Wakizashi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Wakizashi
脇差 - わきざし
Wakizashi - periodo Edo (XIX secolo)
Wakizashi - periodo Edo (XIX secolo)
Tipo Spada
Origine Giappone Giappone
Impiego
Utilizzatori Bushi
Descrizione
Lunghezza 50-80 cm
lama 30-60 cm
Tipo di lama in acciaio "a pacchetto" monofilare
dritta o leggermente curva
Tipo di punta acuminata
Tipo di manico ad una mano

[senza fonte]

voci di armi bianche presenti su Wikipedia


Il wakizashi (脇差?) è un'arma bianca manesca del tipo spada del Giappone, portata dai samurai sempre a contatto con il corpo, là dove la katana era portata esclusivamente in battaglia. Veniva utilizzata durante la cerimonia di suicidio del Seppuku.

La sua lama è lunga dai 30 ai 60 centimetri. Il wakizashi era solitamente portato dai samurai insieme alla katana. Quando indossate insieme la coppia di spade era detta daisho ("grande e piccola", grande per la katana e piccola per la wakizashi).

Mentre il samurai poteva (a volte) abbandonare la sua katana, per esempio in caso di visite ufficiali, egli non si separava mai dal wakizashi, che veniva chiamato "il guardiano dell'onore".

La coppia di spade veniva portata dal samurai infilandole nella cintura: la katana al fianco sinistro, ed il wakizashi davanti al ventre (hara, sede dello spirito dell'uomo per i giapponesi). Da qui il concetto di guardiano dell'onore, che spiega anche perché i samurai si tagliassero il ventre per suicidarsi (seppuku). Durante tale rito, il ventre, tradizionalmente sede dell'anima del samurai, veniva trafitto e squartato mediante la wakizashi; lo scopo era per l'appunto quello di mostrare la propria anima pura e, pertanto, non macchiata dal disonore.

Note[modifica | modifica sorgente]


Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Kanzan, Sato (1983), The Japanese Sword, Kodansha International; ISBN 0-87011-562-6 [1].
  • Kapp, Leon; [ill.] Kapp, Hiroko [e] Yoshihara, Yoshindo (1987), The Craft of the Japanese Sword, Kodansha International, ISBN 0-87011-798-X [2].
  • Ogasawara, Nobuo (1993), Japanese Swords, The Japanese Time, ISBN 4-586-54022-2.
  • Schiller, Guido (2008), Koshirae: Nihon Token Gaiso The Mountings of Japanese Swords, on-line.
  • Yumoto, John M. (1989), The Samurai Sword: A Handbook, Charles E. Tuttle Co., ISBN 0-8048-0509-1 [3].

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]