Grigorij Evseevič Zinov'ev

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Grigorij Evseevič Zinov'ev

Grigorij Evseevič Zinov'ev, in russo: Григорий Евсеевич Зиновьев?, pseudonimo di G. E. Apfelbaum (Kirovograd, 23 settembre 1883Mosca, 25 agosto 1936), è stato un rivoluzionario e politico sovietico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Elizavetgrad (oggi Kirovohrad, Ucraina), allora parte dell'impero russo, in una famiglia della piccola borghesia ebraica. Il padre Aron Radomysl'skij, proprietario di una caseificio, lo fece educare privatamente. A 15 anni iniziò a lavorare come insegnante.

Partecipò attivamente agli scioperi del 1900-1901. Nel 1901 si unì al Partito Operaio Socialdemocratico Russo. Espatriò nel 1902: fu a Berlino, a Parigi, dove si iscrisse all'Università e studiò filosofia, letteratura e storia. A Berna, agli inizi del 1903, incontrò Lenin e Plechanov e ad agosto partecipò al secondo congresso del partito socialdemocratico russo a Londra, quello della spaccatura tra bolscevichi e menscevichi. Zinov'ev si unì alla fazione di Lenin. Subito dopo il congresso fu inviato dal partito in Ucraina dove svolse attività di propaganda.

Nel 1904, ammalato, ritornò a Berna e si iscrisse alla facoltà di chimica. Nel 1905 era di nuovo in Russia. Dopo un breve ritorno in Svizzera, nel 1906 era uno dei dirigenti bolscevichi più importanti e più attivi a Pietroburgo, svolgendo attività di agitazione tra i metalmeccanici, dai quali viene mandato come delegato al quinto congresso del partito, a Londra, nel maggio del 1907, dove venne eletto per la prima volta nel Comitato centrale, secondo a Lenin quanto a numero di voti.

Di nuovo in Russia dirige i giornali clandestini Avanti e Il Proletario. Nel 1908 fu arrestato e rilasciato dopo tre mesi a causa delle sue cattive condizioni di salute. Tornato in Svizzera, vi ritrovò Lenin di cui divenne il più stretto collaboratore e col quale si spostò in Galizia. Nel 1910 con Lenin sostenne la tesi contraria alla riunificazione tra bolscevichi e menscevichi.

Nel 1911 tenne lezioni nella scuola per gli operai a Longjumeau, vicino a Parigi. Nel 1917, allo scoppio della Rivoluzione di febbraio, ritornò in Russia insieme a Lenin e ad altri espatriati attraversando la Germania nel famoso treno blindato. Quando venne emesso mandato di cattura contro i bolscevichi si nascose in Finlandia con Lenin. Si oppose pubblicamente, con Kamenev, Rykov e altri all'insurrezione di ottobre, preferendo un'alleanza con gli altri partiti socialisti in vista delle elezioni per l'Assemblea costituente. Nei giorni seguenti venne delegato, insieme a Kamenev, per cercare un accordo con gli altri partiti socialisti. La trattativa fallì e Zinov'ev e Kamenev vennero perdonati dal partito per le sue esitazioni nei giorni della rivolta e riammesso alle cariche più importanti.

Tra il 1918 e il 1925 fu uno politici più potenti dell'Unione Sovietica. Era al capo del Soviet, cittadino e regionale, di Pietrogrado, oltre che presidente dell’Internazionale Comunista. Si schierò con Stalin contro Trockij, e alla morte di Lenin formò il cosiddetto triunvirato con Kamenev e Stalin. Le divergenze politiche con Stalin, insieme all’enorme accumulo di potere personale da parte di quest'ultimo, portarono alla rottura dell'alleanza. Zinov'ev e Kamenev organizzarono l’opposizione a Stalin. Il loro punto di forza era rappresentato dalla città di Leningrado, dove la frazione di Zinov'ev aveva la grande maggioranza dei seguaci, ma l'opposizione venne sconfitta al quattordicesimo congresso del partito tenuto nel 1925.

Zinov'ev impegnato in un discorso

A questo punto Zinov'ev e Kamenev si allearono con Trockij costruendo il blocco della nuova opposizione. Anche questa volta vennero sconfitti dalla fazione staliniana nel quindicesimo congresso del partito nel 1927 ed espulsi dal partito. Nel 1928, dopo pubblica «autocritica», Zinov'ev e Kamenev furono riammessi nel partito, ma ottennero incarichi di scarsa rilevanza politica nei ranghi bassi della burocrazia. Già nell'estate di quell'anno, Zinov'ev venne coinvolto con Kamenev, nel progetto di una fazione antistaliniana. Kamenev aveva infatti accettato un incontro segreto con Bucharin, allora in rotta di collisione con Stalin. L'incontro fu verbalizzato e presto pubblicato dai trozkisti che ne erano entrarti in possesso. L'immagine che Bucharin tratteggiava era terribile: Stalin era paragonato a Gengis Khan. L'ultima operazione politica autonoma di Zinov'ev (e Kamenev) fu, nel corso del 1932, il tentativo di unificare tutte le opposizioni per sostituire la leadership in Unione Sovietica.

Nell'ottobre del 1932 venne espulso dal partito ed esiliato a Kostanaj, mentre Kamenev fu relegayo a Minusinsk, per aver conosciuto ma non rivelata la «piattaforma Rjutin», un documento elaborato dal bolscevico Martem'jan Rjutin, il quale aveva denunciato il clima intollerabile esistente nel partito e la necessità di deporre Stalin.[1] L'8 gennaio del 1933 scrisse una lettera di pentimento a Stalin in cui riconosceva la sua colpevolezza davanti al partito e criticava l'opposizione, e il 20 maggio pubblicò con Kamenev una lettera di pentimento che venne resa pubblica. Tornati dall'esilio, il 14 dicembre Zinov'ev e Kamenev vennero riammessi nel partito. Nel 1934 fu associato alla redazione de Il Bolscevico, ma dopo qualche mese Stalin lo fece licenziare. Il 16 dicembre viene arrestato con l'accusa di aver partecipato all'assassinio di Kirov e condannato a dieci anni per "complicità morale".

Dal 19 al 28 agosto 1936 fu tra i principali imputati nel "processo dei sedici" e venne condannato a morte per fucilazione. Zinov'ev e gli altri accusati furono riabilitati con la glasnost di Gorbačëv, nel 1988.[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ A. Feo, Stalin, 2009, p. 124.
  2. ^ Il nuovo leader sovietico istituì la "Commissione per la riabiltazione delle vittime della repressione" presieduta dal suo collaboratore Aleksandr Nikolaevič Jakovlev.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Averardi, Giuseppe (a cura di), I grandi processi di Mosca 1936-1937-1938: precedenti storici e verbali stenografici. Milano, Rusconi, 1977.
  • Bertin, Claude, I processi di Mosca. Ginevra, Edizioni Ferni, 1975.
  • Brissaud, André, Le "grandi purghe" di Mosca, Ginevra, Edizioni Ferni, 1973.
  • Conquest, Robert. Il grande terrore. Milano, BUR, 2006. ISBN 88-17-25850-4.
  • Contessi, Pier Luigi (a cura di), I processi di Mosca: 1936-1938. Le requisitorie di Vyscinskij, le accuse del Breve Corso e la denuncia di Khrushev, Bologna, Il mulino, 1970.
  • Giusti, Valentina, Contro Stalin: documenti dell'opposizione di sinistra, 1923-1933, Roma, Prospettiva, 2002. ISBN 88-8022-086-1.
  • Sedov, Lev, Stalinismo e opposizione di sinistra: scritti 1930-1937, Roma, Prospettiva, 1999. ISBN 88-8022-059-4.
  • Serge, Victor, 16 fusillés à Moscou: Zinoviev, Kamenev, Smirnov .... Paris, Lefebvre, 1972.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 68947907 LCCN: n50069854