Dietiltoluamide

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dietiltoluamide
Struttura della dietiltoluamide
Nome IUPAC
N,N-dietil-3-metilbenzammide
Nomi alternativi
N,N-dietil-m-toluammide
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C12H17NO
Massa molecolare (u) 191,27
Aspetto liquido incolore
Numero CAS [134-62-3]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 0,996
Solubilità in acqua insolubile
Indicazioni di sicurezza
Flash point 155 °C (428,15 K)
Simboli di rischio chimico
irritante

attenzione

Frasi H 302 - 319 - 315 - 412
Consigli P 273 - 302+352 - 305+351+338 [1]

La dietiltoluamide (DEET) è una sostanza presente nella maggior parte dei repellenti antizanzara in commercio, è uno degli insettorepellenti più efficace; si presenta come un liquido oleoso inodore e di colore tendente al giallo. Protegge per 4-8 ore ed è più resistente al calore rispetto ad altri prodotti.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La DEET fu sviluppata dall'esercito americano seguendo la propria esperienza sulla guerriglia nella giungla durante la seconda guerra mondiale. Fu originariamente testata come fitofarmaco in agricoltura ed entrata nell'uso militare nel 1946 e in quello civile nel 1957. Fu usata nel Vietnam e nel sudest asiatico.

Preparazione[modifica | modifica wikitesto]

Può essere preparata a temperatura ambiente convertendo l'acido m-toluico (acido 3-metilbenzoico) nel corrispondente acilcloruro e facendolo reagire con dietilamina.

Preparation of DEET.png

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ scheda della N,N-dietil-m-toluammide su IFA-GESTIS

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]