Hiroshima mon amour

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Hiroshima mon amour (disambigua).
Hiroshima mon amour
Hiroshima mon amour.png
Emmanuelle Riva in una scena del film
Titolo originale Hiroshima mon amour
Lingua originale Francese, Giapponese, Inglese
Paese di produzione Francia, Giappone
Anno 1959
Durata 90 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Alain Resnais
Soggetto Marguerite Duras
Sceneggiatura Marguerite Duras
Fotografia Sacha Vierny, Michio Takahashi
Montaggio Henri Colpi, Jasmine Chasney, Anne Sarraute
Musiche Georges Delerue, Giovanni Fusco
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
« "È probabile che noi moriremo senza esserci mai più rivisti."

"È probabile, sì. Salvo forse un giorno, la guerra."

"Sì, la guerra." »

Hiroshima mon amour è un film del 1959 diretto da Alain Resnais. Il soggetto e la sceneggiatura sono della scrittrice Marguerite Duras, candidata all'Oscar alla migliore sceneggiatura originale nel 1961.

Il film è noto come una delle prime opere della Nouvelle Vague e per l'uso innovativo dei flashback.

È stato presentato in concorso al 12º Festival di Cannes.[1]

Trama[modifica | modifica sorgente]

Un architetto giapponese ed un'attrice francese trascorrono assieme un'intensa notte di passione. Da quel rapporto prende il via quella che sembra destinata ad essere una storia d'amore a lieto fine. Improvvisamente, quanto inevitabilmente, iniziano ad affacciarsi gli spettri del recente passato. Spettri che investono soprattutto la fragile ragazza parigina.

Tramite un innovativo e sorprendente uso dei flashback, il regista ci mostra il dolore della guerra - soprattutto di ciò che lascia in noi nel dopoguerra - visto attraverso gli occhi smarriti di una singola persona e, simultaneamente, il dolore collettivo, dignitoso al punto da commuovere, della città che ha sofferto il bombardamento atomico. Un precedente amore "impossibile", vissuto dalla protagonista, in Francia, durante la guerra, finisce tragicamente con la morte dell'innamorato (un soldato tedesco).

La conseguente elaborazione del lutto, in qualche modo, fa scaturire in lei il desiderio di vivere a Hiroshima, dove si trova per girare un film e, forse, dove spera di poter diluire le sue pene tramite la condivisione del suo con il dolore collettivo della città e di un popolo intero. Ma è tutta una triste finzione: scoprirà che il proprio dolore lo si affronta sempre e soltanto da soli. Lo stesso film pacifista nel quale lei lavora (interpretando il ruolo di una crocerossina), altro non fa che acuire il suo errore, cioè l'inganno col quale lei anela a ritrovare la serenità perduta allontanandosi dalla realtà, fingendone una nuova.

Gli incubi che la perseguitano, in un'ossessionante mescolanza - volutamente non netta - tra ricordo ed immaginazione, la portano a compiere un percorso di maturazione che, a tratti, ci appare prossimo ad un compimento, ma che, invece, gira attorno al nucleo del problema, senza mai affrontarlo direttamente, esattamente come le particelle roteano, minacciose, attorno al nucleo dell'atomo prima che si inneschi la fatale reazione nucleare.

Accanto a lei, l'uomo che l'ama - e di cui anche lei è apparentemente innamorata - simbolo sì di un paese che ha perso la guerra, ma che sembra il vero vincitore. Il regista Alain Resnais ci dice chiaramente che perdere una guerra, così come perdere migliaia di vite umane, non equivale a perdere una singola persona amata. Il travaglio che, via via, affligge la coppia, offre allo spettatore spunti di riflessione e di meditazione di una profondità e di una verità che, ancora oggi, riescono a stupire e far vibrare le corde più intime dell'essere umano.

Essere umano che il film ci descrive come destinato alla solitudine, ma accompagnato dall'amore. In entrambi i casi suo malgrado. Grazie ad un abilissimo montaggio, il passato di lei (la Francia) ed il presente di lui (il Giappone) si accavallano e si rincorrono senza una vera soluzione di continuità e, soprattutto, senza una risposta definitiva, nemmeno quando il dolore collettivo della città (e quindi la sua memoria) si sintetizza nel dignitoso volto dell'uomo, il quale, dinanzi alla domanda di lei, risponde dicendole che il suo nome è Hiroshima.

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Nel 1959 riceve il Grand Prix del Sindacato Belga della Critica Cinematografica. Nel 1960 il National Board of Review of Motion Pictures l'ha inserito nella lista dei migliori film stranieri dell'anno.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Official Selection 1959, festival-cannes.fr. URL consultato il 10 giugno 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema