Chengdu J-10

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Chengdu J-10
J-10A all'Airshow di Zhuhai.
J-10A all'Airshow di Zhuhai.
Descrizione
Tipo caccia multiruolo
Equipaggio 1
2 (versione da addestramento)
Progettista Cina Chengdu Aircraft Design Institute
Costruttore Cina Chengdu
Data primo volo 23 marzo 1998[1]
Data entrata in servizio 2005
Utilizzatore principale Cina Zhongguo Renmin Jiefangjun Haijun Hangkongbing
Altri utilizzatori Pakistan Pakistani Fida'iyye
Esemplari 120-160[2]
Dimensioni e pesi
Tavole prospettiche
Lunghezza 15,5 m
Apertura alare 9,7 m
Superficie alare 39
Peso a vuoto 8 000–9 730 kg[3]
Peso carico 18 500 kg[4]
Peso max al decollo 19 277 kg[5]
Propulsione
Motore un turboventola
Shenyang WS-10 o
Ljul'ka AL-31
Spinta 89,17 kN / 89,43 kN (a secco)
122,5 kN[5]/ 129,4 kN (con postbruciatore)

Aerei Militari.org[6]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il Chengdu J-10 (tradizionale: 殲十, semplificato: 歼十, pinyin: Jiān Shí, che significa "Annichilatore (caccia) Dieci") è un caccia multiruolo di quarta generazione e mezza prodotto dall'azienda cinese Chengdu Aircraft Industry Corporation (CAC).

Conosciuto in occidente come "Vigoroso dragone",[7] il J-10 deriva dal precedente Chengdu J-9 (un progetto poi cancellato) e gode, oltre degli studi di progettazione nazionali, di molte componenti frutto di collaborazioni con l'estero.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

La realizzazione del velivolo prese l'avvio alla meà degli anni '80. L'esistenza del nuovo caccia cinese venne però scoperta solo quando un satellite spia americano fotografò alcuni prototipi presso il centro di sviluppo della Chengdu nel 1994 durante i primi test di volo. Vi furono poi notizie frammentarie circa le specifiche del velivolo finché il governo cinese non autorizzò il rilascio delle prime immagini ufficiali nel 2007, tre anni dopo la messa in servizio del mezzo. Ne è prevista la messa in linea di 300-400 esemplari.

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Il disegno del mezzo è molto somigliante al progetto LAVI abbandonato dagli israeliani nel 1987 e a quello russo del MiG 1.44.

Lo schema alare è a delta con alette canard supplementari, mentre la propulsione è affidata ad un unico motore, un turbofan di origine russa Saturn AL-31FN. Il sistema di controllo del volo è del tipo FBW, mentre il cockpit è dotato di HUD e schermi multifunzione. Attualmente il velivolo monta un sistema radar Phazotron Zhuk rimpicciolito, ma si tratta di una soluzione provvisoria. Il caccia dispone di 11 punti d’attacco per carichi esterni, di cui sei subalari e cinque in fusoliera. È previsto che possa impiegare tutte le armi aria-aria e aria-superficie in dotazione alla Zhongguo Renmin Jiefangjun Kongjun.

Impiego[modifica | modifica wikitesto]

Il J-10 è stato realizzato per avere un caccia adeguato ad opporsi ai modelli IDF ed F-16 in dotazione alla Chung-Hua Min-Kuo K'ung-Chün.

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

J-10A
versione base monoposto multiruolo. La designazione per l'esportazione è F-10A.
J-10S
versione biposto da addestramento, guerra elettronica (EW), mini-AWACS, attacco al suolo, ed altro.
J-10B
sviluppo della versione J-10A, dotata di motore a controllo di spinta vettoriale, prese d'aria DSI stealth, maggior numero di punti d'attacco, radar AESA, ed altro. Entrato in servizio operativo nel 2007;[8]
FC-20
versione da esportazione del J-10 per il Pakistan.

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Cina Cina
Pakistan Pakistan

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Wang Jieqing, J-10 Fighter Test Flight Process Secret Revealed, Southern Weekend.
  2. ^ J-10 Multirole Fighter Aircraft, SinoDefence, 10 febbraio 2008. URL consultato il 12 ottobre 2008.
  3. ^ Altre fonti affermano 6 940 kg. People's Daily lo descrive come "un po' 'più leggero" (di peso) rispetto al F-16.[1] Soprattutto la stima più elevata sembra da ritenere improbabile in quanto lo J-8, un velivolo PLAAF di vecchia generazione con simili valori di spinta, si presume pesi solo 9 240 kg.
  4. ^ Aviation Week - 2008 Source Book, January 28, 2008
  5. ^ a b Sinodefence.com: J-10 Multirole Fighter Aircraft. URL consultato il 9 aprile 2007.
  6. ^ Chengdu J-10. URL consultato il 19 ottobre 2013.
  7. ^ J-10 in airforce-technology.com
  8. ^ (EN) J-10 in Deagel.com, http://www.deagel.com/. URL consultato il 16 novembre 2008.

Velivoli comparabili[modifica | modifica wikitesto]

Francia Francia
India India
Svezia Svezia
Unione europea Unione europea

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]