Extatosoma tiaratum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Insetto foglia secca
Australische Gespenstschrecke fcm.jpg
Extatosoma tiaratum
(Zoo di Francoforte)
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Exopterygota
Subcoorte Neoptera
Superordine Polyneoptera
Sezione Orthopteroidea
Ordine Phasmatodea
Famiglia Phasmatidae
Genere Extatosoma
Specie E. tiaratum
Nomenclatura binomiale
Extatosoma tiaratum
Macleay, 1826

L'insetto foglia secca (Extatosoma tiaratum Macleay, 1826), è un insetto della famiglia dei Phasmatidae, ordine dei Fasmidi, diffuso in Australia, dove è conosciuto come Macleay's spectre (Fantasma di Macleay).[1]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Il capo presenta un paio di antenne, ricche di peli sensoriali, un paio di occhi composti e degli ocelli tra i due.
L'apparato boccale è di tipo masticatore, adatto ad una dieta fillofaga.

Presenta un marcato dimorfismo sessuale: la femmina, grossa e lunga fino a 18 cm, è brachittera, mentre il maschio, sottile e slanciato, lungo fino a 10 cm, ha ali posteriori atte al volo. La livrea è di colore notevolmente variabile dal marrone, i più comuni, al verde, arancione, rossastro. Alcuni esemplari hanno una colorazione bianco-screziata simile a quella dei licheni. Tanto per il colore quanto per la forma, le zampe e l'addome di questo insetto presentano delle sporgenze simili a foglie secche. Il tegumento è inoltre ornato da piccole spine sul capo, sul corpo e sulle zampe.[2]
Le neanidi di 1a età, nere con il capo rosso, mimano l'aspetto della formica tropicale Leptomyrmex darlingtoni (mirmecomorfismo). Alla muta successiva la colorazione cambia, somigliando a quella che avranno da adulti.[3]

Biologia[modifica | modifica sorgente]

È un insetto fitofago: nel suo habitat naturale si ciba prevalentemente di foglie di eucalipto, ma in cattività può alimentarsi anche a spese di rovi, nocciolo, quercia e in alcuni casi anche di Ficus Benjamin. Le uova, grosse, quasi sferiche, del diametro di circa 5 mm, riproducono le sembianze del seme di un'acacia. Questa somiglianza inganna le formiche che, dopo averle raccolte, le depositano all'interno del formicaio che fungerà da incubatrice. Schiudono in 4-5 mesi se fecondate, 6-7 se non fecondate (partenogenesi telitoca, nasceranno solo femmine). La femmina ne depone fino a 400. Lo sviluppo delle ninfe dura circa 6 mesi in tutto e passa attraverso 6-7 mute.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Extatosoma tiaratum è diffuso nel nord dell'Australia e nella Nuova Guinea.[2]

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) P.D. Brock, Extatosoma tiaratum Macleay, 1826 in Phasmida Species File Online. Version 2.1/4.1.. URL consultato il 15 gennaio 2013.
  2. ^ a b Peter Miller, A Guide to the Stick Insects of Australia.
  3. ^ Key, K.H.L., Phasmatodea (Stick-insects) in CSIRO (ed.) The Insects of Australia, Melbourne, Melbourne University Press, 1994, pp. 394-404.
4.^ Salemi Marco, Tomasinelli F., Le mantidi religiose e gli insetti stecco, De Vecchi Editore, 2006. ISBN 88-412-7648-7

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi