Georgi Atanasov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Georgi Atanasov

Primo ministro della Bulgaria
Durata mandato 21 marzo 1986 –
3 febbraio 1990
Presidente Todor Živkov
Predecessore Griša Filipov
Successore Andrej Lukanov

Dati generali
Partito politico Partito comunista

Georgi Ivanov Atanasov (in bulgaro: Георги Иванов Атанасов; Pravoslaven, 25 luglio 1933) è un politico bulgaro ed è stato primo ministro della Repubblica Popolare di Bulgaria.

Atanasov si è laureato in storia all'Università di Sofia nel 1956. Negli anni successivi occupò diversi posti nell'organizzazione dell'Unione dei Giovani Comunisti "Dimitrov", e quindi la guidò dal 1965 al 1968. Dal 1968 entrò a far parte del Comitato Centrale del Partito Comunista Bulgaro.

Dal 1981 al 1984 Atanasov fu vicepresidente del Consiglio di Stato e presidente del Comitato per il controllo statale e popolare con il rango di ministro nel governo di Griša Filipov. Nel marzo 1986 sostituì Filipov come Presidente del consiglio dei ministri, e poco dopo formò il 75º governo della Bulgaria.

Atanasov fu uno dei sostenitori del movimento che spodestò Todor Živkov dall'incarico di Presidente del Consiglio di stato, unendosi a Petăr Mladenov alla guida dell'opposizione. Nel novembre 1992 fu condannato a 10 anni di prigione per peculato, anche se in seguito fu rilasciato per problemi di salute nel 1994.[1]

Fonti[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Profilo su Rulers
  • T. Tašev (1999). Министрите на България 1879-1999 (Ministri della Bulgaria 1879-1999). Sofia: Casa editrice accademica "Marin Drinov".