Charles Band

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Charles Robert Band, nato Carlo Antonini (Los Angeles, 27 dicembre 1951), è un produttore cinematografico, regista e sceneggiatore statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Los Angeles col nome di Carlo Antonini[1], è figlio del regista e produttore italiano Albert Band (Alfredo Antonini),[2] con cui ha co-diretto vari film, e fratello di Richard Band, autore di colonne sonore.

Dopo un esordio come attore nel 1962 ne La leggenda di Enea, inizia con successo una carriera di produttore di film destinati quasi esclusivamente al cinema indipendente con la società di produzione cinematografica Full Moon Pictures (attualmente chiamata Full Moon Entertainment). È così che negli anni inizia ad investire in film di registi come Stuart Gordon (Il pozzo e il pendolo, From Beyond - Terrore dall'ignoto, Castle Freak), il padre Albert Band (Ghoulies II - Il principe degli scherzi), Scott Spiegel (Terrore senza volto), William Shatner (Visitor), David S. Goyer (Giocattoli infernali), David Nutter, (I cavalieri interstellari, Cavalieri interstellari: Ultimo atto) e Jeff Burr (Puppet Master 4, Puppet Master 5).

Regista di Trancers - Corsa nel tempo, Trancers II: The Return of Jack Deth e Puppet Master: The Legacy, nel 1984 con la collaborazione dei registi Steven Ford, Ted Nicolaou, Rosemarie Turko, Peter Manoogian, Dave Allen e John Carl Buechler dirige Il demone delle galassie infernali. Nel 1990, si divide tra Bomarzo e Giove per le riprese di Meridian.

Charles Band ha sposato la produttrice cinematografica Debra Dion dalla quale ha avuto due figli (Alex Band e Taryn Band), e dalla quale ha divorziato nel 2004. Si è risposato con Meda Band da cui ha avuto altri due figli (Zalman Band e Harlan Band).

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ I registi: dal 1930 ai giorni nostri - Google Libri
  2. ^ I registi: dal 1930 ai giorni nostri - Google Libri

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 31634273 LCCN: no99068482