Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Chiesa evangelica di San Tommaso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.


Questa voce è parte della serie
Oriente cristiano
Christ Pantocrator Deesis mosaic Hagia Sophia.jpg

Storia
Impero bizantino
Crociate
Concilio ecumenico
Cristianizzazione della Bulgaria
Cristianizzazione della Rus' di Kiev
Scisma Oriente-Occidente
Per regione
Asiatica - Copta
Ortodossa orientale - Georgiana - Ucraina

Tradizioni
Chiesa ortodossa orientale
Chiesa cattolica orientale
Ortodossia orientale
Cristianesimo siriaco

Liturgia e culto
Segno della croce
Divina Liturgia
Iconografia
Ascetismo
Omoforio

Teologia
Esicasmo - Icona
Apofaticismo - Clausola del Filioque
Miafisismo - Monofisismo
Nestorianesimo - Theosis - Theoria
Phronema - Filocalia
Praxis - Theotokos
Ipostasi - Ousia
Essenza-distinzione di energie
Metousiosis

La Chiesa evangelica di San Tommaso, conosciuta anche come la Chiesa evangelica indiana di San Tommaso, è una chiesa protestante basata in Kerala (Malabar), India. È una delle chiese originate dalla comunità dei Cristiani di San Tommaso, che trae le sue origini dall'attività evangelica di Tommaso apostolo nel I secolo, facendo risalire la sua ascendenza a quasi 2.000  anni fa. In particolare deriva da uno scisma del 1961 nella Chiesa siro-malankarese Mar Thoma.

La Chiesa evangelica di San Tommaso sostiene che la Bibbia è l'ispirazione, Parola infallibile di Dio. Gli aderenti credono che tutto ciò che è necessario per la salvezza e la vita nella giustizia si trovi nella Bibbia. La chiesa è impegnata nella evangelizzazione attiva. La sede di questa chiesa è a Thiruvalla, una città nello stato del Kerala, che fa parte del sud dell'India.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: chiesa malankarese, cristianesimo in India e cristiani di San Tommaso.
Relazione dei gruppi Nazareni.

I Cristiani di San Tommaso fanno risalire le loro origini a Tommaso Apostolo, che secondo la tradizione fece molti proseliti in India nel I secolo. Nel VII secolo erano parte della Chiesa d'Oriente, con centro in Persia[1].[2] L'intera comunità è rimasta unita fino al XVII secolo, quando le controversie con il Padroado portoghese in India hanno portato al Giuramento della Croce pendente del 1653 e la divisione dei cristiani di san Tommaso in Cattolici e altre chiese indipendenti.[3][4] Il ramo indipendente, conosciuto come Chiesa Malankarese, ha stabilito un rapporto con la Chiesa siro-ortodossa di rito occidentale (o Rito di Antiochia).[5]

Fino al 1961, la storia della Chiesa è profondamente legato alla Chiesa siro-malankarese Mar Thoma, che si è evoluta e poi staccata dal contatto del cristianesimo dell'India del sud ad opera dei missionari evangelici britannici durante l'epoca coloniale dell'Impero britannico. I missionari facilitarono la traduzione della Bibbia in lingua malayalam nel 1811. Questa è stata la prima Bibbia nella lingua vernacolare del Kerala. Ulteriori modifiche introdotte dai missionari hanno portato ad uno scisma all'interno delle Chiese Cristiane di San Tommaso e alla formazione della Chiesa Mar Thoma.

Scisma[modifica | modifica wikitesto]

Diatribe interne tra i gruppi tradizionalisti progressivamente hanno portato ad un ulteriore scisma. La Chiesa Evangelica di San Tommaso dell'India è stata ufficialmente inaugurata il 26 gennaio 1961. Più di 30.000 persone provenienti da tutte le diverse confessioni cristiane si sono riunite insieme al vescovo Abraham Nagar a Thiruvalla, nel Kerala, per formare la nuova denominazione della Chiesa.

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

La Chiesa conta 173 parrocchie in Kerala, 32 negli altri stati indiani e 13 fuori dall'India (Stati Uniti, paesi del Golfo persico).

Vescovi[modifica | modifica wikitesto]

  • Vescovo Reverendissimo Dr C V Mathew (vescovo presidente della Chiesa)
  • Vescovo Rt Rev Dr Thomas Abraham
  • Vescovo Dr T C Cherian
  • Vescovo Dr M K Koshy
  • Vescovo Rt Rev A I Alexander

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Termine che comprende oltre all'Iran e all'Iraq altri vasti territori senza soluzione di continuità, come il "Partia" romano, governati tra l'altro nel periodo medioevale dai Sasanidi e dai Selgiuchidi.
  2. ^ Baum, p. 53.
  3. ^ Neill, p. 214.
  4. ^ Neill, p. 319.
  5. ^ "Christians of Saint Thomas". Encyclopædia Britannica. Riferimento del 9 febbraio 2010.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]