Dean Devlin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Dean Devlin (New York City, 27 agosto 1962) è uno sceneggiatore, produttore cinematografico e attore statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a NY City il 27 agosto 1962 dall'attore, scrittore e produttore cinematografico ebreo americano Don Devlin e dall'attrice filippina Pilar Seurat.[1][2]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Debutta nel mondo del cinema come attore e figurante negli anni '80. Il primo ruolo importante lo ottiene nel 1985 nel film commedia Scuola di geni e partecipa successivi in film dal genere comico come Balle spaziali 2, seguito del cult del genere parodistico Balle spaziali di Mel Brooks.

Conosce l'allora debuttante regista Roland Emmerich nel 1990 sul set di Moon 44, un film d'azione fantascientifico che si rivela un flop. Da allora collabora con Emmerich iniziando a rivelarsi un talentuoso sceneggiatore, infatti, nel 1994 scrive Stargate che nonostante sia la sua prima storia per il grande schermo ottiene un ottimo incasso internazionale e mette le basi per la creazione di una serie televisiva e marketing sui personaggi.

Viene quindi richiamato negli anni successivi per scrivere altri lucrosi progetti del regista, come Godzilla, I nuovi eroi e Independence Day, entrambi successi mondiali, cui I nuovi eroi dà vita a una serie cinematografica che però non ricalca i temi dell'originale e si rivela un flop commerciale.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Dal 4 luglio 2003 è sposato con l'attrice Lisa Brenner, conosciuta sul set de Il patriota di Mel Gibson, cui Devlin ha partecipato come produttore e la Brenner come attrice protagonista nel ruolo di Anne Howard.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dean Devlin Biography (1962-)
  2. ^ Fil-Am producer Dean Devlin soars with 'Flyboys', Philippine Daily Inquirer, 24 settembre 2006. URL consultato il 10 marzo 2007.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 85373510 LCCN: n95065687