Giordano Bruno (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giordano Bruno
GiordanoBruno1973.png
Una scena del film
Titolo originale Giordano Bruno
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia, Francia
Anno 1973
Durata 123 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere biografico, drammatico, anticlericale
Regia Giuliano Montaldo
Soggetto Piergiovanni Anchisi, Lucio De Caro e Giuliano Montaldo
Sceneggiatura Piergiovanni Anchisi, Lucio De Caro e Giuliano Montaldo
Produttore Carlo Ponti
Fotografia Vittorio Storaro
Montaggio Antonio Siciliano
Musiche Ennio Morricone
Interpreti e personaggi

Giordano Bruno è un film del 1973 diretto da Giuliano Montaldo.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il film racconta gli ultimi anni della vita del filosofo nolano Giordano Bruno, dal 1592 fino all'uccisione nel 1600.

Giordano Bruno a confronto con i suoi persecutori.

Inizia a Venezia con una processione commemorativa della battaglia di Lepanto da cui Giordano Bruno prenderà spunto per condannare l'uso della violenza da parte della religione. Giovanni Francesco Mocenigo, che lo ospita per imparare da lui i segreti della memoria e della magia, è spaventato da questo personaggio spregiudicato e, anche per non incorrere in problemi con l'Inquisizione veneziana lo denuncia.
Rivestito l’abito domenicano, Giordano Bruno affronta gli interrogatori e nonostante l’opposizione del Patriarca di Venezia Lorenzo Priuli è trasferito a Roma. Nonostante le prese di posizione di Clemente VIII e del cardinale Bellarmino con il quale ha un lungo colloquio, Giordano Bruno viene torturato e il 17 febbraio 1600 viene bruciato a Campo de' Fiori.

Il film è il ritratto a tutto tondo di una vittima del potere, in una società che considerava ancora eretica e blasfema l'ipotesi di una distinzione fra fede e scienza. Da ricordare un intenso e indimenticabile Gian Maria Volonté, e una ricostruzione visiva di Venezia ricalcata sui chiaroscuri dei grandi pittori del Cinquecento, valorizzata dalla fotografia di Vittorio Storaro e dalle musiche di Ennio Morricone.

Critica[modifica | modifica sorgente]

Girato da Giuliano Montaldo subito dopo Sacco e Vanzetti, il film cerca di conciliare la sua valenza ideologica con le esigenze della spettacolarità, riuscendovi in buona parte, pur cadendo in alcune incongruenze storiche. Ad esempio, Giordano Bruno appare nel film come un uomo di bell'aspetto che ha fortuna con le donne, mentre dalle fonti biografiche e autobiografiche sappiamo che, al contrario, il filosofo nolano era di bassa statura, aveva un aspetto misero e non ebbe mai successo con le donne, del che si lamentava[1].

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Charlotte Rampling, nel ruolo della cortigiana veneziana Fosca, appare completamente nuda in una delle prime scene del film.
  • Tra gli eretici condotti al cospetto del boia c'è anche il critico letterario Angelo Guglielmi.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Vincenzo Spampanato, Vita di Giordano Bruno, Gela Editrice, 1921, Roma

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema