La ragazza che saltava nel tempo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
La ragazza che saltava nel tempo
film anime
Una scena del film
Una scena del film
Titolo orig. 時をかける少女
(Toki wo kakeru shōjo)
Lingua orig. giapponese
Paese Giappone
Autore Yasutaka Tsutsui
Regia Mamoru Hosoda
Sceneggiatura Satoko Okudera
Character design Yoshiyuki Sadamoto
Animazione
Musiche
1ª edizione 2006
Aspect ratio 16:9
Durata 98'
Rete it. Rai 4
1ª edizione it. 24 dicembre 2009
Generi fantastico, sentimentale
La ragazza che saltava nel tempo
manga
Titolo orig. 時をかける少女
(Toki wo kakeru shōjo)
Autore Yasutaka Tsutsui
Disegni Gaku Tsugano
Editore Kadokawa Shoten
1ª edizione 27 aprile 2004 – 28 giugno 2004
Tankōbon 2 (completa)
Editore it. Panini comics
1ª edizione it. 28 giugno 2008 – 24 luglio 2008
Formato it. 13 × 18 cm
Pagine it. 200
Target shōjo
Generi soprannaturale, sentimentale
La ragazza che saltava nel tempo (Tokikake)
manga
Titolo orig. 時をかける少女 -TOKIKAKE-
(Toki wo kakeru shōjo -TOKIKAKE-)
Autore Yasutaka Tsutsui
Disegni Ranmaru Kotone
Character design Yoshiyuki Sadamoto
Editore Kadokawa Shoten
1ª edizione 26 luglio 2006
Tankōbon unico
Editore it. Panini comics - Planet Manga
1ª edizione it. 28 agosto 2008
Target shōjo
Generi soprannaturale, sentimentale

La ragazza che saltava nel tempo (時をかける少女 Toki wo kakeru shōjo?) è un film d'animazione giapponese prodotto nel 2006 dalla MADHOUSE, diretto da Mamoru Hosoda e basato sul romanzo omonimo di Yasutaka Tsutsui, di cui l'anime rappresenta una continuazione. In Italia è stato pubblicato in DVD dalla casa editrice francese Kaze; è stato trasmesso nel 2009 sulla rete televisiva digitale Rai 4.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Makoto Konno è una studentessa delle superiori; un giorno inciampa nel laboratorio di scienze e per sbaglio urta un congegno che, come sarà rivelato più tardi, consente di viaggiare nel tempo. Quando la fanciulla cade dalla propria bicicletta per essere travolta da un treno e inaspettatamente si salva, scopre che, se compie un salto abbastanza lungo, può tornare indietro nel tempo ad un momento a scelta della sua vita.

Makoto inizia quindi ad utilizzare questo potere per risolvere le piccole problematiche della sua vita o semplicemente per divertirsi. D'altra parte, come le fa notare la sua confidente, la zia restauratrice, scopre che ogni sua azione va ad influire sugli eventi quasi sempre in modo catastrofico e di conseguenza viene costretta ad usare ripetutamente il suo potere per porre rimedio ai problemi che lei stessa, pur non volendolo, ha causato.

Così, quando il suo amico Chiaki Mamiya le confida di essere innamorato di lei, Makoto torna indietro nel tempo per evitare di sentirselo dire e quindi continuare ad avere un rapporto d'amicizia con il ragazzo, finendo per costringerlo a cedere alle avance di un'altra fanciulla, che si fidanza con lui.

Anche l'altro suo amico, Kōsuke Tsuda, finisce per innamorarsi di lei e glielo rivela: anche in questo caso, Makoto sfrutta il suo potere per fare in modo che il ragazzo si fidanzi con Kaho, la fanciulla della cui nonna Kōsuke s'è preso cura, quando era un volontario in una casa di ricovero per anziani. Nel frattempo, Makoto ha scoperto un numero tatuato sul suo braccio: esso indica quanti salti nel tempo le sono ancora possibili. Gliene resta ancora uno, quando impulsivamente decide di evitare una telefonata di Chiaki, che le rivela di sapere che lei salta nel tempo. Ciò, però, le impedisce di salvare Kōsuke e Kaho, i quali vengono investiti dallo stesso treno che all'inizio della storia doveva travolgere lei.

Proprio nel momento in cui la fanciulla, che ha tentato fino all'ultimo di fermarli, assiste con orrore all'incidente, il tempo improvvisamente si ferma. È stato Chiaki che confessa di provenire dal futuro: le mostra il congegno che ha consentito a Makoto di saltare nel tempo e le rivela di essere tornato nel passato per vedere un dipinto (che ha restaurato la zia di Makoto). Infine, Chiaki le dice che ha usato il suo ultimo salto per salvare Kōsuke e che quindi ora non può più tornare al futuro, ma neppure continuare a frequentarla, poiché nel futuro non è permesso parlare alla gente del passato dei salti nel tempo e chiunque violi questa regola è destinato a sparire. Makoto, in lacrime, cerca di fermarlo: è solo allora che capisce di amarlo veramente.

