Istiocitosi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Istiocitosi
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 202.3, 277.89
ICD-10 (EN) C96.1, D76.0

L' istiocitosi è una condizione clinica caratterizzata dalla presenza di un numero eccessivo di istiociti nel sangue e nei tessuti. Vengono raggruppate sotto tale nome una serie di malattie rare che si sviluppano specialmente nella giovinezza dell’individuo. L’istocitosi ha forme sia benigne che maligne.

Epidemiologia[modifica | modifica wikitesto]

Colpisce prevalentemente i maschi in età infantile; negli USA l’incidenza è 1 su 200.000.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

La WHO, l’organizzazione mondiale per la salute ha classificato diverse forme:

Trattamento[modifica | modifica wikitesto]

La terapia consiste generalmente nella somministrazione di steroidi, splenectomia, chemioterapia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Emanuele Cacciari, Cao, Cavazzuti, Guaraldi, Guglielmi, Panizon, Segni, Zacchello, Zanesco, Principi e pratica di Pediatria, Bologna, Monduzzi Editore, 1999, pag 663.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Joseph C. Segen, Concise Dictionary of Modern Medicine, New York, McGraw-Hill, 2006, ISBN 978-88-386-3917-3.
  • Gianluigi Castoldi, Liso Vincenzo, Malattie del sangue e degli organi ematopoietici quinta edizione, Milano, McGraw-Hill, 2007, ISBN 978-88-386-2394-3.
  • Emanuele Cacciari, Cao, Cavazzuti, Guaraldi, Guglielmi, Panizon, Segni, Zacchello, Zanesco, Principi e pratica di Pediatria, Bologna, Monduzzi Editore, 1999, pag 663.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina