Camping del terrore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Camping del Terrore
Camping del terrore.png
Charles Napier e David Hess in una scena del film
Titolo originale Camping del Terrore
Paese di produzione Italia
Anno 1987
Durata 82 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere orrore
Regia Ruggero Deodato
Sceneggiatura Alessandro Capone, Dardano Sacchetti, Luca D'Alisera
Produttore Ruggero Deodato
Fotografia Emilio Loffredo
Montaggio Mario Morra
Musiche Claudio Simonetti
Scenografia Paolo Biagetti
Interpreti e personaggi

Camping del terrore è un film horror/slasher del 1987 diretto da Ruggero Deodato. È conosciuto anche come Body Count e Camping della morte.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

In un campeggio tra i boschi di una non meglio precisata località statunitense, una coppia di giovani viene trucidata da un misterioso assassino. Dopo il tragico evento il campeggio viene chiuso anche se i gestori Julia, Robert e il loro figlio Ben continuano a vivere sul posto. Il loro rapporto è in crisi e la situazione è esacerbata da un lato dalla relazione della donna con lo sceriffo locale, dall'altro dall'ossessione di Robert per il vecchio sciamano, figura leggendaria che Ben asserisce essere l'autore dei due omicidi.

Anni dopo un gruppo di ragazzi arriva nel campeggio, credendolo ancora in attività, per trascorrere una vacanza ma un assassino dalle sembianze mostruose inizia a trucidare i membri della comitiva. I superstiti si convincono che il colpevole sia Robert e chiedono invano aiuto a Ben. Ormai disperati i ragazzi organizzano una disperata difesa nel vecchio spaccio alimentare del campeggio ma verrebbero rapidamente sopraffatti se non giungesse lo sceriffo a uccidere l'aggressore con un colpo di fucile. Superato ormai il momento di pericolo lo sceriffo toglie all'assassino la maschera che indossa e scopre così che dietro di essa non si nasconde Robert ma il figlio Ben. Gli unici due superstiti possono così riprendere la via di casa mentre Robert, in fuga nei boschi dopo aver ucciso Julia, viene raggiunto e ucciso da una figura del tutto identica a quella interpretata da Ben.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il progetto del film nasce da un copione di Alessandro Capone che intendeva curarne anche la regia e solo successivamente la sua realizzazione è stata affidata a Deodato. Le riprese sono state effettuate in Abruzzo, nei pressi del Gran Sasso, e presentarono notevoli difficoltà a causa di una poco accurata preparazione e delle proibitive condizioni atmosferiche.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema