Chirurgia maxillo-facciale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Chirurghi maxillo-facciali all'opera su una poltrona dentistica

La chirurgia maxillo-facciale è, in Italia, una specialità medico-chirurgica che si occupa di tutte le operazioni mirate alla cura di vari tipi di patologia (traumatismo, malformazione, neoplasia, infezione, degenerazione, ecc) e di problemi estetico-funzionali delle ossa mascellari, della bocca e della faccia. Comprende tutte le fasi cliniche, diagnostiche e imaging, la scelta della terapia chirurgica indicata e il successivo assiduo e rigoroso follow-up.

Campi d'azione[modifica | modifica wikitesto]

  1. chirurgia orale
  2. chirurgia ortognatica
  3. chirurgia della lingua, del palato e dei tessuti molli della bocca
  4. artroscopia temporomandibolare e chirurgia dell'articolazione mandibolare
  5. chirurgia delle patologie infiammatorie delle ossa mascellari e della faccia
  6. traumatologia delle ossa facciali e dei tessuti molli soprastanti.
  7. correzione di malformazioni e deformità congenite delle ossa mascellari e della faccia (es. labiopalatoschisi, cisti odontogene)
  8. chirurgia dell'orbita oculare (malformativa, traumatologica, oncologica, estetica)
  9. chirurgia estetica della faccia (es. le labbra)
  10. chirurgia ricostruttiva ossea dei mascellari e dello scheletro facciale
  11. distrazione osteogenetica delle ossa facciali e mascellari
  12. microchirurgia ricostruttiva di ossa, denti, tessuti molli e nervi con trapianti rivascolarizzati da altri distretti corporei (lembi liberi)

La competenza specifica dello specialista comprende oltre alla preparazione medica generale, conoscenze nel campo dell'odontoiatria, della chirurgia plastica, dell'otorinolaringoiatria e della neurochirurgia. Alcuni interventi di chirurgia maxillo-facciale vengono effettuati in regime di ricovero (day surgery o ordinario), le più importanti in anestesia generale, eventualmente con intubazione nasale o tracheostomia, data la complessità degli interventi, altri interventi più semplici invece possono essere effettuati in regime ambulatoriale.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

L'iter formativo per ottenere il titolo di Specialista in Chirurgia Maxillo-Facciale in Italia è la Laurea in Medicina e Chirurgia, della durata di 6 anni, e la Specializzazione in Chirurgia Maxillo-Facciale, della durata di 5 anni.

La formazione varia negli altri paesi dell'Unione Europea dove la Specializzazione in Chirurgia Maxillo-Facciale richiede alternativamente la formazione di base di Medico Chirurgo (ad es. Francia, Spagna, Polonia, Portogallo) o la doppia formazione di base di Medico Chirurgo e di Odontoiatra (ad es. Belgio, Germania, Irlanda, Finlandia, Regno Unito).[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ direttiva UE 2005/36 , consultata il 3 maggio 2014 http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:L:2005:255:0022:0142:it:PDF

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina