Masamune

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Raffigurazione di Masamune Okazaki

Masamune Okazaki[1] (岡崎 正宗 Okazaki Masamune) (... – ...) è stato un artigiano (forgiatore di spade) giapponese, conosciuto anche come Goro Nyudo Masamune (Sacerdote Goro Masamune)[2].

La mancanza di dati biografici certi rende la sua esistenza parte della leggenda associata alle sue spade. Si ritiene che abbia operato nel periodo compreso fra il 1288 e il 1328. Costruiva spade, dette katana nella lingua giapponese, e pugnali, detti tantō, seguendo la tradizione Soshu. Si ritiene che abbia vissuto nella provincia di Sagami. In suo onore viene consegnato il Premio Masamune durante la Competizione tra Forgiatori di Spade del Giappone.[3]

La Masamune è una "katana", nome dato in suo onore alle spade dei samurai (solo gli allievi che avevano già compiuto il 15º anno di età potevano impugnarne una propria). Le katane di Masamune sono spesso confuse con quelle di Muramasa, un altro forgiatore (erroneamente considerato suo allievo). Secondo diverse leggende le spade di Muramasa sono descritte come portatrici di sventure (il nome significa "pioggia di sangue"), mentre quelle di Masamune come portatrici di pace e serenità (il nome significa "essenza divina della giustizia eterna").

Leggende[modifica | modifica sorgente]

Una leggenda racconta di una sfida fra Masamune e Muramasa per vedere chi dei due era in grado di costruire la spada più tagliente. Entrambi crearono due spade magnifiche e decisero di metterle alla prova: le due spade sarebbero state appese a una sporgenza sopra un fiume, con la punta della lama immersa nell'acqua. La spada di Muramasa, la Juuchi Fuyu (10 000 inverni) tagliò ogni cosa che incontrava (pesci, foglie, il vento). La spada di Masamune, invece, la Yawaraka-Te (mano delicata) non tagliò nulla: i pesci e le foglie passavano, e il vento soffiava dolcemente sulla sua lama. Dopo un po' Muramasa si innervosì con il suo maestro per il suo disinteresse, ma Masamune la tirò fuori dall'acqua, l'asciugò e la posò nel fodero, mentre Muramasa lo derideva. Intanto un monaco, che aveva osservato tutta la sfida, parlò ai due: "La prima spada è senza dubbio una spada tagliente, ma è portatrice di sangue, una spada malvagia che non fa differenza fra ciò che taglia. Può essere buona per tagliare farfalle così come teste. La seconda è notevolmente la più tagliente fra le due, e non taglia senza motivo ciò che è innocente". Esistono numerose versioni di questa leggenda: ad esempio, una secondo cui la spada di Muramasa tagliava le foglie, mentre quella di Masamune le riuniva.

Secondo un'altra leggenda Muramasa e Masamune furono invocati per costruire spade per lo Shogun e le spade, una volta concluse, venivano appese ad una cascata. Secondo una variante di questa leggenda Muramasa fu ucciso per aver creato spade malvagie.

Infine un'altra leggenda narra di un fabbro rinomato per la sua fama di illustre forgiatore di armi molto potenti. Costui era talmente famoso da forgiare armi anche per i più nobili Samurai della regione, essendo in quei tempi scoppiata una feroce guerra. Il suo grande obiettivo era quello di creare una spada perfetta, nata per distruggere e per non essere distrutta, una Katana leggendaria, che sarebbe stata tramandata per generazioni. Essa fu forgiata secondo una tecnica innovativa, che consisteva nella sovrapposizione di più strati di metallo, battuti in una sola lama, in modo tale da conferire alla spada una resistenza eccezionale anche sotto l'urto di colpi talmente forti da risultare letali per altre spade. Lunghissima e maneggevole, con la tipica elsa circolare propria delle spade dei Samurai, divenne un mito per coloro che la maneggiavano, riuscendo a perforare anche le più coriacee tra le armature. Tuttavia, quando tutte le guerre tra i feudi cessarono e l'ordine dei Samurai andò estinguendosi, la Spada Masamune tornò nelle mani della famiglia del fabbro che l'aveva creata, dopo aver conquistato il titolo di "Katana Divina". Al giorno d'oggi non si sa più nulla di quella Spada che ha reso invincibili molti Samurai: alcune voci dicono che i posteri di quel grande fabbro, padre dell'arma, ne detengano ancora il possesso e tolgano al mondo la visione della Katana Divina.

Spade[modifica | modifica sorgente]

Honjo Masamune[modifica | modifica sorgente]

La Honjo Masamune fu la spada simbolo dello Shogunato durante il periodo Edo. È una delle più famose spade create da Masamune ed è tuttora considerata tra le migliori spade mai create in Giappone. Seppur considerata uno dei Tesori Nazionali del Giappone (Kokuhô), la spada scomparve poco dopo la seconda guerra mondiale.

La storia dell'arma è alquanto travagliata. Nel Sedicesimo Secolo Honjo "Echizen no kami" Shigenaga (本庄越前守重長) generale di Uesugi Kenshin[4], fu attaccato da Umanosuke, che brandiva una katana forgiata da Masamune. La spada spaccò a metà l'elmo di Shigenaga, che però riuscì a sopravvivere e a vincere lo scontro, conquistando la spada come premio al vincitore; in seguito a questo fatto, la spada prese il nome di Honjo Masamune. La lama era stata intaccata dalla battaglia, ma era ancora perfettamente utilizzabile. Quando le fortune di Shigenaga si dissolsero, il generale fu costretto a vendere la spada per la ridicola cifra di tredici monete d'oro. La spada passò più volte di mano, fino al suo ultimo proprietario noto, Tokugawa Iemasa (徳川家正), che la conservò fino al 1945.

Apparentemente Tokugawa Iemasa consegnò 15 spade a una stazione di polizia a Mejiro nel dicembre 1945; pare che tra di esse fosse presente la leggendaria Masamune. Nel gennaio 1946, la polizia consegnò le spade al Sergente Coldy Bimore del Settimo Cavalleria degli Stati Uniti, anche se in realtà non vi è certezza della correttezza di questo nome. Potrebbe infatti essere un nome non reale generato dalla trascrizione fonetica che, in quel periodo, era stata adottata dai giapponesi per tradurre l'inglese in giapponese. Da allora la spada è scomparsa.[5]

La Masamune nei videogiochi[modifica | modifica sorgente]

  • La Masamune è una delle più celebri armi da taglio presenti nella serie Final Fantasy ed è presente in tutti i capitoli originali. Gli appassionati di questo gioco di ruolo ricordano in particolare il fatto che fosse la lunghissima arma usata dall'antagonista principale del settimo capitolo, Sephiroth. Anche in altri giochi sviluppati dalla Squaresoft è parte dell'inventario disponibile ai giocatori: in Chrono Trigger, la Masamune è l'arma principale di Frog, uno dei personaggi giocabili; in Secret of Mana è ottenibile grazie a un oggetto dato dal sovrano di Tasnia; nella serie Kingdom Hearts presta le proprie fattezze per il design di due Keyblade.
  • Nel gioco RPG per Game Cube Baten Kaitos: Le Ali Eterne e L'oceano Perduto, la spada Masamune è una carta magnus utilizzabile da Kalas, di elemento oscurità.
  • La Masamune è anche una spada selezionabile per Heishiro Mitsurugi in Soul Calibur 3.
  • La Masamune è anche presente in Kingdom Under Fire: Circle of Doom, la brandisce il personaggio vampiro chiamato Leinhart.
  • La Manamune (oggetto del MOBA League of Legends) è un chiaro riferimento a Masamune(il prefisso è cambiato da masa- a mana- in quanto questo item dà del mana aggiuntivo).
  • La Masamune è una delle spade ottenibili nel gioco Ronin Blade.

La Masamune nei film[modifica | modifica sorgente]

  • Nel film Highlander - L'ultimo immortale, Ramirez impugna una spada forgiata da Masamune e donatagli da quest'ultimo in occasione del suo matrimonio con la figlia. Dopo la morte di Ramirez la spada passa di mano a Connor McLeod che la userà anche nella battaglia finale contro Kurgan. In questo film il periodo in cui visse Masamune viene spostato indietro nel tempo di circa 1500 anni.
  • La spada forgiata da Masamune si trova nel film d'animazione Scooby-Doo e la spada del Samurai, sotto il nome di Spada del Fato. Nello stesso film, la spada forgiata da Muramasa prende il nome di Spada Oscura. La storia, ovviamente, è molto differente dalle leggende originali.

La Masamune nei cartoon[modifica | modifica sorgente]

  • Nel quinto episodio della serie Le avventure di Lupin III, Goemon parla della spada Masamune, ma erroneamente le attribuisce la capacità di tagliare le foglie.
  • Nell'anime e manga Soul Eater, Masamune è il nome del fratello di Tsubaki.
  • Nell'anime e manga One Piece nell'episodio 49, si fa riferimento a una spada nota come portatrice di sventura, un chiaro tributo alla leggenda della Muramasa.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il nome della famiglia Masamune
  2. ^ Hachiwara con l'iscrizione "Il Sacerdote Goro Masamune fece"
  3. ^ Competizione tra Forgiatori di Spade del Giappone The Miyairi School
  4. ^ History of Masamune by Jim Kurrasch, internal.tbi.net. URL consultato il 01-12-2009.
  5. ^ Jim Kurrach, Honjo Masamune, Japanese Sword Society of Southern California newsletter

Controllo di autorità VIAF: 21698002 LCCN: no88004055