Johann Tschopp

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Johann Tschopp
Johann Tschopp-IMG 1212.JPG
Tschopp al Tour de Romandie 2011
Dati biografici
Nazionalità Svizzera Svizzera
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Strada
Squadra IAM Cycling IAM Cycling
Carriera
Squadre di club
2003 Phonak Phonak stagista
2004-2006 Phonak Phonak
2007-2009 Bouygues Télécom Bouygues Télécom
2009-2010 Bbox Bouygues Tel. Bbox Bouygues Tel.
2011-2012 BMC BMC
2013- IAM Cycling IAM Cycling
Statistiche aggiornate al gennaio 2013

Johann Tschopp (Miège, 1º luglio 1982) è un ciclista su strada e ciclocrossista svizzero che corre per il team IAM Cycling. È professionista dal 2004.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Dedicatosi inizialmente al ciclocross (partecipa anche ai Campionati del mondo 2003), passa professionista nel 2004 con la Phonak. In seguito allo scioglimento di questa squadra si è trasferito nel 2007 alla Bouygues Télécom, poi diventata Bbox Bouygues Telecom.

La sua vittoria più importante arriva il 29 maggio 2010, nella 20ª tappa del Giro d'Italia, quella con arrivo sul Passo del Tonale[1]. Durante quella tappa Tschopp fu anche il primo a passare in cima al Passo di Gavia, Cima Coppi di quell'edizione della corsa.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

4ª tappa La Tropicale Amissa Bongo (Oyem > Bitam)
20ª tappa Giro d'Italia (Bormio > Ponte di Legno-Tonale)
5ª tappa Tour of Utah (Park City > Snowbird)
Classifica generale Tour of Utah

Altri successi[modifica | modifica sorgente]

Classifica scalatori, Paris-Nice

Piazzamenti[modifica | modifica sorgente]

Grandi Giri[modifica | modifica sorgente]

2005: 41º
2006: 45º
2009: 126º
2010: 34º
2011: 16º
2012: 14º
2007: 93º
2008: 54º
2010: 81º
2011: ritirato
2014: non partito (14ª tappa)

Classiche monumento[modifica | modifica sorgente]

2013: 26º

Competizioni mondiali[modifica | modifica sorgente]

Verona 2004 - In linea Elite: ritirato

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Tschopp brinda sul Tonale. Basso rafforza la rosa in La Gazzetta dello Sport, 29 maggio 2010. URL consultato il 2-6-2010.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]