Cardoso (Stazzema)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cardoso
frazione
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Tuscany.svg Toscana
Provincia Provincia di Lucca-Stemma.png Lucca
Comune Stazzema-Stemma.png Stazzema
Territorio
Coordinate 44°00′29.15″N 10°18′57.32″E / 44.008097°N 10.315921°E44.008097; 10.315921 (Cardoso)Coordinate: 44°00′29.15″N 10°18′57.32″E / 44.008097°N 10.315921°E44.008097; 10.315921 (Cardoso)
Altitudine 265 m s.l.m.
Abitanti 217[1] (2001)
Altre informazioni
Cod. postale 55040
Prefisso 0584
Fuso orario UTC+1
Nome abitanti cardosini
Patrono Santa Maria Assunta
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Cardoso

Cardoso è una frazione del comune di Stazzema, in provincia di Lucca.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Situato in alta Versilia, il paese è prospiciente al Parco naturale regionale delle Alpi Apuane ed è collocato sul fondovalle del torrente Cardoso, ai piedi dell'anfiteatro naturale costituito dal Monte Forato e dalla Pania della Croce. Cardoso si trova sull'omonimo torrente e dà il nome alla stessa valle che comprende anche i paesi di Pruno, Volegno e le località di Colombetta e Orzale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo Cardoso proviene dalla pianta del cardo. La zona fu frequentata fin dal neolitico come documentano i ritrovamenti effettuati nella buche delle fate nel 1966 e oggi conservati nel museo archeologico versiliese.[2] Il borgo attuale nacque nel 1407 grazie all'unione delle due località di Malinventre e Farneta, si consolidò come villaggio minerario[3] grazie alla lavorazione del ferro proveniente dalle Buche della Vena e alle Cave di pietra situate nei dintorni, mantenendo tale vocazione ancora oggi, con l'estrazione che dà un forte impulso all'economia locale.

Alluvione del 1996[modifica | modifica wikitesto]

Il 19 giugno 1996 il paese fu colpito da un'alluvione, che distrusse molti edifici, ricostruiti negli anni successivi. Piovve ininterrottamente per 6 ore e alle 13.50 si raggiunse la massima intensità scaricando mezza tonnellata di acqua (482 millimetri) per ogni metro quadro di superficie. Fango, pietre e grandi massi, interi castagneti, a ondate successive piombarono sul paese per un totale di oltre 2.200.000 metri cubi di detriti[4] livellando completamente l'alveo del fiume e in alcuni casi innalzandolo di 12 metri. In tutto il comprensorio del comune di Stazzema si verificarono oltre cinquecento frane sia lineari lungo i canali sia areali lungo i versanti. L'alluvione causo molti danni materiali e un tragico bilancio di ben 12 morti. Anche Fornovolasco fu gravemente danneggiato. Nella gravità dell'evento il danno fu paradossalmente contenuto perché avvenne in pieno giorno quando molte persone erano fuori casa. L'evento meteorologico che distrusse il Cardoso non fu previsto[5] a causa della ridottissima estensione superficiale dell’evento e della carenza strumentale in dotazione alla Protezione Civile e al Servizio Meteorologico dell'Aeronautica Militare che aveva previsto, cielo poco nuvoloso, indicando la possibilità di precipitazioni temporalesche sulle regioni nord-orientali, con particolare riguardo al settore alpino o prealpino. Dopo l'evento sono state adottate nuove tecniche capaci di prevedere casi similari.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Nel centro del borgo si trovano la chiesa di Santa Maria Assunta, risalente al XVIII secolo, con il coro affrescato da Ranieri Leonetti (1821-1883)[6] nativo del Cardoso, e il fonte battesimale opera del fiorentino Donato Benti, datato 1528.[7] La torre campanaria (alta 22 metri) risale al 1745 ed è separata dal corpo di fabbrica della chiesa.[8] Sono inoltre presenti due edicole poste rispettivamente nella parte alta del Cardoso e a Vallinventri, dove si alternano ogni anno le processioni di San Rocco.

Nei boschi sopra il paese sono stati rinvenuti i ruderi delle mura del borgo di Casamenta, distrutto da Castruccio Castracani, signore di Lucca, durante le sue spedizioni punitive in Versilia: qui si trova la chiesa di San Leonardo, riedificata in ricordo della precedente parrocchia dello scomparso villaggio.[9] Nei pressi di San Leonardo, in località Trogna, è stato recentemente ritrovato e reso facilmente fruibile un sito di incisioni rupestri raffiguranti lame pennate risalenti al periodo precristiano.

In paese sono stati posti tre monumenti: una colonna di marmo sovrastata dalla vittoria alata, con basamento su cui sono incisi i nomi dei caduti del Cardoso tra le due guerre; un altro in pietra, in ricordo dell'alluvione del 1996; e un terzo in bronzo, posto il 16 agosto 2007, in ricordo dei vigili del fuoco che si prodigarono per risollevare la popolazione dalla sventura dell'alluvione.[10][11]

Nei pressi del paese si trovano le Cave di Pietra del Cardoso, dove si estrae ancora una varietà di ardesia, chiamata pietra del Cardoso.[12]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Tradizioni e folclore[modifica | modifica wikitesto]

Presso il piccolo santuario di San Leonardo,[13] situato sotto la Penna Rossa e il Monte Forato, ogni anno il paese di Cardoso si riunisce per la festa delle rose,[14] che per i cardosini coincide, normalmente, con la prima domenica dopo la pentecoste. Oggi il santuario è ancora raggiungibile solo a piedi e si caratterizza per il consueto cerimoniale religioso, dopo il quale la comunità festeggia l'arrivo degli uomini della neve, per poi mettersi a tavola con i tordelli e le granite di neve. Dopo una breve pausa durante l'alluvione, la festa si svolge regolarmente ogni anno.

Di particolare interesse la tradizione degli uomini della neve, sopravvissuta in pochi altri paesi montani come Aritzo sulle pendici del Gennargentu. La pratica di raccogliere la neve durante il periodo estivo, già citata in documenti del 1678 e descritta da Francis Vane nel 1908,[15] per la straordinaria dimensione dei blocchi di ghiaccio che venivano trasportati, è rinnovata ogni anno per la festa di San Leonardo. Ancora oggi a Cardoso la neve viene prelevata dalle buche della neve situate nella Valle d'Inferno del monte Pania della Croce a 1600 metri s.l.m. e trasportata a spalle, attraverso il passo degli uomini della neve, e la foce di valli, fino al santuario di San Leonardo posto a 400 metri s.l.m. Il trasporto della neve viene accompaganto dal suono della Charonia Tritonia[16] considerato il primo strumento di comunicazione[17] dell'uomo di Cro-Magnon e la cui tradizione si è tramandata fino ai giorni nostri sugli alpeggi di Cardoso. Altri strumenti di richiamo sono i tromboni. In primavera, quando i polloni di castagno entrano in succhio, vengono costruite queste caratteristiche trombe il cui suono baritonale ricorda quello di un corno. La “ voce del trombone ” può  essere sentita riecheggiare a distanza di chilometri e infatti fino agli anni '40 , secondo alcune fonti orali, veniva utilizzata come richiamo dai contadini che si attardavano nei boschi oltre il vespro.

Il gioco della Boccia coinvolge gran parte degli uomini del paese che si sfidano una volta l'anno la mattina di Pasqua. Vince la squadra che compie meno tiri di boccia da Vallinventri a Pontestazzemese. Il gioco avviene sia in discesa che in salita, e deve essere prestata particolare attenzione ad evitare che la boccia finisca nel fiume. Prima che allargassero la strada alcuni tiratori riuscivano a far saltare la boccia il Col del Cavallo, per evitare la curva, e assicurarsi la vittoria.

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Oltre alle piccole località di Colombetta e Orzale, sono collegate al paese di Cardoso anche una serie di case sparse situate tra i 700 e gli 800 metri s.l.m., un tempo alpeggi di pertinenza della comunità: Cima La Ripa, Collemezzana, Colleoni, Puccio, La Tomba, La Capriola, La Grotta e La Fania.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Monte Forato visto dal Cardoso

Il Cardoso per la sua collocazione di fondovalle si presta per numerose ascensioni e permette l'uso di una moltitudine di sentieri sia di natura escursionistica che alpinistica.

Escursionismo[modifica | modifica wikitesto]

  • La via dell'acqua (2 ore):[18] dalla chiesa di Cardoso,[19] passando sotto l’arco si segue il segnavia 7 del CAI fino a raggiungere la località di Orzale, da qui si prosegue seguendo le indicazioni per San Leonardo, per poi terminare ai due canali e discendere sulla segnaletica 8 del CAI. Per oltre tre quarti del suo tracciato il sentiero si presenta con una impercettibile pendenza creata artificialmente per captare le acque, condurle in un invaso posizionato sotto San Leonardo e produrne energia idroelettrica. Lungo il tracciato è stato recentemente scoperto un sito rupestre con delle incisioni pre cristiane raffiguranti pennati.
  • Vallinventri–Pruno–Cardoso (1 ora): dal Mulino degli Ulivi, subito dopo il cartello segnaletico del paese di Cardoso parte la vecchia mulattiera che conduce a Pruno. La via attraversa castagneti secolari e orti terrazzati ancora eroicamente coltivati. Il sentiero giunge sotto la chiesa di Pruno per poi ridiscendere su via di cava fino al Cardoso.

Da Cardoso è inoltre possibile raggiungere altri paesi come Stazzema seguendo la segnavia SAV,[20] o andare a Palagnana seguendo il sentiero CAI 8 attraversando la foce delle porchette, e anche a Fornovolasco salendo per il sentiero CAI 12, proseguendo per il CAI 124 fino alla foce di Petrosciana e scendendo per il sentiero CAI 6.

Alpinismo[modifica | modifica wikitesto]

Le montagne preferibilmente raggiungibili dal Cardoso sono la Pania della Croce passando da Collemezzana e salendo da foce di valli per il passo degli uomini della neve lungo il sentiero CAI 7, il Monte Forato CAI 12 e il Monte Croce CAI 8.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dati del censimento delle località ISTAT del 2001
  2. ^ Museo archeologico versiliese Bruno Antonucci, Pezzini Editore, Pietrasanta, 1995.
  3. ^ Emilio Simi, Sull'alpe della versilia e la sua ricchezza minerale, ETS, Pisa, 1989.
  4. ^ Notizie sull'alluvione del Cardoso
  5. ^ Notizie sull'alluvione del Cardoso
  6. ^ Giorgio Giannelli, Almanacco Versiliese A-B-C, Edizioni Versilia Oggi, 2001.
  7. ^ Costantino Paolicchi, Cardoso. Una comunità millenaria alla ricerca del proprio futuro, Editografia, 1998.
  8. ^ Il borgo di Cardoso
  9. ^ La chiesa di San Leonardo al Cardoso
  10. ^ Il monumento alla memoria
  11. ^ Immagini dei monumenti del Cardoso
  12. ^ Il Monte Farneta e la pietra del Cardoso
  13. ^ Approfondimenti sul sito Cardoso.it
  14. ^ Pasquale Ancillotti, Verso l'ignoto attraverso il monte Forato e altri racconti di vita versiliese, Edizione del Testimone, 1989.
  15. ^ Francis Vane, Walks and Peoples in Tuscany, 1908.
  16. ^ La tromba di tritone.
  17. ^ Museo comunicazione.
  18. ^ Lapi Marco, Fiorenzo Ramacciotti, Apuane Segrete, Edizioni il Labirinto, 1995
  19. ^ Itinerario sul sito Escursioni Apuane.com
  20. ^ S.A.V. - Il Sentiero Alta Versilia - — Unione dei Comuni della Versilia

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]