Formammide

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Formammide
formula di struttura
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare HCONH2
Massa molecolare (u) 45,04 g/mol
Aspetto liquido incolore
Numero CAS [75-12-7]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 1,13 (20 °C)
Solubilità in acqua (20 °C) solubile
Temperatura di fusione 2 °C (275 K)
Temperatura di ebollizione 210 °C (483 K)
Indicazioni di sicurezza
Flash point 175 °C (448 K)
Limiti di esplosione 2,7 - 19,0 Vol%
Temperatura di autoignizione 500 °C (773 K)
Simboli di rischio chimico
tossico a lungo termine

pericolo

Frasi H 360d
Consigli P 201 - 308+313 [1]

La formammide è l'ammide dell'acido formico.

A temperatura ambiente si presenta come un liquido incolore dall'odore molto lieve di ammoniaca. Viene sintetizzato per reazione diretta tra ammoniaca ed ossido di carbonio e trova impiego come intermedio nella sintesi di farmaci e di prodotti per l'agricoltura (erbicidi, pesticidi, ecc.). È un composto tossico per la riproduzione (teratogeno).

Viene anche usato in chimica organica come composto riducente. Ad esempio, è capace di convertire l'acido urico (2,4,8-triossi-purina) nel suo precursore xantina (2,4-diossi-purina) secondo la seguente reazione:

urato + formamide = xantina + anidride carbonica + ammoniaca.

Il suo metil-derivato N,N-dimetilformammide è uno dei solventi polari di maggior uso nella chimica organica. È un composto capace di rompere anche le tipologie più forti di legami idrogeno, come quelli della cellulosa.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ scheda della sostanza su IFA-GESTIS
chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia