Jens Stoltenberg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jens Stoltenberg
Jens Stoltenberg.jpg

Primo Ministro della Norvegia
Durata mandato 17 ottobre 2005 –
16 ottobre 2013
Capo di Stato Re Harald V
Predecessore Kjell Magne Bondevik
Successore Erna Solberg

Primo Ministro di Norvegia
Durata mandato 3 marzo 2000 –
19 ottobre 2001
Capo di Stato Re Harald V
Predecessore Kjell Magne Bondevik
Successore Kjell Magne Bondevik

Ministro delle Finanze
Durata mandato 25 ottobre 1996 –
17 ottobre 1997
Capo di Stato Re Harald V
Predecessore Sigbjørn Johnsen
Successore Gudmund Restad

Dati generali
Partito politico Partito Laburista Norvegese
Alma mater Università di Oslo
Firma Firma di Jens Stoltenberg
« Al male reagiremo con più democrazia e più umanità. »
(Jens Stoltenberg dopo le stragi di Oslo[1])

Jens Stoltenberg (Oslo, 16 marzo 1959) è un politico norvegese, leader del Partito laburista norvegese (Arbeiderpartiet, AP).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dal 17 ottobre 2005 all'ottobre 2013 ha esercitato il suo secondo incarico come Primo Ministro del Regno di Norvegia. Il primo fu molto breve, dal marzo 2000 all'ottobre 2001.

È figlio dell'uomo politico Thorvald Stoltenberg e di Karin Stoltenberg (nata Heiberg). La famiglia è originaria della Germania settentrionale (probabilmente dalla località di Stoltenberg nel Holstein) ed è emigrata in Norvegia nel XVII secolo. Jens Stoltenberg è sposato con Ingrid Schulerud, la coppia ha due figli.

Fino al 1987 studiò economia presso l'Università di Oslo lavorando temporaneamente come giornalista. È deputato parlamentare dal 1993. Il 15 settembre 2009, allo scadere del primo mandato, le elezioni lo fanno tornare al potere per altri 4 anni.

Durante il suo secondo mandato due attentati terroristici, compiuti dall'estremista della destra xenofoba Anders Breivik[2], hanno colpito la capitale Oslo e l'isola di Utøya causando oltre 90 vittime sconvolgendo la vita politica e sociale del Paese.

Il 28 marzo 2014 è stato designato come successore di Anders Fogh Rasmussen alla carica di Segretario Generale della NATO, a decorrere dal 1º ottobre 2014.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 25 luglio 2011, http://www.giornalettismo.com/archives/134814/rispetto-la-lezione-della-norvegia/. URL consultato il 25 luglio 2011.
  2. ^ Attentati in Norvegia, è una strage i morti potrebbero essere 98 – Il Fatto Quotidiano

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Primo ministro della Norvegia Successore
Kjell Magne Bondevik 2000 - 2001 Kjell Magne Bondevik I
Kjell Magne Bondevik 2005 - 2013 Erna Solberg II

Controllo di autorità VIAF: 35554569 LCCN: n91105527