Laridae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Gabbiani
Seagull in flight by Jiyang Chen.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Charadriiformes
Sottordine Lari
Famiglia Laridae
Rafinesque, 1815
Sottofamiglie
Un esemplare di Gabbiano
Un esemplare di Larus occidentalis
Un immaturo di Gabbiano reale mediterraneo sulla spiaggia di Noli
Larus cachinnans al Vittoriano, Roma
Gabbiano comune a Londra
Immaturo di Gabbiano reale mediterraneo sulla scogliera di Porto Venere

Gabbiani, sterne e becchi a cesoia (Laridae Rafinesque, 1815) formano una famiglia di uccelli marini dell'ordine dei Caradriiformi. Pur essendo uccelli di mare, diverse colonie vivono su grandi laghi (p.es. il lago di Garda) o si cibano nell'entroterra.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

La tassonomia dei Laridi è stata rivista di recente[1]. Fino a poco tempo fa sterne e becchi a cesoia erano classificati in famiglie separate (Sternidae e Rynchopidae, rispettivamente)[2], ma a seguito di studi filogenetici queste famiglie sono riconfluite nei Laridi[1]. Attualmente la famiglia viene suddivisa in due sottofamiglie: Sterninae, ovvero le sterne propriamente dette, e Larinae, ovvero i gabbiani. Alcune specie sono considerate Laridi basali e non hanno ancora una sistemazione certa[3]. La famiglia comprende 23/24 generi[1][3] (tra parentesi il numero di specie).

Laridae basali:

Sottofamiglia Larinae:

Sottofamiglia Sterninae:

Evoluzione[modifica | modifica sorgente]

I più antichi fossili appartenenti alla famiglia Laridae risalgono all'oligocene inferiore, risalendo ad un periodo compreso tra i 33 e i 30 milioni di anni fa. Un gabbiano fossile del tardo miocene è stato ritrovato nella Contea di Cherry, Nebraska, USA, ed è stato inserito nel genere preistorico Gaviota, mentre tutti gli altri fossili sono provvisoriamente assegnati al moderno genere Larus. Il "Larus" elegans e il "Larus" totanoides del sud-est della Francia, risalenti al Chattiano, sono stati separati nella famiglia dei Laricola.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Order Charadriiformes in IOC World Bird Names (ver 4.2), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato il 18 maggio 2014.
  2. ^ (EN) E. S. Bridge, Jones, A. W. & Baker, A. J., A phylogenetic framework for the terns (Sternini) inferred from mtDNA sequences: implications for taxonomy and plumage evolution in Molecular Phylogenetics and Evolution, vol. 35, 2005, pp. 459–469.
  3. ^ a b Laridae su TiF (Taxonomy in Flux). URL consultato il 19 maggio 2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli