Do Not Disturb - Non disturbare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Do Not Disturb - Non disturbare
Titolo originale Do Not Disturb
Lingua originale Inglese
Paese di produzione Paesi Bassi
Anno 1999
Durata 94 min.
Colore colore
Audio sonoro
Genere Thriller
Regia Dick Maas
Sceneggiatura Dick Maas
Produttore Dick Maas
Laurens Geels
Casa di produzione First Floor Features
Montaggio Bert Rijkelijkhuizen
Effetti speciali Hans Voors
Harry Wiessenhaan
Edward Wiessenhaan
Musiche Dick Maas
Costumi Linda Bogers
Interpreti e personaggi

Do Not Disturb - Non disturbare (titolo originale: Do Not Disturb) è un film thriller, prodotto nei Paesi Bassi nel 1999, diretto da Dick Maas e con protagonisti William Hurt e Jennifer Tilly.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Walter Richmond lavora per l'industria farmaceutica. Insieme alla moglie Cathryn e alla figlia di dieci anni Melissa, una bambina muta ma capace di udire, si reca una settimana ad Amsterdam per affari e per svago. La famiglia ha prenotato una stanza all'Hotel Europa, assediato dai fan del cantante Billy Boy Manson, ospite del lussuoso albergo.

Dopo essere andata alla toilette, Melissa si perde e va in cerca dell'amico di famiglia che la stava aspettando. Improvvisamente, diventa involontaria testimone di un omicidio perpetrato dall'imprenditore Hartman e dal sicario Bruno Decker ai danni dell'avvocato Van Der Molen. I due si accorgono della presenza di Melissa: Hartman incarica il complice di inseguirla mentre si libera del cadavere. In seguito ad una rocambolesca fuga, la piccola capita nella barca di un senzatetto tossicodipendente che l'aiuta a scappare, finché Melissa, raggiunta da Decker, riesce nuovamente a sfuggirgli salendo su un'auto della polizia e finendo contro un locale all'impazzata.

Al commissariato, Walter e Cathryn possono riabbracciare la bambina, che racconta, attraverso il linguaggio dei segni, ciò che ha visto. Intanto, Richmond incontra nel bar dell'albergo un imprenditore per concludere un affare riguardante un farmaco. Questi non è altri che Hartman, il quale scopre così che la ragazzina alloggia nell'hotel. Ordina quindi al sicario di sbarazzarsi di lei, ma una nuova serie di avventure e di scaltri stratagemmi di Melissa strappano la piccola al suo inseguitore, mentre Decker trova la morte.

Rimasta ferita, Melissa è condotta in ospedale, dove Walter viene a conoscenza delle vere intenzioni di Hartman, che lo voleva truffare, e la sua implicazione nell'omicidio. L'avvocato di Hartman aveva infatti scoperto l'irregolarità, e non si era mostrato disposto ad accettarla. I poliziotti decidono allora di tendere una trappola al criminale. L'imprenditore riesce tuttavia a impadronirsi dell'ambulanza su cui era stata caricata la bambina per essere trasportata in un altro ospedale in modo da depistarlo, ma al termine di un inseguimento rimane ucciso. È il lieto fine.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]