembre 1961.
Mobutu Sese Seko allorquando assunse il potere dittatoriale impose una campagna di africanizzazione e fece rinominare la città nel 1966 con il nome attuale. Allo stesso modo nel 1972 nel tentativo di fare dimenticare il tentativo di secessione rinominò il Katanga con il nome Shaba.
Il Congo è stato insanguinato da un'altra guerra civile negli anni novanta. I ribelli dell'Alleanza delle Forze Democratiche per la Liberazione del Congo conquistarono Lubumbashi nell'aprile del 1997. Il leader ribelle Laurent-Désiré Kabila si autoproclamò da Lubumbashi presidente della Repubblica Democratica del Congo il 17 maggio 1997 dopo la fuga di Mobutu da Kinshasa.

Economia e cultura[modifica | modifica sorgente]

Banca commerciale del Congo.

Lubumbashi è un importante centro commerciale per il commercio di rame, cobalto, zinco, stagno e carbone ed industriale con industrie tessili, alimentari, tipografiche, dei mattoni e fonderie di rame. La città è al centro delle linee ferroviarie per Ilebo, Kindu e Kolwezi ed è servita dal moderno aeroporto di Luano. Punti di interesse in città sono il giardino botanico, lo zoo, una birreria ed il Museo Nazionale.

Lubumbashi ha un giornale quotidiano ed ospita l'Università di Lubumbashi con la sua biblioteca.

Dal 2008, vi ha luogo Picha Biennale de Lubumbashi, biennale di fotografia contemporanea.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]