Gian Paolo Montali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gian Paolo Montali
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Pallavolo Volleyball (indoor) pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore
Carriera
Carriera da allenatore
 ????-???? Pallavolo Parma Pallavolo Parma giov.
1986-1990 Pallavolo Parma Pallavolo Parma
1990-1991 Schio Sport Schio Sport
1991-1996 Sisley Treviso Sisley Treviso
1996-1998 Olympiakos Olympiakos
1997-1998 Grecia Grecia
1998-2000 Roma Volley Roma Volley
2000-2003 Volley Milano Volley Milano
2003-2007 Italia Italia
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Argento Atene 2004
Wikiproject Europe (small).svg Europei
Oro Germania 2003
Oro Italia-Serbia&Mont. 2005
Transparent.png  World League
Bronzo Spagna 2003
Argento Italia 2004
Transparent.png Grand Champions Cup
Bronzo Giappone 2005
Statistiche aggiornate al 31 agosto 2008

Gian Paolo Montali (Parma, 18 gennaio 1960) è un allenatore di pallavolo e dirigente sportivo italiano, commissario tecnico della Nazionale italiana dal 2002 all'ottobre 2007.

Attualmente è fiduciario della Becchetti Energy Group (Beg) di Francesco Becchetti, leader nel settore delle energie rinnovabili con interessi nell'editoria.[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Volley (1986 - 2007)[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Inizia la carriera da allenatore a Parma dove vince quattro titoli Italiani Giovanili consecutivi. Dalla stagione 1986-87 succede ad Alexander Skiba a soli 26 anni vincendo subito all'esordio la Coppa Italia contro la rivale di Modena alla guida della Santal Parma con la quale riesce a vincere lo Scudetto tricolore dopo tre finali perse con Modena (89-90), 1 Mondiale per club, 3 Coppa delle Coppe, 2 Coppa Italia 2 Supercoppe Europee. Dopo una parentesi a Schio, dal 1991 al 1996 ha guidato la Sisley Volley di Treviso alla vittoria di 2 Campionati italiani (93-94 e 95-96), 1 Coppa dei Campioni, 2 Coppa delle Coppe, 2 Coppa Cev, 1 Coppa Italia e una Supercoppa Europea. Dal 1996 passa alla squadra greca dell'Olympiakos con la quale vince il campionato ellenico nel 1998 e 2 Coppe di Grecia. L'anno successivo allena la nazionale Greca. Dal 1998 al 2000 ha guidato la Piaggio Roma dove ha vinto lo storico scudetto nel 2000 ed una Coppa Cev. Dal 2000 al 2003 è stato allenatore dell'Asystel Milano neo promossa in A1 raggiungendo la finale tricolore nel 2001.

Nazionale maschile[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2003 viene nominato nuovo CT della nazionale italiana ed in quasi 5 anni Montali ha vinto molto, due ori europei consecutivi (2003, 2005), un bronzo (2003) e un argento (2004) alla World League, e un argento alle olimpiadi (2004). In questo periodo la nazionale italiana è quella che più di tutte ha pagato l'imporsi della nuova regina mondiale del volley maschile, vale a dire la nazionale brasiliana: infatti gli argenti della World League 2004 e alle olimpiadi sono dovuti a sconfitte in finale proprio contro i verde-oro. Al 2014 la medaglia d'oro vinta a Roma nel 2005 agli Europei con Montali in panchina è l'ultimo trofeo conquistato dalla squadra italiana.

Calcio (dal 2005)[modifica | modifica wikitesto]

Juventus F.C.[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2005 al 2009 ha svolto il ruolo di Consigliere di Amministrazione nella Juventus F.C..Inoltre membro del Comitato Sportivo Organo di controllo e di gestione della Prima Squadra del Settore Giovanile e del Canale Tematico Juve Channel

A.S. Roma[modifica | modifica wikitesto]

Ad ottobre 2008, quando tutto sembra fatto per il suo trasferimento nella dirigenza del Calcio Napoli, la A.S. Roma in data 26 ottobre, rende noto di aver raggiunto un accordo con Montali con l'incarico di Coordinatore Generale e ottimizzatore delle risorse umane dell'Area Sportiva. A febbraio 2011 in seguito alla trattativa per il passaggio del pacchetto di maggioranza dell'A.S. Roma dalla famiglia Sensi alla Cordata americana capeggiata dal finanziere Thomas DiBenedetto, Gianpaolo Montali viene nominato Direttore Generale e Operativo del club giallorosso. Dal 1º luglio Giampaolo Montali, nel quadro della ristrutturazione societaria dell'As Roma ha lasciato il club giallorosso.[2]

Opinionista[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate del 2012 è stato autorevole ospite delle varie trasmissioni tematiche della Rai per gli Europei.[3].

Designato Ambasciatore nel Mondo per lo Sport per la città di Roma.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Pallavolo Parma: 1989-90
Sisley Treviso: 1993-94, 1995-96
Roma Volley: 1999-00
Olympiakos: 1997-98
Olympiakos: 1996-97,1997-98
Pallavolo Parma: 1986-87, 1989-90
Sisley Treviso: 1992-93
Sisley Treviso: 1994-95
Sisley Treviso: 1997-98
Piaggio Roma: 1999-00
Pallavolo Parma: 1987-88, 1988-89, 1989-90
Sisley Treviso: 1993-94
Pallavolo Parma: 1989
Pallavolo Parma: 1989, 1990
Sisley Treviso: 1994

Giovanili[modifica | modifica wikitesto]

  • Scudetto.svg Campionato italiano: 4
Pallavolo Parma: 4

Docenze universitarie[modifica | modifica wikitesto]

  • Docente All'Università SDA Bocconi di Milano
  • Docente e membro del comitato Scientifico della Business School del Sole 24 ore
  • Docente del Master dell'Università di Parma e S. Marino Sport e Management

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 27 dicembre 2004. Su proposta della Presidenza del Consiglio dei Ministri.[4]

Designato Ambasciatore nel Mondo per lo Sport per la Città di Roma

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Andrea Tosi, Bologna in crisi, per l'acquisto del club spunta Montali in La Gazzetta dello Sport, marzo 2014, p. 17.
  2. ^ http://109.75.174.100/~asroma/downloads/corporate_investor/1310139687_7_luglio_2011.pdf
  3. ^ Ospiti in tv 10 giugno 2012/ Emiliano Mondonico, Serse Cosmi, Gianpiero Gasperini a Notti Europee, il ministro Andrea Riccardi a Telecamere Ilsussidiario.net
  4. ^ Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana Sig. Gian Paolo Montali. URL consultato il 1º maggio 2011.