Gommagutta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gommagutta
Coordinate del colore
HEX #EF9B0F
RGB1 (r, g, b) (228, 155, 18)
CMYK2 (c, m, y, k) (0, 35, 94, 6)
HSV (h, s, v) (38°, 94%, 94%)
1: normalizzato a [0-255] (byte)
2: normalizzato a [0-100] (%)

La gommagutta o gomma gutta è una gommoresina contenente il 60-80% di resina e il 15-25% di gomma, insieme a piccole quantità di olio essenziale estratta da alcune piante tropicali del genere Garcinia, in particolare la Garcinia hanburyi. È parzialmente solubile in alcool, etere ed altri solventi organici.

È di colore giallo oro intenso e viene impiegata per colorare gli acquarelli o come purgante drastico.

In pittura si utilizzava soprattutto come giallo trasparente, per colorare le stampe o anche per le velature. Era utilizzata dai pittori fiamminghi del XVI secolo fino al XIX secolo ma l'uso in seguito si è drasticamente ridotto per via degli alti costi di produzione.

Il nome è composto dal latino gomma e dal malese gatah (ghutah) che significa resina.

L'estrazione dalla garcinia avviene praticando delle incisioni a spirale nel tronco di alberi di almeno dieci anni d'età, il liquido resinoso che gocciola fuori viene raccolto in canne di bambù cave. Una volta che il liquido si è solidificato, il bambù viene aperto lasciando delle grosse bacchette di gommagutta grezza.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

pittura Portale Pittura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pittura