Gambesone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
Gambesone rappresentato su di una incisione di una bibbia del XIII secolo

Il gambesone, anche noto come gambeson, aketon o farsetto d'arme, è una tunica imbottita o costituita da un gran numero di strati di lino o di cotone, indossata solitamente sotto la cotta di maglia o l'armatura. veniva imbottita con fibre grezze, stoppa, lana o con crine di cavallo e spesso presentava inserti in cuoio all'interno.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Il termine francese gambeson, originariamente wambais, deriva dai termini medievali germanici wambeis, derivante a sua volta dall'arcaico wamba, "stomaco, ventre".

Il termine aketon, deriva probabilmente dal francese arcaico alcottonem derivante dall'arabo al-qutn "cotone".

Successivamente prende molti nomi tra cui zuppa (o zuparello) d'arme, acton, auqueton, hacketon, haqueton, pannzar, vapntreiyu, wambais, wambesium, wambs.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il gambeson europeo può essere fatto risalire al X secolo, ma probabilmente il suo uso è assai più antico: decorazioni di vasi greci raffigurano i persiani coperti con un vestito spugnoso o imbottito. In Europa venne utilizzato, nelle sue varie forme, almeno fino al XV secolo.

Il suo uso come imbottitura era basilare in quanto cotte e armature non prevenivano alcun trauma da impatto, e la sua lavorazione era studiata anche per offrire una maggior protezione contro le frecce.

La versione realizzata come imbottitura da mettere sotto l'armatura è più sottile di quella utilizzata da soldati che usavano indossarla senza. Quest'ultima arrivava fino anche a 30 strati e inoltre presentava spesso un alto collare a protezione del collo.

Prove archeologiche evidenziano l'uso del cotone nella fabbricazione del gambeson, ma non sembra essere la regola, dal momento che il cotone era importato da India e Asia Minore, quindi costoso e di difficile reperibilità.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]