Classe Almirante Cervera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Classe Almirante Cervera
L'incrociatore Almirante Cervera in navigazione
L'incrociatore Almirante Cervera in navigazione
Descrizione generale
Flag of Spain (1785-1873 and 1875-1931).svg Flag of Spain (1931 - 1939).svg Flag of Spain (1938 - 1945).svg
Tipo incrociatore leggero
Numero unità 3
In servizio con Armada Española
Ordinata 1915
Costruttori Sociedad Española de Construcción Naval
Cantiere Ferrol, Spagna
Entrata in servizio 1927 - 1930
Caratteristiche generali
Dislocamento standard: 7.975 t
a pieno carico: 9.240 t
Lunghezza 176,62 m
Larghezza 16,61 m
Pescaggio 5,03 m
Propulsione otto caldaie a vapore Yarrow per quattro turbine Parsons; 80.000 hp
Velocità 34 nodi
Autonomia 4.950 miglia a 15 nodi
Equipaggio 566
Armamento
Artiglieria alla costruzione:
  • 8 cannoni da 152 mm (tre torri binate e due impianti singoli)
  • 4 cannoni antiaerei da 101 mm (impianti singoli)
  • 2 cannoni antiaerei da 47 mm
Siluri 12 tubi lanciasiluri da 533 mm (quattro impianti tripli)
Corazzatura cintura: 50 - 75 mm
ponte: 25 mm

dati tratti da[1] e[2]

voci di classi di incrociatori presenti su Wikipedia

La classe Almirante Cervera (secondo alcune fonti[1] classe Príncipe Alfonso) fu una classe di incrociatori leggeri entrati in servizio tra il 1927 e il 1930 nella marina militare spagnola; furono costruite tre unità, e tutte presero parte alla guerra civile spagnola: lo Almirante Cervera militò nel campo nazionalista, mentre il Príncipe Alfonso (rinominato Libertad) e il Miguel de Cervantes rimasero fedeli alla Repubblica. Tutte le unità sopravvissero indenni alla guerra, continuando a servire nella marina spagnola fino alla loro radiazione alla fine degli anni sessanta.

Il progetto[modifica | modifica sorgente]

La costruzione di questa classe di incrociatori venne decisa nel 1915, nell'ambito di un vasto piano di costruzioni navali per ripianare le perdite patite dalla marina spagnola nella precedente guerra ispano-americana; la loro costruzione non iniziò tuttavia fino ai primi anni venti, a causa della penuria di materie prime causata dallo scoppio della prima guerra mondiale. Come modello vennero presi gli incrociatori britannici della classe Emerald, loro contemporanei[1], ma con l'aggiunta di diverse modifiche che ne fecero unità superiori a questi[2].

L'armamento principale verteva su otto cannoni da 152 mm, due in impianti singoli (uno a prua e uno a poppa) e sei in torri binate (una a prua, una a poppa e una a centro nave); questa disposizione fu poi modificata sul Galicia e sul Miguel de Cervantes nel corso degli anni quaranta, quando le unità furono dotate di quattro torri binate (due a prua e due a poppa) mentre la torre centrale fu eliminata per poter ospitare una catapulta per il lancio di un idrovolante da ricognizione Heinkel He 114[1]. L'armamento antiaereo era basato su quattro cannoni da 101 mm e due da 47 mm, in linea con gli standard della loro epoca ma destinato a diventare troppo ridotto con il passare del tempo, tanto che in seguito fu incrementato[1]; completavano l'armamento quattro impianti tripili di lanciasiluri da 533 mm.

Le otto caldaie a tubi d'acqua della Yarrow Shipbuilders e le quattro turbine a vapore tipo Parsons potevano spingere gli incrociatori a una velocità massima di 33-34 nodi, molto elevata per navi di questo dislocamento[2]. In generale, benché basate su un vecchio progetto e quindi di concezione datata già al momento della loro entrata in servizio (condizione simile a quella di molte altre classi navali spagnole loro contemporanee)[1], si dimostrarono buone navi per gli standard della loro epoca, veloci e bene armate anche se dotate di una corazzatura molto leggera[2].

Unità[modifica | modifica sorgente]

Tutte le unità furono costruite nei cantieri della Sociedad Española de Construcción Naval, una sussidiaria della Vickers-Armstrongs britannica, di Ferrol.

Nome Impostazione Varo Entrata in servizio Destino finale
Príncipe Alfonso 24 novembre 1922 3 gennaio 1925 20 settembre 1927 rinominato Libertad nel 1931 e poi Galicia nel 1939, radiato per obsolescenza il 2 gennaio 1970 e venduto per la demolizione
Almirante Cervera 14 aprile 1923 16 ottobre 1925 15 settembre 1928 radiato per obsolescenza il 31 agosto 1965, venduto per la demolizione il 29 settembre 1966
Miguel de Cervantes 28 agosto 1926 18 maggio 1928 14 febbraio 1930 radiato per obsolescenza il 1º luglio 1964 e venduto per la demolizione

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f Cruceros ligeros clase Príncipe Alfonso in buquesdeguerra.tk. URL consultato il 2 dicembre 2012.
  2. ^ a b c d Warships of the Spanish Civil War - Cruisers in kbismarck.com. URL consultato il 2 dicembre 2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marina