Jitte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Jitte
十手
Jitte con manico e fodero di tanto
Jitte con manico e fodero di tanto
Tipo Manganello
Origine Giappone Giappone
Impiego
Utilizzatori Forze dell'ordine dello Shogunato
Descrizione
Lunghezza 30-60 cm

[senza fonte]

voci di armi presenti su Wikipedia

Il Jitte (十手 jitte?) o jutte, letteralmente "dieci mani", è un'arma bianca manesca del tipo manganello originaria del Giappone. Composta da una sbarra di ferro immanicata in un'impugnatura, dispone di una sorta di guardia composta da una seconda stanga metallica, di ridotte dimensioni, che diparte dal manico descrivendo un angolo retto quasi fosse una baionetta. Era arma precipua dei funzionari dell'ordine pubblico[1].

Il jitte è ora l'arma principale dell'arte marziale giapponese Juttejutsu.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Si ritiene che la forma originale del jitte sia stata creata dal leggendario forgiatore di spade Masamune (XIII secolo?), anche se taluni studiosi propendono invece per l'attribuirne l'invenzione al padre, Munsinai. È poi ancora da definirsi se si sia trattato di una evoluzione del sai, altra "daga da botta" nipponica, o se sia stato quest'ultimo a derivare dal jitte. Il dato certo è che il jitte appartiene al novero delle armi tradizionali giapponesi prive di lama sviluppate per equipaggiare le guardie ed i funzionari dello Shogun cui era fatto assoluto divieto, pena la morte, di portare spade, coltelli o quant'altro nel palazzo del loro signore. Il jitte è così divenuta l'arma tradizionale delle forze di polizia nipponiche durante il Periodo Edo (1603-1868).

Costruzione[modifica | modifica sorgente]

La forma del jitte ricorda moltissimo quella del sai, dal quale si differenzia solo per il non avere la guardia ad "U":

  • Il corpo dell'arma è costituito da una solida stanga di ferro (boshin) dalla larghezza solitamente omogenea, seppur esistano modelli più rastremati in prossimità della punta. La sezione del boshin poteva essere circolare o poligonale, mentre la punta (sentan) poteva essere piatta o cuspidata. Esistevano anche jitte con il boshin in legno[2];
  • L'impugnatura (tsuka), ad una mano, è costituita dalla parte terminale della stanga, spesso avvolta in strati di stoffa come l'impugnatura del katana. Un rebbio di ferro (kagi), lungo circa 5 cm, diparte a mo' di guardia dal manico, salendo parallelamente alla stanga. Un anello di metallo (kan) chiude posteriormente il manico dell'arma, permettendo il passaggio di una corda.

Nell'insieme, il jitte rassomiglia quindi più una daga dalla lama non affilata, quasi uno spiedo da guerra ad una mano, più che un manganello vero e proprio. L'arma poteva presentare, occultato nell'impugnatura, un piccolo pugnale, o essere montata nell'impugnatura e nel fodero di una spada corta tipo tanto. La dimensione complessiva standard era di circa 45 cm, con esemplari che potevano variare dai 30 ai 60 cm.

Arma atta ad offendere di botta o di punta, il jitte, grazie al kagi, garantiva all'utente una scherma raffinata. Il rebbio in metallo poteva infatti essere efficacemente usato per bloccare la lama di una spada nemica, forse fin anche a spezzarla, e, pratica certo più diffusa, permetteva di agganciare le vesti o la corazza dell'avversario, oltre che di colpire precisi bersagli "eccellenti" come gli occhi, il naso o la bocca di un nemico privo di elmo[3].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Cunningham, Don (2004), Taiho-Jutsu: Law and Order in the Age of the Samurai, Tuttle Publishing, p. 65.
  2. ^ Louis, Thomas (2008) [e] Ito, Tommy, Samurai: The Code of the Warrior, Sterling Publishing Company, Inc., p. 129.
  3. ^ Mol, Serge (2003), Classical weaponry of Japan: special weapons and tactics of the martial arts, Kodansha International, p. 80

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Cunningham, Don (2004), Taiho-Jutsu: Law and Order in the Age of the Samurai, Tuttle Publishing.
  • Kirby, George (1987) [e] Lee, Mike, Jutte: Japanese power-of-ten-hands weapon, Ohara Publications.
  • Louis, Thomas (2008) [e] Ito, Tommy, Samurai: The Code of the Warrior, Sterling Publishing Company, Inc.
  • Mol, Serge (2003), Classical weaponry of Japan: special weapons and tactics of the martial arts, Kodansha International.
  • Turnbull, Stephen (2008), The Samurai Swordsman: Master of War, Pen & Sword Books Limited.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]