Estesioneuroblastoma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Estesioneuroblastoma
Esthesioneuroblastoma.jpg
Neuroblastoma olfattivo
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 160.0
ICD-10 (EN) C30.0
Sinonimi
Neuroestesioblastoma

L'estesioneuroblastoma (o neuroestesioblastoma) è una rarissima neoplasia embrionaria che si origina delle cellule della cresta neurale (origine neuroectodermica) definita come un neuroblastoma olfattivo, cioè una malattia neoplastica che si origina dal neuroepitelio della volta delle fosse nasali (lamina cribrosa dell'etmoide) dove hanno sede i recettori dell'olfatto. Questo tumore rappresenta meno del 5% di tutte le neoplasie della cavità nasale. Fu descritto per la prima volta da Berger nel 1924. Raramente può essere associato a un'aumentata produzione di ormoni dando luogo alla sindrome di Cushing (produzione di cortisolo) e SIADH (inappropriata secrezione di ADH).

Cause[modifica | modifica wikitesto]

La causa della neoplasia non è conosciuta ma sono state identificate alcune anomalie genetiche (frequenti la perdita del cromosoma 3p e un cromosoma 17q in più).

Età di esordio[modifica | modifica wikitesto]

Si possono riscontrare due picchi: uno tra i 10 e i 20 anni e uno a partire da 50 anni. Insorge egualmente in entrambi i sessi, forse con una leggera predilezione per il sesso maschile.

Storia naturale[modifica | modifica wikitesto]

Generalmente il tumore si accresce localmente piuttosto lentamente. Può infiltrare la base cranica, la volta cranica e l'orbita. Le metastasi si possono verificare a livello dei linfonodi cervicali, delle ossa, dei polmoni e dell'encefalo.

Sintomi[modifica | modifica wikitesto]

La sintomatologia è aspecifica e subdola. I sintomi più frequenti sono segni di ostruzione nasale monolaterale, epistassi e ipo-anosmia dovuti alla presenza di una formazione polipoide. Possibili esoftalmo ed edema palpebrale, proptosi.

Diagnosi[modifica | modifica wikitesto]

L'endoscopia nasale permette di visualizzare la massa e ottenere un pezzo bioptico da sottoporre a esame istologico immunoistochimico. Per valutare l'estensione della malattia si usano TAC e RMN.

Stadiazione[modifica | modifica wikitesto]

Il tumore è stadiato secondo il modello di Kadish (modificato da Morita):

  • stadio A: comprende le neoplasie confinate alla cavità nasale
  • stadio B: comprende le neoplasie che invadono le cavità nasali e i seni paranasali
  • stadio C: comprende le neoplasie che infiltrano altre strutture oltre le cavità nasali e i seni paranasali
  • stadio D: comprende le neoplasie con interessamento linfonodale e metastasi a distanza.

Terapia[modifica | modifica wikitesto]

Il trattamento precoce della neoplasia permette una resezione in blocco della massa e aumenta le possibilità di guarigione. La strategia terapeutica è basata sull'integrazione della chirurgia (resezione cranio-facciale) e della radioterapia (50-60 Gy). La chemioterapia (utilizzati epirubicina e ifosfamide, carboplatino, cisplatino, etoposide, ThioTEPA, Doxorubicina, adriamicina, vincristina e ciclofosfamide in combinazione razionale anche in base alle nuove evidenze)ha un ruolo limitato al trattamento delle eventuali metastasi e in ambito neoadiuvante per la riduzione delle dimensioni del tumore per consentirne l'asportazione chirurgica. La funzione olfattiva in genere risulta parzialmente o totalmente compromessa.

Prognosi[modifica | modifica wikitesto]

Globalmente la prognosi è severa. La sopravvivenza a 5 anni dalla diagnosi è di circa il 70% per i tumori diagnosticati in stadio A. Scende al 40% per tumori di stadio C. La malattia tende a recidivare localmente: in tal caso risulta utile un trattamento di seconda linea con chemioterpia intensiva. Fattori prognostici favorevoli sono la diagnosi precoce, la giovane età, la mancata estensione oltre i seni paranasali e il basso grado istologico (grado Hyams).

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina