Giuseppe Compagnoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marco Giuseppe Compagnoni

Marco Giuseppe Compagnoni (Lugo, 3 marzo 1754Milano, 29 dicembre 1833) è stato un costituzionalista, letterato e giornalista italiano, considerato il "padre del Tricolore"[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Giovanni Compagnoni e di Domenica Ettorri, nacque in una delle migliori famiglie del patriziato locale. Fu avviato agli studi fin da fanciullo, distinguendosi in filosofia e teologia e laureandosi cum laude nel 1776. Fu spinto dalla famiglia a prendere i voti [2][3].

Nel 1782 un suo poemetto, La Fiera di Sinigaglia o sia saggio sul commercio, firmato con lo pseudonimo Ligofilo (termine che egli stesso aveva coniato sull'assonanza greca, "amante della lettura") fu recensito dal periodico bolognese Memorie Enciclopediche, un giornale di informazione bibliografica nato l'anno precedente. Compagnoni entrò in contatto con il direttore, l'avvocato Giovanni Ristori, e in poco tempo avviò una collaborazione esterna col giornale. Il periodico conteneva (sette pagine su otto) recensioni di opere in lingua italiana appena pubblicate. Ristori apprezzò la cultura enciclopedica del lughese; così come gli piacquero subito le recensioni di Compagnoni, scritte con uno stile ironico e tagliente allo stesso tempo. Ecco un inciso:

Estratto del verbale della storica seduta del 7 gennaio 1797, vergato manualmente da Giuseppe Compagnoni.
Una prima pagina di Notizie del Mondo del 1793.
« È forse interesse del genere umano, che un povero Giornalista si secchi l'anima leggendo questa sorte di libri? Si dice, che Ligofilo è qualche volta di umor cattivo… »
(«Memorie Enciclopediche», 1786, vol. XVII, pp. 134-135)

Dal 1784 Compagnoni comparve nell'elenco dei collaboratori fissi delle Memorie, con la responsabilità delle recensioni nel campo della "metafisica". Nel 1785 trovò l'occasione per lasciare la natìa Lugo, dove non trovava più nessun stimolo. In maggio il Ristori gli chiese di sostituirlo temporaneamente alla guida della testata. La proposta fu accettata. Dato però che l'impegno non era retribuito, dovette cercarsi un impiego consono al suo status sociale. Entrò in servizio come segretario presso la famiglia Bentivoglio d'Aragona. Continuò alacremente a lavorare al giornale, che in quello stesso anno aveva cambiato nome in «Giornale Enciclopedico». Il suo periodo di supplenza alla direzione terminò alla fine di giugno del 1786, quando restituì l'incarico a Ristori.

Nel 1787 Ristori, stanco dei continui contenziosi con la censura pontificia, chiuse il giornale e si trasferì nella Repubblica di Venezia. Anche Compagnoni approdò nella capitale della Serenissima, al seguito della nobile famiglia Bentivoglio d'Aragona, presso la quale prestava la mansione di segretario. Lavorò ne Il Giornalista veneto, poi passò a dirigere Notizie del mondo (1789-1794), pubblicato dall'editore Antonio Graziosi. Fu la sua prima direzione titolare. In abito talare Compagnoni insegnò come ripetitore nel doposcuola al Collegio della Villa dei Bentivoglio, detta «Viola». Qui conobbe i patrioti Giovanni Battista De Rolandis e Luigi Zamboni[4]. Nel 1794 Compagnoni abiurò i voti sacerdotali per protestare contro le torture inferte dal Tribunale dell'Inquisizione ai detenuti. A Venezia fondò un proprio giornale, il mensile Mercurio d'Italia (gennaio 1796). Durante il decennio di permanenza nella città lagunare - fondamentale per la sua crescita intellettuale - conobbe numerose personalità di spicco, come V. Dandolo, A. F. Stella e il conte Pepoli; in particolare il rapporto con Dandolo diede vita ad un sodalizio che durò sino alla morte dell'intellettuale veneto, negli anni '20 dell'Ottocento. Nell'ottobre successivo, sull'onda dei rivolgimenti che stavano attraversando la penisola dopo l'invasione francese, lasciò Venezia per Ferrara.

