Edward Mulhare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Edward Mulhare con Hope Lange nella serie televisiva La signora e il fantasma (1969)

Edward Mulhare (Cork, 8 aprile 1923Los Angeles, 24 maggio 1997) è stato un attore cinematografico, teatrale e televisivo statunitense di origine irlandese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Iniziò la sua carriera di attore in Irlanda a 19 anni e successivamente si trasferì a Londra, dove nel 1951 recitò in una rappresentazione dell'Otello diretta da Laurence Olivier al Saint James Theatre. Nella seconda metà degli anni cinquanta interpretò una grande varietà di ruoli sul piccolo schermo in serie antologiche come Studio One e Kraft Television Theatre e proseguì l'attività teatrale in musical e spettacoli itineranti, cambiando facilmente tipologia di personaggio.

Quando Rex Harrison abbandonò la parte principale di My Fair Lady, dopo un soggiorno di un anno a Broadway, Mulhare ereditò quel ruolo. «Era ancora giovane (sui 30 anni), troppo giovane per recitare quella parte», dice la sua portavoce e amica di lungo corso, Pegge Forrest, commentando l'interpretazione che Mulhare diede dell'arrogante Henry Higgins, professore di dizione. «Ma aveva un qualcosa dell'aspetto di Rex Harrison e mantenne il ruolo dal 1957 al 1960».

Divenne una star di Broadway prendendo parte a The Devil's Advocate (1961) e Mary, Mary (1961-1962), e in seguito recitò nel ruolo del Capitano Von Trapp in Il suono della musica per il Los Angeles Civic Light Opera. Inoltre fece una tournée nazionale con alcuni show come Camelot, My Fair Lady e Trappola mortale, con l'amica di tutta la vita Anne Rogers.

Conquistò anche grande notorietà presso il pubblico televisivo grazie all'interpretazione dello spettro nella serie La signora e il fantasma (1968-1970), ma deve la sua fama soprattutto alla famosissima serie Supercar, in cui, dal 1982 al 1986, interpretò il ruolo di Devon Miles, il capo del personaggio principale Michael Knight, interpretato da David Hasselhoff. Il 14 dicembre del 1986 apparve nella puntata 10 della terza serie del telefilm La signora in giallo, mentre la sua ultima apparizione in televisione avvenne insieme ad Hasselhoff in Baywatch Nights. Le sue partecipazioni televisive comprendono anche ruoli in MacGyver, The Outer Limits e The Ed Sullivan Show.

Sul grande schermo prese parte, fra gli altri, ai film Il colonnello Von Ryan (1965), Cerimonia per un delitto (1966), Il nostro agente Flint (1966), Caprice la cenere che scotta (1967). L'ultimo film in cui recitò fu Gli impenitenti (1997), al fianco di Jack Lemmon e Walter Matthau, anche loro alle ultime apparizioni.

Mulhare ritornò sentendosi malato da un viaggio a New York e subito dopo gli fu diagnosticato un cancro ai polmoni, dice la Forrest. «Quando qualcuno annunciò che era malato, egli iniziò a ricevere molte lettere da tutte quelle persone che avevano visto "La signora e il fantasma" quando erano piccoli, e che ora avevano 30-40 anni, dicendo che non avrebbero mai dimenticato la sua interpretazione del Capitano Daniel Gregg, il fantasma di un marinaio del New England che si trova a essere ospite indesiderato di una madre di due figli da poco vedova, interpretata da Hope Lange».

«Mulhare era un avido lettore, leggeva spesso un libro al giorno, ma era anche affascinato dai computer, compresi i cinque che cercava di riparare nella sua casa di Van Nuys», sempre secondo la Forrest.

Morì a Van Nuys all'età di 74 anni per un cancro polmonare. «È stato brillante fino alla fine», dice Pegge Forrest. «La sua arguzia, humor e intelligenza rimasero con lui fino all'ultimo minuto. Stava per svegliarsi dal coma profondo..... e bisbigliava qualcosa riguardo al fatto che avrebbe avuto tutti nel suo cuore per sempre».

Mulhare era l'unico ancora in vita di tre fratelli nati nella contea di Cork, in Irlanda; gli altri due si chiamavano Thomas e John. Non si sposò mai.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 12516816 · LCCN: no95044141 · GND: 101363134X
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie