Campo Imperatore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 42°26′33″N 13°33′33″E / 42.4425°N 13.559167°E42.4425; 13.559167

Campo Imperatore
Vista dell'altopiano in primavera
Vista dell'altopiano in primavera
Stati Italia Italia
Regioni Abruzzo Abruzzo
Province L'Aquila L'Aquila
Località principali Barisciano, Calascio, Carapelle Calvisio, Castelvecchio Calvisio, Castel del Monte, L'Aquila, Santo Stefano di Sessanio
Comunità montana Comunità Montana Campo Imperatore-Piana di Navelli
Superficie 75 km²
« Questa piana tra altissimi monti fa un bellissimo vedere. Quando i pastori vi sono con gli animali a pascolare, par esser uno esercito grossissimo a vedere tante capanne e tante tende, massime la sera quando tutte hanno acceso i fuochi. »
(Francesco De Marchi, "Il Corno Monte", 1573[1])

Campo Imperatore è un vasto altopiano, di origine glaciale e carsico-alluvionale, situato a circa 1800 m di quota in provincia dell'Aquila tra i territori comunali di Barisciano, Calascio, Carapelle Calvisio, Castelvecchio Calvisio, Castel del Monte, L'Aquila e Santo Stefano di Sessanio, nel cuore del massiccio del Gran Sasso d'Italia e all'interno del Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga[2]. È sede di importanti strutture culturali e sportive.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Campo Imperatore in estate
Campo Imperatore in inverno

L'altopiano, tra i più vasti d'Italia, si estende per un massimo di 18 km in lunghezza e 8 km di larghezza sulla direttrice che va da nord-ovest a sud-est[2], per una superficie complessiva di circa 75 km² quadrati, a una altitudine variabile tra i 1460 m della Val Voltigno fino ai 2138 m della stazione meteorologica, ed è compreso nel Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga. Il noto alpinista Fosco Maraini lo paragonò, su piccola scala, alla valle di Phari Dzong, coniando il termine di Piccolo Tibet che è ancora oggi d'uso comune[3].

Territorio[modifica | modifica sorgente]

Campo Imperatore è delimitato a ovest da parte della dorsale occidentale del Gran Sasso con il Monte Scindarella e Monte Portella, a nord da parte della dorsale orientale del massiccio con i monti Aquila, Brancastello, Prena e Camicia e dal Corno Grande (nell'estremità nord-occidentale dell'altopiano, al confine con Campo Pericoli), a est dai monti Vito, Guardiola e Capo di Serre e a sud dalla catena formata da Monte Cristo e Monte Bolza che separa l'altopiano dal territorio di Santo Stefano di Sessanio e Calascio[2].

Il territorio è quasi del tutto spoglio di vegetazione sia per la quota altimetrica abbastanza elevata sia per l'opera di disboscamento dei secoli passati. Dispone di una buona biodiversità arborea e aviforme con presenza di aquile, falchi, gracchi e numerose specie di passeriformi durante il periodo migratorio. È luogo di pascolo e refrigerio estivo per mandrie e greggi dei centri limitrofi come Castel del Monte, Calascio e Santo Stefano di Sessanio, nonché in passato luogo di riferimento per la pastorizia e la transumanza.

Tutto il perimetro meridionale della piana, a cavallo con la vallata di Barisciano e l'altopiano di Navelli, è caratterizzata da una decina di laghetti di forma circolare e modesta profondità la cui origine, meteoritica per alcuni, meteorica e legata all'influenza dell'uomo per altri, è ancora incerta[4].

Valloni[modifica | modifica sorgente]

La parte nord-occidentale di Campo Imperatore, alle pendici del Monte Portella, è la più antropizzata ed è caratterizzata da strutture culturali, sportive e ricettive. A quota 2135 m di altitudine ha sede il Giardino botanico alpino di Campo Imperatore dedicato alla coltivazione e allo studio della flora d'elevata altitudine; a quota 2130 m sorge lo storico albergo dove nel 1943 fu tenuto prigioniero Benito Mussolini fino alla sua liberazione avvenuta il 12 settembre da parte dei soldati tedeschi guidati dal capitano delle SS Otto Skorzeny nell'ambito della celebre Operazione Quercia.

A quota 2138 m si trova la stazione meteorologica di Campo Imperatore, ufficialmente riconosciuta dall'Organizzazione Meteorologica Mondiale; infine a 2145 m si stagliano le cupole dell'Osservatorio astronomico, dotato di un telescopio di oltre un metro di diametro e gestito dalla sezione romana dell'Istituto Nazionale di Astrofisica. Nei pressi c'è la piccola chiesa della Madonna della Neve.

Monumento di Fonte Vetica

Fonte Vetica[modifica | modifica sorgente]

Fonte Vetica è la zona sud-est di Campo Imperatore, attestata a una quota di 1532 m, e circondata sui versanti sud-occidentali del Monte Camicia dall'unica zona boschiva dell'altopiano. È citata nella memoria locale per una tragedia avvenuta il 13 ottobre del 1919 quando una bufera di neve, giunta in anticipo sull'inverno, causò la morte di un pastore, Pupo Nunzio di Roio, di due suoi figli piccoli e di cinquemila pecore del suo gregge. Ancor oggi vi è un monumento e una lapide commemorativa di questo episodio, opera dello scultore Vicentino Michetti. Nel 2006 il monumento è stato gravemente danneggiato da vandali[5].

Nei pressi si trova, inoltre, la zona cosiddetta dei macelli in cui punti di ristoro fissi vendono salumi, insaccati, formaggi e carne fresca (tra cui i tipici arrosticini) da cucinare all'esterno in apposite aree attrezzate con tavoli, fornacelle, carbone e bombola per fare fiamma. È presente in zona anche l'omonimo rifugio appenninico[6]. Da Fonte Vetica sgorga infine una sorgente d'acqua che alimenta l'impianto idrico del comune di Castel del Monte.

Clima[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stazione meteorologica di Campo Imperatore.

Le precipitazioni sfiorano il valore di 900 mm annui con un picco in autunno e tendenza a rapida diminuzione scendendo verso la parte meridionale dell'altopiano. Si presentano a carattere nevoso nel periodo compreso tra novembre e aprile con accumuli consistenti durante tutto l'inverno. La temperatura è molto rigida e si attesta su una media di -4 °C nel mese più freddo (febbraio) e +11,2 °C in quello più caldo (agosto); in inverno nella parte bassa della piana si raggiungono facilmente temperature di -25 °C[7].

Accessibilità[modifica | modifica sorgente]

L'accessibilità alla piana è garantita tutto l'anno grazie alla varietà di infrastrutture che la caratterizzano. La più diretta è la funivia del Gran Sasso, un moderno impianto a fune che dalla località Fonte Cerreto (1150 m), all'interno del territorio comunale dell'Aquila e a poca distanza dall'uscita autostradale A24 di Assergi, consente di raggiungere i 2130 m di quota dell'albergo di Campo Imperatore, stazione di monte degli impianti sciistici; la funivia ha una capienza di 100 persone e il percorso una durata di circa 7 minuti[8]. In inverno rappresenta l'unico accesso possibile alla parte occidentale dell'altopiano.

Gli accessi automobilistici principali sono la S.S. 17 bis che dall'Aquila o dal Passo delle Capannelle sale verso Fonte Cerreto e, quindi, Campo Imperatore ridiscendendo in direzione Castel del Monte e una strada secondaria proveniente da Santo Stefano di Sessanio che si ricollega alla S.S. 17 bis alle pendici del Monte Bolza: queste strade sono spesso chiuse per neve durante la stagione invernale. Altri punti di accesso stradali sono a est Vado di Sole (1621 m) da Farindola e Castelli, a sud il valico di Capo di Serre (1600 m) da Castel del Monte e a nord Vado di Corno (1962 m) da Isola del Gran Sasso, sede di un antico tracciato montano che collegava i versanti aquilano e teramano del Gran Sasso.

Storia e cultura[modifica | modifica sorgente]

L'osservatorio astronomico
La chiesa della Madonna della neve e, a lato, l'Hotel Campo Imperatore

L'altopiano è famoso nella storia d'Italia per essere stato l'ultima prigione di Benito Mussolini nel 1943 prima di essere liberato dai tedeschi nell'Operazione Quercia durante la seconda guerra mondiale; la sua camera nell'Hotel Campo Imperatore, con gli arredi originali perfettamente conservati, è oggi un museo a pagamento ed è visitato da curiosi e nostalgici. Lo stesso albergo è ancora oggi perfettamente funzionante e nei pressi è la piccola chiesa della Madonna della Neve. Campo Imperatore è stato inoltre, con la vicina Campo Felice, uno dei luoghi montani d'Abruzzo preferiti da papa Giovanni Paolo II che era solito frequentare la zona d'estate in cerca di solitudine e meditazione; per questo una cima del Gran Sasso, la cima Giovanni Paolo II, è stata a lui intitolata.

Campo Imperatore è meta di astrofili e appassionati di astronomia per via della quota altimetrica e della lontananza da sorgenti di inquinamento luminoso e dell'aria che rendono il luogo ideale per l'osservazione astronomica. Dispone di un Osservatorio astronomico costruito tra il 1948 e il 1955 equipaggiato con un telescopio di oltre un metro di diametro e gestito dalla sezione romana dell'Istituto Nazionale di Astrofisica in collaborazione con l'Osservatorio astronomico di Collurania e con l'Università degli studi dell'Aquila[9]. A partire dal 2001 l'Osservatorio è stato sede del programma internazionale CINEOS che ha portato alla scoperta di 61000 asteroidi e 1500 nuovi oggetti, tra cui 6 near-Earth object e un planetoide. Da oltre vent'anni, inoltre, Fonte Vetica è sede di diversi campi astronomici organizzati regolarmente da associazioni di astrofili provenienti da tutta Italia. Molto famoso è il Campo Astronomico patrocinato dal Gruppo Astrofili Pescaresi "RA" (GASPRA), la cui prima edizione si è tenuta nel 1988[senza fonte].

A ridosso dell'osservatorio è il giardino botanico alpino Vincenzo Rivera realizzato per iniziativa dell'omonimo fondatore ed ex-rettore dell'Università degli studi dell'Aquila su un'area di circa 3500 mq; il giardino, con annesso museo, è gestito dal dipartimento di scienze ambientali dello stesso ateneo abruzzese in collaborazione con il Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga.

L'intera vallata è stata spesso scenario d'eccezione per film e spot pubblicitari, tra cui si ricordano ...continuavano a chiamarlo Trinità con Bud Spencer & Terence Hill (1971), Il deserto dei Tartari con Vittorio Gassman e Philippe Noiret (1976) e Così è la vita con Aldo, Giovanni e Giacomo (1998), spot pubblicitari con testimonial d'eccezione (tra cui Leonardo DiCaprio) e anche alcune scene dei videoclip di Elisa (Eppure sentire (un senso di te)) e di Simona Molinari (Nell'aria). Nelle vicinanze, e in particolare a Rocca Calascio e Castel del Monte sono stati poi girati film di livello internazionale, come Ladyhawke con protagonisti Matthew Broderick, Rutger Hauer e Michelle Pfeiffer (1985), Il nome della rosacon Sean Connery (1986) e The American con George Clooney (2010), mentre all'interno dei laboratori nazionali del Gran Sasso, al di sotto dell'altopiano, è stato girato e ambientato il film L'orizzonte degli eventi con Valerio Mastandrea (2005).

È inoltre zona molto frequentata dai motociclisti che spesso approfittano dell'aspetto paesaggistico e delle strade poco trafficate e interessanti da guidare per organizzare veri e propri motoraduni.

Sport[modifica | modifica sorgente]

Impianti sciistici sul Monte Scindarella
Snow park di Campo Imperatore

Sci e sport invernali[modifica | modifica sorgente]

Campo Imperatore è sede di un'omonima stazione sciistica, la prima nata sugli Appennini e tra le più elevate dell'intera catena. Gli impianti di risalita, che si sviluppano all'estremità occidentale dell'altopiano, tra la valle detta delle Fontari e il Monte Scindarella, comprendono in tutto 3 impianti che coprono un totale di 15 km di piste da sci per lo sci alpino, cui si aggiungono oltre 60 km per lo sci nordico. Dispone inoltre di uno snow park per lo snowboard, con piste half pipe e boarder cross, e di un anello per lo sci di fondo. Ampia è inoltre la possibilità di sci alpinismo con diversi percorsi disponibili. In quota vi sono un ostello e il già citato Hotel Campo Imperatore. La stazione è collegata a valle dalla funivia del Gran Sasso e dispone di parcheggi e ulteriori strutture ricettive in località Fonte Cerreto[10].

La stazione è unita nel comprensorio Tre Nevi con le località sciistiche di Campo Felice e Ovindoli.

Escursionismo[modifica | modifica sorgente]

L'altopiano è connesso ai principali borghi delle vicinanze, tra tutti Assergi, Calascio, Castel del Monte e Santo Stefano di Sessanio, da numerosi itinerari escursionistici percorribili a piedi, in bici o a cavallo.

Il più celebre è l'Ippovia del Gran Sasso, un percorso ad anello, dotato di aree attrezzate per la sosta, che gira intorno al massiccio collegando i tre versanti aquilano, teramano e pescarese del Gran Sasso per un totale di circa 300 km, che lo rendono il più lungo d'Italia[11]. Tale percorso tocca i bordi occidentali di accesso alla piana (Monte Cristo-Fossa di Paganica) e quelli meridionali (Piano del Voltigno), passando anche in corrispondenza dei sopraddetti rinomati centri storico-turistici[12].

Campo Imperatore è inoltre punto di partenza per le principali escursioni sul Gran Sasso, tra cui si ricordano quella al Rifugio Garibaldi attraverso Campo Pericoli, al Monte Portella, al Monte Aquila, al Monte Scindarella e quella al Monte Brancastello oltre che della traversata dell'altopiano fino a Prati di Tivo attraverso la Val Maone.

Alpinismo[modifica | modifica sorgente]

È inoltre base di partenza per ascensioni ad alcune delle cime più importanti del Gran Sasso quali Pizzo Cefalone, Pizzo d'Intermesoli, Corno Grande, Monte Prena e Monte Camicia, alcune di queste con difficoltà alpinistiche[2].

Ciclismo[modifica | modifica sorgente]

In primavera ed estate Campo Imperatore è meta frequente di cicloturisti e appassionati di ciclismo. È stato inoltre più volte arrivo di tappa del Giro d'Italia:

Edizione Tappa Percorso km Vincitore di tappa
1971 Pescasseroli > Campo Imperatore 198,0 Spagna Vicente López Carril
1985 14ª Frosinone > Campo Imperatore 195,0 Italia Franco Chioccioli
1989 Roma > Campo Imperatore 179,0 Danimarca John Carlsen
1999 Pescara > Campo Imperatore 253,0 Italia Marco Pantani

Uno dei percorsi più caratteristici è quello che partendo da Assergi (860 metri s.l.m.) o Fonte Cerreto (1125 metri s.l.m.) arriva alla sommità di Campo Imperatore (2128 metri s.l.m.) per un totale di 31~27 km e un dislivello complessivo di circa 1360-1120 metri suddiviso in due tronconi: a una prima parte, di 13,5~17,5 km e con una pendenza che varia tra il 4 e il 7%, che raggiunge la cosiddetta Fossa di Paganica (1760 metri s.l.m.), segue una discesa, un falsopiano e, quindi, la seconda salita di 5,7 km con pendenza al 9~10% circa. Il percorso è considerato uno dei più impegnativi dell'Italia centrale insieme al Terminillo e al Blockhaus.

Altri percorsi ciclisticamente interessanti sono quelli che raggiungono l'altipiano attraverso Capo di Serre da Ofena o Villa Santa Lucia degli Abruzzi passando per Castel del Monte (circa 1110 m di dislivello), i percorsi che salgono da Barisciano passando per Santo Stefano di Sessanio o da San Pio delle Camere passando per Carapelle Calvisio-Castelvecchio Calvisio-Calascio-Castel del Monte (circa 750 m di dislivello) così come quelli che raggiungono l'altipiano attraverso Vado di Sole da Castelli o Farindola (circa 1100~1200 m di dislivello), per poi immettersi tutti nella parte meridionale della piana. Diffuso e praticato anche il cicloturismo lungo la piana stessa.

Mountain Bike[modifica | modifica sorgente]

L'intera piana, assieme ai luoghi limitrofi, è sfruttabile a livello ciclistico anche con innumerevoli percorsi di trekking in mountain bike di facile difficoltà così come percorsi di downhill lungo i pendii che ridiscendono a valle dal Gran Sasso[13].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ La cronaca della prima ascensione sulla vetta del Gran Sasso. URL consultato il 5 maggio 2012.
  2. ^ a b c d Touring Club Italiano, op. cit., pag.136
  3. ^ Alla scoperta del Piccolo Tibet. URL consultato il 18 ottobre 2010.
  4. ^ Il cratere in Abruzzo è nato come abbeveratoio. URL consultato il 18 ottobre 2010.
  5. ^ Il monumento della tragedia di Fonte Vetica a Campo Imperatore. URL consultato il 18 ottobre 2010.
  6. ^ Touring Club Italiano, op. cit., pag.142
  7. ^ Dati della stazione meteorologica di Campo Imperatore. URL consultato il 18 ottobre 2010.
  8. ^ Funivia Agudio Fonte Cerreto-Campo Imperatore Gran Sasso. URL consultato il 18 ottobre 2010.
  9. ^ Osservatorio astronomico di Campo Imperatore. URL consultato il 18 ottobre 2010.
  10. ^ Campo Imperatore. URL consultato il 18 ottobre 2010.
  11. ^ L'ippovia più lunga d'Italia. URL consultato il 18 ottobre 2010.
  12. ^ Cartina Ippovia del Gran Sasso.
  13. ^ Percorsi in MTB nell'Aquilano e dintorni, lentopede.org.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Vincenzo Battista, La civiltà del territorio, Pescara, Carsa Edizioni, 1994;
  • Provincia dell'Aquila, Guida turistica della Provincia dell'Aquila, L'Aquila, Provincia dell'Aquila, 1999;
  • Touring Club Italiano, L'Italia - Abruzzo e Molise, Milano, Touring Editore, 2005;
  • Vincenzo Di Michele, Mussolini finto prigioniero al Gran Sasso, Firenze, Curiosando Editore, 2011;

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Abruzzo Portale Abruzzo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Abruzzo