La vita ricomincia normalmente, ma Makoto non riesce a dimenticare i propri sentimenti. D'altra parte, scopre che in seguito all'intervento di Chiaki sulla linea temporale il suo ultimo salto nel tempo non è mai avvenuto, restituendole la possibilità di saltare nel tempo un'altra volta. Decide allora di tornare al momento in cui, nel laboratorio, ha trovato il congegno, cioè all'inizio della storia.

Quando finalmente trova il ragazzo, gli racconta ogni cosa (Chiaki, infatti, ancora non sa che il se stesso futuro le ha rivelato la verità). Poco prima di tornare al proprio mondo, Chiaki la abbraccia, dicendole che la aspetterà nel futuro. Makoto, felice, gli risponde che gli correrà incontro.

Doppiatori[modifica | modifica wikitesto]

Personaggio Seiyū Doppiatore italiano Doppiatore inglese Doppiaggio francese Doppiaggio tedesco Doppiaggio russo
Makoto Konno Riisa Naka Patrizia Mottola Emily Hirst Helene Bizot Anne Helm Nadezhda Savrasova
Chiaki Mamiya Takuya Ishida Marco Benedetti Andrew Francis François Creton Daniel Schlauch Alexey Kobelyuk
Kōsuke Tsuda Mitsutaka Itakura Davide Albano Alex Zahara Patrick Pellegrin Norman Matt Dmitriy Kartashov
Yuri Hayakawa Ayami Kakiuchi Tosawi Piovani Kristie Marsden Agnès Manoury Catrin Dams Yevgeniya Zhukova
Kaho Fujitani Mitsuki Tanimura Ludovica De Caro Natalie Walters Francoise Escobar Rubina Kuraoka Margarita Ivanova
Kazuko Yoshiyama Sachie Hara Paola Della Pasqua Saffron Henderson Olivia Dutron Silke Matthias Mavlyuda Gulyamova
Miyuki Konno Yuki Sekido Serena Clerici Shannon Chan-Kent Gwenäelle Julien Libell Barthel Yuliya Skvortsova

Il doppiaggio italiano è stato diretto da Silvana Fantini.

Colonna sonora originale[modifica | modifica wikitesto]

  1. Natsuzora
  2. Sketch
  3. Area
  4. Karakuri Dokei
  5. Shojo no Fuan
  6. Sketch
  7. DAYLIFE
  8. Daiichi Hensokyoku
  9. Mirai no Kioku
  10. Seijaku
  11. Kawaranai Mono
  12. Natsuzora Outro Theme
  13. Time Leap
  14. Natsuzora (long version)
  15. Garnet

Tra le musiche non originali utilizzate nel film vi sono alcuni brani dalle Variazioni Goldberg di Johann Sebastian Bach, a rappresentare gli eventi che si susseguono sempre simili, ma mai uguali.

Manga[modifica | modifica wikitesto]

L'opera di Yasutaka Tsutsui ha ricevuto anche due distinti adattamenti manga: il primo risale al 2004 ed è stato illustrato dall'artista Gaku Tsugano. Il manga, che conta due volumi, è stato pubblicato da Kadokawa Shoten. Lo stesso editore ha lanciato il manga di un solo volume intitolato Toki wo kakeru shōjo -TOKIKAKE-, opera uscita in concomitanza con il film, per promuoverlo.

Volumi[modifica | modifica wikitesto]

Titolo italiano
GiapponeseKanji」 - Rōmaji
Data di prima pubblicazione
Giappone Italia
La ragazza che saltava nel tempo (2 volumi)
1 La Ragazza che Saltava nel Tempo 1
「時をかける少女(1)」 - Toki wo kakeru shōjo 1
27 aprile 2004 [1]
ISBN 4-04-713620-4
26 giugno 2008 [2]
2 La Ragazza che Saltava nel Tempo 2
「時をかける少女(1)」 - Toki wo kakeru shōjo 2
28 giugno 2004 [3]
ISBN 4-04-713640-9
24 luglio 2008 [4]
3 La Ragazza che Saltava nel Tempo (Tokikake)
「時をかける少女 -TOKIKAKE-」 - Toki wo kakeru shōjo -TOKIKAKE-
26 luglio 2006 [5]
ISBN 4-04-713840-1
28 agosto 2008 [6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (JA) 時をかける少女, Kadokawa Shoten. URL consultato il 24 maggio 2014.
  2. ^ Volumetto 1 di La Ragazza che Saltava nel Tempo, AnimeClick.it. URL consultato il 24 maggio 2014.
  3. ^ (JA) 時をかける少女 2, Kadokawa Shoten. URL consultato il 24 maggio 2014.
  4. ^ Volumetto 2 di La Ragazza che Saltava nel Tempo, AnimeClick.it. URL consultato il 24 maggio 2014.
  5. ^ (JA) 時をかける少女 -TOKIKAKE-, Kadokawa Shoten. URL consultato il 24 maggio 2014.
  6. ^ Volumetto 0 di La Ragazza che Saltava nel Tempo (Tokikake), AnimeClick.it. URL consultato il 24 maggio 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]