Abbracciate le idee illuministe, fu segretario generale della Repubblica Cispadana. Eletto deputato al Congresso di Reggio Emilia, presentò numerose tesi, tra cui alcune riguardanti le tasse e l'istruzione. Il 7 gennaio 1797 propose per primo che si rendesse «universale lo Stendardo o bandiera Cispadana di tre colori: Verde, Bianco e Rosso e che questi tre colori si usino anche nella coccarda cispadana e che questa debba portarsi da tutti»[5]. Tenne anche un importantissimo discorso sulla necessità di separare il potere civile da quello ecclesiastico il successivo 25 gennaio.

Nello stesso anno, l'amministrazione cispadana gli affidò, all'Università di Ferrara, la prima cattedra in Europa di Diritto costituzionale.[6]

Una prima pagina del Monitore Cisalpino del 1798.

In seguito alla fusione tra la Cispadana e la Cisalpina in un'unica entità si trasferì a Milano, dove ricoprì varie cariche istituzionali - di deputato prima e di membro della Cassazione poi - sino al ritorno degli austriaci nel 1799. Nella capitale lombarda fondò un nuovo giornale, il Monitore Cisalpino (maggio 1798). Compagnoni ottenne una sovvenzione pubblica di 2.000 lire.[7] Il suo giornale era teso a diffondere in Italia il pensiero del Direttorio. Entro il primo anno di vita Compagnoni cedette la testata al conte Luigi Bossi ed entrò in servizio come funzionario dell'amministrazione cisalpina.

Fuggito a Parigi a causa dell'invasione Austro-Russa guidata dal generale Alexander Suvarov, ritornò nella capitale lombarda subito dopo la vittoria francese a Marengo (1800). Divenuto funzionario di carriera nella Cisalpina, poi divenuta Repubblica Italiana ed in seguito Regno d'Italia, ricoprì - tra le altre - la carica di segretario del Consiglio di Stato. Per iniziativa di Bonaparte, fu insignito della Corona di ferro, massima onorificenza civile.

Alla caduta di Napoleone (1814), Compagnoni dovette lasciare le cariche statali assunte durante il Regno d'Italia. Si dedicò all'attività di letterato e poligrafo, con le quali arrotondò l'assegno della pensione (l'amministrazione asburgica però non gli riconobbe le pensioni che gli spettavano per le cariche ricoperte nel precedente quindicennio). Collaborò principalmente con gli stampatori Antonio Fortunato Stella e Giambattista Sonzogno. Nonostante alcuni attriti con il nuovo potere politico, collaborò anche con riviste filo-austriache, come la «Biblioteca Italiana» pur non rinnegando mai il suo credo politico.

Visse il resto della sua vita a Milano, divenuta la sua patria di adozione.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Giuseppe Compagnoni fu uno scrittore molto prolifico; fu autore di cinquanta opere originali, raccolte in oltre cento volumi. Tra i suoi scritti più importanti si ricordano:

  • La Fiera di Sinigaglia o sia saggio sul commercio (1782)
  • Gli Arcani svelati, o sia il Cagliostrismo smascherato (1791)
  • Lettere piacevoli se piaceranno (raccolta dell'epistolario tra Compagnoni e il marchese Francesco Albergati Capacelli, Venezia 1792). Una di tali lettere è il famoso Saggio sugli Ebrei e sui Greci
  • Chimica per le donne (1796), pubblicato a Venezia per i tipi della tipografia di Alessandro Pepoli presso Antonio Curti, è un trattato di chimica rivolto alle sole donne, a quel tempo ancora in gran parte escluse dall'apprendimento delle materie scientifiche. L'opera fu scritta in collaborazione con Vincenzo Dandolo, chimico e grande amico di Compagnoni
  • Epicarmo ossia lo Spartano. Dialogo di Platone ultimamente scoperto (1797)
  • Dalle lezioni all'Università di Ferrara scaturirono le idee contenute nella sua opera più importante e originale: Elementi di diritto costituzionale democratico, ossia Principj di giuspubblico universale (1798), in cui raccolse le lezioni di diritto costituzionale da lui tenute all'Università di Ferrara[8]. L'Autore concepisce il diritto come determinato e prodotto dal bisogno umano. Inoltre prende posizione contro la pena di morte (in assoluto) ricordando che «il segno che Dio pose a Caino perché nessuno l'uccidesse potrebbe facilmente riguardarsi come un simbolo della verità che qui esprimo». Nell'ultima parte dell'opera si delineavano i presupposti di uno Stato rappresentativo.
  • Compagnoni divenne noto in ambito letterario per aver scritto Le veglie del Tasso (Parigi, 1800), di stile pre-romantico, e che al tempo divenne famosa in quanto creduta essere un'opera sconosciuta di Torquato Tasso, finché non si scoprì che il vero autore era Compagnoni. Grazie a ciò, fu tradotta in varie lingue e apprezzata in vari paesi.
  • Storia Dei Tre Imperi: Russo, Austriaco, Ottomano;
  • Dagli studi sulla giovane democrazia americana nacque una monumentale Storia dell'America, in ventotto volumi. Compagnoni può essere considerato, insieme a Carlo Botta e Carlo Cattaneo, uno dei primi americanisti italiani[9].
  • Anti-Mitologia (sermone in versi sciolti), Milano 1825, nel quale l'Autore attaccò polemicamente Vincenzo Monti.
  • Teorica Dei Verbi Italiani, grammatica della lingua italiana
  • Memorie autobiografiche, volume di ricordi (1825)
  • Vita letteraria del cav. Giuseppe Compagnoni scritta da lui medesimo (1834)
  • Opere di Procopio di Cesarea, Storia segreta e gli Edifizii, Milano, 1828.

Intitolazioni[modifica | modifica wikitesto]

L'Istituto Tecnico Commerciale di Lugo, fondato nel 1937, è intitolato dal 1963 a Giuseppe Compagnoni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ M. Ridolfi, Almanacco della Repubblica. Storia d'Italia attraverso le tradizioni, le istituzioni e le simbologie repubblicane, Milano, B. Mondadori, 2003, p. 42
  2. ^ Marcello Savini, Un abate "libertino". Le Memorie autobiografiche e altri scritti di Giuseppe Compagnoni, Lugo, Banca di Romagna, 1988.
  3. ^ Secondo altre fonti fu il padre, che si era fortemente indebitato, ad indurlo a lasciare la famiglia e a indossare l'abito talare.
  4. ^ Nel novembre 1794 furono autori del celebre tentativo insurrezionale.
  5. ^ M. Ridolfi, op. cit., p. 42.
  6. ^ Nome originale del corso: Diritto costituzionale cispadano e giuspubblico universale.
  7. ^ Citato in Renzo De Felice, Il triennio giacobino in Italia (1796-1799), Bonacci, Roma, 1990, p. 136.
  8. ^ Giuseppe Compagnoni comincia a essere riconosciuto e citato ufficialmente anche come primo costituzionalista d'Europa. Così nell'Enciclopedia del pensiero politico diretta da Roberto Esposito e Carlo Galli (Editore Laterza), e nel Dizionario Costituzionale a cura di Michele Ainis (Editore Laterza).
  9. ^ Marcello Savini, curatore delle opere di Compagnoni, intervistato da La Voce di Romagna l'8 gennaio 2009.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  • Biografia
  • L'Abate Giuseppe Compagnoni
  • Giornali del Settecento fra Granducato e Legazioni : atti del convegno di studi, Firenze, 17-19 maggio 2006, a cura di Silvia Capecchi, Roma, Edizioni di storia e letteratura, 2008
  • Giuseppe Compagnoni: un intellettuale tra giacobinismo e restaurazione, a cura di Sante Medri, Bologna, Edizioni Analisi, 1993
  • Roberto Ellero, Giuseppe Compagnoni e gli ultimi anni della Repubblica di Venezia, Roma, Jouvence, 1991
  • Marcello Savini, Un abate "libertino". Le "Memorie autobiografiche" e altri scritti di Giuseppe Compagnoni. 1988, Banca di Romagna, Lugo.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie