Ficus sycomorus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'acero montano, talora noto con il nome di sicomoro, vedi Acer pseudoplatanus.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Sicomoro
Sycomoros old.jpg
Ficus sycomorus
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Hamamelidae
Ordine Urticales
Famiglia Moraceae
Genere Ficus
Specie F. sycomorus
Classificazione APG
Ordine Rosales
Famiglia Moraceae
Nomenclatura binomiale
Ficus sycomorus
L.
Nomi comuni

Sicomoro

Areale

Ficus sycomorus distribution.jpg

Il sicomoro (Ficus sycomorus L.) è una pianta appartenente alla famiglia delle Moraceae, diffusa in Africa e Medio Oriente.

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

Il sicomoro cresce fino ad un'altezza di 20 metri, e raggiunge i 6 metri di larghezza, con una chioma ampia e tondeggiante.

Corteccia[modifica | modifica wikitesto]

La corteccia va dal verde-giallo all'arancione.

Foglie[modifica | modifica wikitesto]

Le foglie hanno forma ovale con apice rotondo. Raggiungono i 14 cm di lunghezza per 10 cm di larghezza, e sono disposte a spirale intorno ai rami.

Fiori e Frutti[modifica | modifica wikitesto]

Sycamore fruits.jpg


Quello che comunemente viene ritenuto il frutto è in realtà una grossa infiorescenza carnosa piriforme (siconio), all'interno della quale sono racchiusi i fiori unisessuali, piccolissimi; una piccola apertura apicale, detta ostiolo, consente l'entrata degli imenotteri pronubi; i veri frutti, che si sviluppano all'interno dell'infiorescenza, sono dei piccoli acheni.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

La pianta cresce spontanea nel sud della penisola Arabica e in alcune regioni dell’Africa, dal Senegal al Sudafrica, nonché in ristrette aree del Madagascar. È inoltre coltivata da epoche remote in Medio Oriente (Egitto, Israele e Siria).

Impollinazione[modifica | modifica wikitesto]

Le diverse specie di Ficus hanno in genere un rapporto strettamente specie-specifico con i loro impollinatori, che sono tutti imenotteri della famiglia Agaonidae. Il sicomoro rappresenta una eccezione in quanto può essere impollinato da due differenti agaonidi, Ceratosolen arabicus e Ceratosolen galili, che condivide con un'altra specie africana, Ficus mucuso [1].

Il sicomoro nella storia dell'uomo[modifica | modifica wikitesto]

Il sicomoro che a Gerico ricorda l'incontro tra Gesù e Zaccheo.

Nella mitologia egizia il sicomoro era albero consacrato alla dea Hathor, detta anche la "Signora del sicomoro”. Era considerato simbolo di immortalità e il suo legno era usato per la fabbricazione dei sarcofagi.

Nel Libro di Amos, redatto ai tempi del Regno di Giuda attorno al 775-750 a.C., il profeta omonimo asserisce di essere stato, prima di dedicarsi alla missione profetica, "un pastore e raccoglitore di sicomori"[2]; il che testimonia che in quell'epoca l'albero era già presente in Palestina e utilizzato dall'uomo.

Nel Vangelo secondo Luca (19,1-10), è nominato un sicomoro nella città di Gerico.
Un abitante di Gerico, un certo Zaccheo, essendo basso di statura, per vedere Gesù sale su un sicomoro.

Inoltre una leggenda riferita sempre al Nuovo Testamento, racconta che Giuda Iscariota si impicca su un albero di sicomoro.

Usi[modifica | modifica wikitesto]

I frutti sono raccolti per uso alimentare.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Wiebes, J.T, Fig Wasp from Israel Ficus sycomorus and related East African species (Hymenoptera, Chalcidoidea: Agaonidae) in Entomol. Ber. 1964; 24: 187-191.
  2. ^ Amos 7,12-15

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica