Sterninae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Sterninae
Sterna paradisaea.jpg
Sterna codalunga
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Ordine Charadriiformes
Sottordine Lari
Famiglia Laridae
Sottofamiglia Sterninae
Generi

Sterninae è una sottofamiglia di uccelli Laridi dell'ordine dei caradriiformi a cui appartengono le sterne propriamente dette.

Sono abili volatori e vivono in prossimità di corsi d'acqua o presso le coste marine. Si cibano di pesci, gamberi, vermi ed insetti. La loro lunghezza varia dai 20 ai 56 cm; hanno le remiganti lunghe e strette, la coda spesso forcuta e il becco diritto e terminante a punta. Le dita sono unite da una membrana natatoria e si procurano il cibo tuffandosi in acqua. Si riuniscono, in genere, in colonie per la cova; le uova, ed anche i piccoli, presentano di norma macchie scure su di un fondo chiaro. Le prede vengono introdotte direttamente nel becco dei piccoli, senza essere prima ingoiate dall'adulto e poi rigettate.

Sono diffusi in tutto il mondo, in prevalenza nelle zone tropicali e sub-tropicali.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

In passato la sottofamiglia era stata elevata a famiglia (Sternidae)[1][2], ma secondo la IOC le differenze genetiche tra sterne e gabbiani non sono tali da giustificare la separazione[3]. Alla sottofamiglia appartengono le seguenti specie[3]:
Sottofamiglia Sterninae

In precedenza facevano parte delle Sterninae anche le seguenti specie, ora considerate come Laridae basali[4]:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Marcel van Tuinen, Waterhouse, David M & Dyke, Gareth J., Avian molecular systematics on the rebound: a fresh look at modern shorebird phylogenetic relationships in Journal of Avian Biology, vol. 35, nº 3, 2004, pp. 191–194.
  2. ^ (EN) E. S. Bridge, Jones, A. W. & Baker, A. J., A phylogenetic framework for the terns (Sternini) inferred from mtDNA sequences: implications for taxonomy and plumage evolution in Molecular Phylogenetics and Evolution, vol. 35, 2005, pp. 459–469.
  3. ^ a b (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Laridae in IOC World Bird Names (ver 4.2), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato il 16 maggio 2012.
  4. ^ Charadriiformes su TiF. URL consultato il 16 maggio 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli