Las Meninas (Velázquez)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Las Meninas
Las Meninas
Autore Diego Velázquez
Data 1656
Tecnica olio su tela
Dimensioni 318 cm × 276 cm 
Ubicazione Museo del Prado, Madrid

Las Meninas è un dipinto a olio su tela di 318 × 276 centimetri realizzato nel 1656 dal pittore Diego Velázquez. È conservato nel Museo del Prado di Madrid.

In quest'opera è dipinta l'Infanta Margarita, la figlia maggiore della nuova regina, circondata dalle sue dame di corte.

Alla sua sinistra compare Doña Maria Augustina de Sarmiento, ed alla sua destra Doña Isabel de Velasco, la sua nana ed il suo mastino, oltre che da altri membri della corte spagnola. Velázquez si trova di fronte al suo cavalletto.

È una composizione di enorme impatto raffigurativo. L'Infanta Margarita si erge orgogliosamente in mezzo alle sue damigelle d'onore, con una nana a destra. Sebbene sia la più piccola, è evidentemente la figura centrale. Una delle sue damigelle si sta inginocchiando di fronte a lei, mentre l'altra si sta piegando verso di lei, cosicché l'Infanta, in piedi, con la sua larga gonna con guardinfante, diventa il fulcro dell'azione. La nana, circa delle stesse dimensioni dell'Infanta ma un po' ingrandita dalla maggior vicinanza all'osservatore, è così brutta che, per contrasto, Margarita appare più delicata, fragile e preziosa.

Sulla sinistra del quadro, scuro e calmo, si può vedere il pittore stesso in piedi di fronte alla sua grande tela; questo è uno dei migliori autoritratti di Velázquez

Nello specchio sopra la testa dell'Infanta si riflette la coppia regnante.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nella Spagna del XVII secolo, i pittori raramente raggiungevano un elevato status sociale. La pittura era considerata un mestiere, non un'arte come la poesia o la musica.[1]

Durante gli ultimi otto anni della sua vita, Velázquez dipinse pochi quadri, per la maggior parte ritratti della famiglia reale.[2] Quando dipinse Las Meninas, egli era già stato 33 anni con la Corte.

L'Infanta Margherita (1651–73), in abito da lutto per suo padre nel 1666, opera di Juan del Mazo. La rappresentazione sullo sfondo include suo fratello minore Carlo II e la nana Maribarbola, che si trova anche in Las Meninas. In quello stesso anno Margherita lasciò la Spagna per sposarsi a Vienna.[3]

La prima moglie di Filippo IV, Elisabetta di Borbone, morì nel 1644 e il loro unico figlio, Baltasar Carlos, morì due anni più tardi. In mancanza di un erede, Filippo sposò Marianna di Austria nel 1649 e Margherita (1651–1673) fu la loro primogenita, nonché loro unica figlia al momento del dipinto. Successivamente nacquero Felipe Prospero (1657–1661), e poi Carlo II (1661–1700) che successe al trono all'età di quattro anni.

Velázquez dipinse ritratti di Marianna e dei suoi figli[2] e, nonostante lo stesso Filippo resistesse ad essere ritratto a causa dell'età avanzata, permise a Velázquez di includerlo nel quadro Las Meninas, seppur non in maniera diretta. Attorno al 1650 diede a Velázquez la Pieza Principal ("sala principale") dell'ultimo appartamento di Carlo Baldassarre da usare come studio. È qui che è ambientato Las Meninas. Filippo aveva la sua sedia nello studio e voleva spesso sedere e vedere Velázquez al lavoro. Nonostante fosse costretto a una rigida etichetta, il re amante dell'arte sembra che abbia avuto un'inusuale amicizia con il pittore. Dopo la morte di Velázquez, egli scrisse "Sono annientato" a margine di una comunicazione riguardo alla scelta del suo successore.[4]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Las Meninas è ambientato nello studio di Velázquez, ubicato nel Real Alcázar di Filippo IV, a Madrid.[5]

Stile[modifica | modifica wikitesto]

La struttura ed il posizionamento spaziale delle figure è tale che il gruppo di damigelle intorno all'Infanta sembra stare dal "nostro" lato, di fronte a Filippo IV e sua moglie Marianna. Non solo il quadro è dipinto per loro beneficio, ma anche l'attenzione del pittore è concentrata su di essi, poiché sembra che stia lavorando al loro ritratto. Nonostante possano essere visti solo nel riflesso dello specchio, re e regina sono il vero punto focale del dipinto verso cui sono diretti gli sguardi di quasi tutti i personaggi. Come spettatori, capiamo di essere esclusi dalla scena, poiché al nostro posto c'è la coppia regnante. Ciò che sembra a prima vista un dipinto "aperto" si dimostra essere completamente ermetico - una affermazione ulteriormente intensificata dal fatto che il dipinto di fronte a Velázquez è completamente nascosto alla nostra vista.

Luca Giordano definì Las Meninas la «teologia della pittura», un altro modo di esprimere l'opinione di Thomas Lawrence, secondo cui quest'opera sarebbe la filosofia dell'arte, essendo così vera nel rendere l'effetto desiderato. Si narra la storia che il re dipinse la croce rossa di Santiago sul petto del pittore, così come appare oggi sulla tela.

Il celeberrimo artista del Novecento e co-inventore del cubismo, Pablo Picasso, dipinse una serie di interpretazioni de Las Meninas nel 1957, alcune delle quali riempiono un'intera stanza al Museo Picasso di Barcellona.

Il critico teorico Michel Foucault scrisse un'interpretazione di questo quadro nell'introduzione del suo libro Les Mots et les choses, mettendone soprattutto a fuoco l'aspetto che esibisce i primi segni di una nuova epistéme nell'arte europea, poiché tentava di permettere al pubblico del dipinto di diventare la figura sovrana - il vero fulcro dell'arte della rappresentazione è a stento rappresentato: «la necessaria scomparsa [...] della persona cui assomiglia e della persona nei cui occhi è solo una somiglianza».

Lo specchio potrebbe essere in realtà uno specchio-spia, da cui si può osservare senza essere osservati. I due sovrani erano nascosti dietro questo specchio, quando José Nieto, in fondo sulle scale, sposta la tenda, facendo entrare la luce dietro lo specchio-spia, illuminando così i due sovrani che fino a quel momento erano invisibili. Il pittore e la corte, che stanno tutti davanti a uno specchio (che corrisponde alla superficie pittorica del quadro del Prado e che quindi l'osservatore non vede) preparandosi alla realizzazione di un ritratto pittorico della Principessa in primo piano, vedono riflessa nello specchio davanti a loro l'immagine dei due sovrani appena illuminati dalla luce che Nieto ha fatto entrare (sembra quasi che quest'ultimo indichi i due sovrani). Lo specchio in fondo all'atelier non riflette i due sovrani, ma li nasconde fino al momento in cui non vengono illuminati dall'interno, apparendo così alla loro famiglia, che viene colta di sorpresa. Tuttavia questa tesi appare alquanto insostenibile in quanto, all'epoca, la superficie riflettente degli specchi era costituita da una lastra di argento, e questo ne impediva la "trasparenza".

Influenze[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1692, il pittore napoletano Luca Giordano (1634–1726) divenne uno dei pochi autorizzati a vedere le opere che stavano negli appartamenti privati di Filippo IV, e rimase molto impressionato da Las Meninas. Giordano definì l'opera la "teologia della pittura",[6] e ad essa si ispirò per dipingere omaggio a Velázquez (National Gallery, Londra).[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dambe, Sira. "Enslaved sovereign: aesthetics of power in Foucault, Velazquez and Ovid". Journal of Literary Studies, dicembre 2006.
  2. ^ a b Carr (2006), p. 46.
  3. ^ Prado (1996), p. 216.
  4. ^ Canaday, John. Pittori barocchi. (Prima Edizione nel 1969, in Le vite dei pittori). New York: Norton Library, 1972. Vedere anche: Kahr (1975), quoting Pacheco.
  5. ^ Alpers (2005), p. 185.
  6. ^ White (1969), pp. 140–41.
  7. ^ Brady (2006), p. 94.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

pittura Portale Pittura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pittura