Diocesi di São Carlos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Diocesi di São Carlos
Dioecesis Sancti Caroli in Brasilia
Chiesa latina
Catedralsaocarlosborromeu.JPG
Suffraganea dell' arcidiocesi di Campinas
Regione ecclesiastica Sul 1
Provincia ecclesiastica
Provincia ecclesiastica della diocesi
Vescovo Paulo Sergio Machado
Sacerdoti 140 di cui 115 secolari e 25 regolari
5.721 battezzati per sacerdote
Religiosi 49 uomini, 71 donne
Diaconi 36 permanenti
Abitanti 1.097.000
Battezzati 801.000 (73,0% del totale)
Superficie 13.056 km² in Brasile
Parrocchie 100
Erezione 7 giugno 1908
Rito romano
Indirizzo Rua 9 de Julho 1529, C.P. 53, 13560-970 São Carlos, SP, Brazil
Sito web www.diocesesaocarlos.org.br
Dati dall'Annuario Pontificio 2011 * *
Chiesa cattolica in Brasile

La diocesi di São Carlos (in latino: Dioecesis Sancti Caroli in Brasilia) è una sede della Chiesa cattolica suffraganea dell'arcidiocesi di Campinas appartenente alla regione ecclesiastica Sul 1. Nel 2010 contava 801.000 battezzati su 1.097.000 abitanti. È attualmente retta dal vescovo Paulo Sergio Machado.

Territorio[modifica | modifica sorgente]

La diocesi comprende ventinove comuni della parte centrale dello stato brasiliano di San Paolo: São Carlos, Itirapina, Dourado, Ibaté, Ribeirão Bonito, Araraquara, Américo Brasiliense, Santa Lúcia, Rincão, Motuca, Gavião Peixoto, Jaú, Dois Córregos, Torrinha, Brotas, Mineiros do Tietê, Barra Bonita, Itapuí, Bocaina, Bariri, Trabiju, Boa Esperança do Sul, Itaju, Matão, Itápolis, Borborema, Ibitinga, Tabatinga e Nova Europa.

Sede vescovile è la città di São Carlos, dove si trova la cattedrale di San Carlo Borromeo.

Il territorio si estende su 13.056 km² ed è suddiviso 100 parrocchie, raggruppate in 5 zone pastorali.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La diocesi di São Carlos do Pinhal fu eretta il 7 giugno 1908 con la bolla Dioecesium nimiam amplitudinem di papa Pio X, ricavandone il territorio dalla diocesi di San Paolo, che fu contestualmente elevata al rango di arcidiocesi metropolitana. Originariamente era suffraganea della stessa arcidiocesi.

Il 25 gennaio 1929 cedette porzioni del suo territorio a vantaggio dell'erezione delle diocesi di Jaboticabal e di Rio Preto.

Il 15 ottobre 1952 con la bolla Divinus animorum di papa Pio XII fu istituito il capitolo cattedrale.

Il 25 novembre 1957 ha assunto il nome attuale.

Il 19 aprile 1958 è entrata a far parte della provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di Campinas.

Il 9 febbraio 2000 ha ceduto un'altra porzione di territorio a vantaggio dell'erezione della diocesi di Catanduva.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica sorgente]

  • José Marcondes Homem de Melo † (9 agosto 1908 - 15 ottobre 1937 deceduto)
  • Gastão Liberal Pinto † (15 ottobre 1937 succeduto - 24 ottobre 1945 deceduto)
  • Ruy Serra † (13 febbraio 1948 - 19 settembre 1986 deceduto)
  • Constantino Amstalden † (19 settembre 1986 succeduto - 25 ottobre 1995 ritirato)
  • Joviano de Lima Júnior, S.S.S. † (25 ottobre 1995 - 5 aprile 2006 nominato arcivescovo di Ribeirão Preto)
  • Paulo Sergio Machado, dal 22 novembre 2006

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

La diocesi al termine dell'anno 2010 su una popolazione di 1.097.000 persone contava 801.000 battezzati, corrispondenti al 73,0% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1950 579.156 603.422 96,0 75 35 40 7.722 45 164 42
1966 470.000 482.000 97,5 92 60 32 5.108 30 230 43
1970 406.300 470.000 86,4 67 44 23 6.064 31 138 42
1976 450.000 522.724 86,1 77 42 35 5.844 43 209 47
1980 512.000 570.000 89,8 83 46 37 6.168 1 53 191 46
1990 749.000 828.000 90,5 90 67 23 8.322 1 31 151 62
1999 709.308 895.486 79,2 119 88 31 5.960 1 42 123 73
2000 628.000 857.000 73,3 109 90 19 5.761 2 30 120 73
2001 618.000 951.076 65,0 98 84 14 6.306 10 25 105 69
2002 703.086 963.086 73,0 116 85 31 6.061 10 40 109 70
2003 712.815 985.236 72,3 106 80 26 6.724 10 34 96 70
2004 723.371 951.086 76,1 116 85 31 6.235 17 41 82 70
2010 801.000 1.097.000 73,0 140 115 25 5.721 36 49 71 100

Parrocchie[modifica | modifica sorgente]

Zona Pastorale 1

  • São Carlos - Parrocchia Cattedrale di São Carlos Borromeu (2 febbraio 1858)
  • São Carlos - Parrocchia Santa Isabel (3 marzo 1962)
  • São Carlos - Parrocchia São José (7 gennaio 1988)
  • São Carlos - Parrocchia São Benedito (29 dicembre 1996)
  • São Carlos - "Quasi Parrocchia" São Nicolau de Flüe (21 gennaio 2000)
  • São Carlos - "Quasi Parrocchia" São Gabriel, São Miguel e São Rafael (2 gennaio 2001)
  • Ribeirão Bonito - Parrocchia Senhor Bom Jesus da Cana Verde (9 luglio 1885)
  • Itirapina - Parrocchia Santo Antônio de Pádua (19 dicembre 1891)
  • Dourado - Parrocchia São João Batista (17 maggio 1898)
  • Capela do Seminário de São Carlos
  • São Carlos - Parrocchia Santo Antônio (6 febbraio 1943)
  • São Carlos - Parrocchia Nossa Senhora Aparecida (6 febbraio 1987)
  • São Carlos - Parrocchia Santa Madre Cabrini (6 febbraio 1987)
  • São Carlos - Parrocchia Nossa Senhora de Guadalupe (4 ottobre 1999)
  • São Carlos - "Quasi Parrocchia" São Francisco de Assis (23 gennaio 2002)
  • São Carlos - Parrocchia Nossa Senhora do Carmo (18 marzo 1972)
  • São Carlos - Parrocchia São Sebastião (18 marzo 1972)
  • São Carlos - Parrocchia Nossa Senhora Auxiliadora (5 febbraio 1978)
  • São Carlos - Parrocchia Santa Edviges (11 gennaio 1997)
  • São Carlos - Parrocchia São Judas Tadeu (12 gennaio 1997)
  • Ibaté - Parrocchia São João Evangelista (19 aprile 1906)
  • São Carlos (Distretto di Santa Eudóxia) - Parrocchia Santa Eudóxia (15 febbraio 1910)
  • São Carlos - Parrocchia Nossa Senhora de Fátima (20 settembre 1970)
  • São Carlos - Parrocchia São Roque (12 ottobre 1982)
  • São Carlos - Parrocchia Santa Rita de Cássia (30 dicembre 1995)
  • São Carlos - "Quasi Parrocchia" Santa Luzia (23 maggio 2000)
  • São Carlos - Parrocchia São João Batista (4 febbraio 2006)
  • Ibaté - "Quasi Parrocchia" Santo Antônio (8 dicembre 2001)

Zona Pastorale 2

  • Araraquara - Parrocchia São Bento (22 settembre 1817)
  • Araraquara - Parrocchia Santo Antônio (20 maggio 1936)
  • Gavião Peixoto - Parrocchia Santo Antônio (15 novembre 1935)
  • Araraquara - Parrocchia Nossa Senhora do Carmo (6 febbraio 1943)
  • Araraquara - Parrocchia São José (1 marzo 1981)
  • Araraquara - Parrocchia Sant'Ana (24 giugno 1987)
  • Araraquara - Parrocchia São Dimas (10 gennaio 1996)
  • Araraquara – "Quasi Parrocchia" São Judas Tadeu (24 agosto 2000)
  • Araraquara – "Quasi Parrocchia" Menino Jesus de Praga (23 dicembre 2002)
  • Araraquara - Parrocchia Nossa Senhora das Graças (18 febbraio 1961)
  • Araraquara - Parrocchia São Geraldo (18 febbraio 1961)
  • Araraquara - Parrocchia Nossa Senhora Aparecida (2 febbraio 1968)
  • Araraquara - Parrocchia São Sebastião (20 gennaio 1989)
  • Araraquara - Parrocchia Sagrada Família (31 dicembre 1995)
  • Araraquara - Parrocchia São João Batista (10 novembre 1998)
  • Araraquara - "Quasi Parrocchia" Nossa Senhora do Vale (17 gennaio 2000)
  • Araraquara - Diaconia Santa Ângela (24 febbraio 2002)
  • Santa Lúcia - Parrocchia Santa Luzia (14 ottobre 1924)
  • Rincão - Parrocchia São Luís Gonzaga (14 novembre 1924)
  • Américo Brasiliense - Parrocchia Nossa Senhora Aparecida (16 febbraio 1969)
  • Américo Brasiliense - "Quasi Parrocchia" São Francisco (8 dicembre 2001)
  • Motuca - "Quasi Parrocchia" São Sebastião (1 febbraio 2002)

Zona Pastorale 3

  • Jaú - Parrocchia Nossa Senhora do Patrocínio (3 maggio 1853)
  • Jaú - Parrocchia São Sebastião (11 novembre 1935)
  • Jaú (Distretto di Potunduva) - Parrocchia Santa Cruz (20 maggio 1936)
  • Jaú - Parrocchia Nossa Senhora Aparecida (12 ottobre 1968)
  • Jaú - Parrocchia São Benedito (19 marzo 1972)
  • Jaú - Parrocchia Nossa Senhora Auxiliadora (23 maggio 1990)
  • Jaú - Parrocchia São Judas Tadeu (1 settembre 1997)
  • Jaú - "Quasi Parrocchia" Nossa Senhora de Fátima (7 dicembre 2000)
  • Jaú - "Quase Parrocchia" São João Batista (10 gennaio 2001)
  • Bariri - Parrocchia Nossa Senhora das Dores (16 dicembre 1885)
  • Boa Esperança do Sul - Parrocchia São Sebastião (20 settembre 1887)
  • Bocaina - Parrocchia São João Batista (1891)
  • Itapuí - Parrocchia Santo Antônio de Pádua (27 settembre 1902)
  • Itaju - Parrocchia São Sebastião (20 maggio 1936)
  • Trabijú - "Quasi Parrocchia" Sant'Ana e São Benedito (10 gennaio 2000)
  • Bariri - Parrocchia Santa Luzia (10 giugno 1998)
  • Brotas - Parrocchia Nossa Senhora das Dores (30 ottobre 1843)
  • Dois Córregos - Parrocchia Divino Espírito Santo (28 marzo 1866)
  • Barra Bonita - Parrocchia São José (13 marzo 1903)
  • Torrinha - Parrocchia São José (21 settembre 1910)
  • Mineiros do Tietê - Parrocchia Senhor Bom Jesus (1 dicembre 1910)
  • Barra Bonita - Parrocchia Santo Antônio (16 gennaio 1987)
  • Dois Córregos - Parrocchia Nossa Senhora da Conceição Aparecida (12 ottobre 2000)

Zona Pastorale 4

  • Matão - Parrocchia Senhor Bom Jesus (4 marzo 1898)
  • Matão - Parrocchia Nossa Senhora Aparecida (12 ottobre 1982)
  • Matão - Parrocchia Santa Cruz (2 maggio 1986)
  • Matão - Parrocchia Nossa Senhora do Perpétuo Socorro (13 marzo 1990)
  • Matão - "Quasi Parrocchia" Divino Espírito Santo (21 ottobre 1999)
  • Matão - Parrocchia São Sebastião (26 novembre 2000)
  • Ibitinga- Parrocchia Senhor Bom Jesus (7 novembre 1887)
  • Itápolis - Parrocchia Divino Espírito Santo (23 agosto 1898)
  • Borborema- Parrocchia São Sebastião (5 settembre 1921)
  • Tabatinga - Parrocchia Nossa Senhora do Bom Conselho (9 gennaio 1933)
  • Nova Europa - Parrocchia Sagrado Coração de Jesus (3 marzo 1962)
  • Ibitinga - Parrocchia Santa Teresa (29 gennaio 1989)
  • Itápolis - Parrocchia São Benedito (27 giugno 1997)
  • Ibitinga - Parrocchia Imaculada Conceição (3 settembre 1998)

Fonti[modifica | modifica sorgente]

diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi