Gioachino Greco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il manuale di Greco

Gioachino Greco detto Il Calabrese (Celico, 1590/16001630 circa) è stato uno scacchista italiano. È considerato uno dei migliori giocatori a cavallo tra il XVI e il XVII secolo.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Gioachino Greco detto Il Calabrese è stato un famoso scacchista italiano.

Egli nacque a Celico da un’illustre famiglia, com’è stato rivelato da un vecchio manoscritto, alla fine del 1590. Secondo l’usanza delle famiglie nobili, il giovane Gioacchino fu rinchiuso a studiare nel collegio dei Gesuiti di Cosenza.

Qui, da Mariano Marano fu avviato a gustare le bellezze del gioco degli scacchi. I progressi furono rapidi, tanto da destare meraviglia tra i numerosi cultori di quel tempo. Fra il 1610 e il 1620 visse a Roma, come scacchista professionista grazie alla protezione di numerosi monsignori, fra cui il cardinal Savelli e Francesco Buoncompagni.

A Roma pubblicò, nel 1619, in francese, il “Trattato del gioco degli scacchi”; ci furono tre edi­zioni del Trattato mentre era in vita e, dopo la sua morte, a Parigi, a Bordea, all’Aia, ad Amsterdam, a Liegi, a Bruxelles, a Londra, a Lipsia ed altrove, se ne ebbero oltre 50. Ancora oggi questo libro viene stampato in Italia, mentre centinaia di opere di al­tri autori dormono polverose nelle biblioteche. Tutto ciò a dimostrazione della sua grande fama. Tra le tattiche applicate nel gioco, rimane ancora nota una sua vincente mossa detta “del Gambetto”.

Il Trattato del gioco degli scacchi fu dedicato ad Enrico II duca di Lorena; e forse in conseguenza di ciò Gioacchino Greco andò a Parigi ed in successive partite vinse clamorosamente i tre campioni che in Francia si disputavano lo scettro de­gli scacchi, dei quali campioni a noi sfugge il nome.

Viaggiò anche in Spagna guadagnandosi da vivere giocando a scacchi. In seguito andò in Inghilterra, ove gli capitò la più inaspettata delle avventure: qualche mese dopo lo sbarco, fatto pedinare da rivali battuti, fu aggredito e colpito da uno stuolo di malviventi, i quali gli rubarono più di 5 000 scudi, frutto di tutte le sue vittorie. Tornò, disgustato, in Francia sicuro di trovare una società più raffinata e tranquilla a cui far gustare la sua genialità e il suo stile; per questo venne chiamato “Superbo e affascinante come il suolo della sua Patria”.

La sua fama era nota nelle corti e nei salotti delle più grandi famiglie. Uno dei tanti famosi avversari, da lui battuto, fu così cavalleresco che gli s’inchinò a salutarlo con un madrigale.

Le notizie della sua vita sono ricavate da poche righe scritte dal Salvio nel 1634 in cui parla di Greco come già morto. Altre notizie si ricavano dai molti suoi manoscritti con dedica autografa ai suoi nobili protettori. Alcuni scritti, quasi sicuramente autografi, sono scritti in pessimo italiano con errori di ortografia che fanno pensare a umili condizioni familiari e a un inizio di carriera da servitore.

Secondo il Salvio, seguì un grande signore spagnolo nelle Indie Occidentali (probabilmente le Antille) visitando il Messico, il Perù ed il Cile.

Da quel viaggio non fece più ritorno. Pare che si sia spento verso il 1634, lasciando ogni suo avere ai Gesuiti, intorno al 1630, ed ignoto è ancora il luogo della sua morte, anche se sono state fatte tante ricerche in proposito.

Una sola cosa è certa: Gioacchino Greco istituì erede dei suoi beni i Gesuiti, forse in memoria de­gli studi compiuti nel loro collegio di Cosenza, forse anche per la gratitudine dell’assistenza ricevuta in terre allora così remote dalla sua Celico.

È considerato uno dei migliori giocatori a cavallo tra il XVI e il XVII secolo.

Aperture[modifica | modifica sorgente]

Data l'epoca Greco analizzò soprattutto i giochi aperti, in particolare la Partita Italiana e quello che oggi è noto come Gambetto Lettone, ma che per lungo tempo è stato conosciuto come Controgambetto Greco (1. e4 e5 2. Cf3 f5).

Greco - NN 1619
a b c d e f g h
8
Chessboard480.svg
a8 torre del nero
b8 cavallo del nero
d8 donna del nero
e8 re del nero
f8 alfiere del nero
h8 torre del nero
a7 pedone del nero
c7 pedone del nero
d7 pedone del nero
e7 pedone del nero
h7 pedone del nero
b6 pedone del nero
f6 cavallo del nero
g6 pedone del bianco
h5 donna del bianco
d4 pedone del bianco
d3 alfiere del bianco
a2 pedone del bianco
b2 pedone del bianco
c2 pedone del bianco
f2 pedone del bianco
g2 alfiere del nero
h2 pedone del bianco
a1 torre del bianco
b1 cavallo del bianco
c1 alfiere del bianco
e1 re del bianco
g1 cavallo del bianco
h1 torre del bianco
8
7 7
6 6
5 5
4 4
3 3
2 2
1 1
a b c d e f g h
dopo 6. ... Cf6

Partite[modifica | modifica sorgente]

Di Greco ci sono arrivate 77 partite, ma in nessun caso è noto il nome dell'avversario il che porta a pensare che, almeno in alcuni casi, siano analisi e non partite reali.

Greco - NN 1619
1.e4 b6 2.d4 Ab7 3.Ad3 f5 4.exf5 Axg2 5.Dh5+ g6 6.fxg6 Cf6 ed ora il bianco vince con un bel sacrificio di Donna 7. gxh7! Cxh5 8.Ag6#

NN - Greco 1620
1.e4 e5 2.Cf3 Cc6 3.Ac4 Ac5 4.O-O Cf6 5.Te1 O-O 6.c3 De7 7.d4 exd4 8.e5 Cg4 9.cxd4 Cxd4 10.Cxd4 Dh4 11.Cf3 Dxf2+ 12.Rh1 Dg1+ 13.Cxg1 Cf2# il classico matto affogato.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Il nome di Greco è giunto fino a noi soprattutto per il suo manuale di scacchi. Le prime copie manoscritte vennero dedicate ai suoi protettori romani. Una copia de Il "Trattato del nobilissimo gioco de scacchi " datata 1620 si trova a Roma nella biblioteca Corsiniana; un'altra miniata e dedicata al duca di Lorena si trova alla Biblioteca Nazionale di Firenze. Il manuale ebbe molte traduzioni e le prime copie a stampa sono del 1656 in inglese e del 1669 in francese. Da allora venne ristampato più volte e spesso incluso in altre opere.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • ChessLab.com sito dove si possono trovare tutte le partite di Greco

Controllo di autorità VIAF: 49382873 LCCN: n85053923

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie