Bufo siculus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Rospo smeraldino siciliano
Bufo siculus Mario Lo Valvo.jpg
Esemplari di Bufo siculus
in accoppiamento.
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Amphibia
Sottoclasse Lissamphibia
Ordine Anura
Famiglia Bufonidae
Genere Bufo
Specie B. siculus
Nomenclatura binomiale
Bufo siculus
Stöck et al., 2008
Sinonimi

Pseudepidalea sicula
Pseudepidalea viridis

Il Rospo smeraldino siciliano (Bufo siculus Stöck et al., 2008) è un anfibio della famiglia dei Bufonidi, endemico della Sicilia[2].

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

È un anuro di taglia medio-grande, le cui dimensioni sono mediamente superiori, di circa 2 cm, delle specie peninsulari del gruppo B. viridis. Presenta un modesto dimorfismo sessuale: le femmine possono raggiungere i 10 cm di lunghezza e un peso di 110 g, mentre i maschi non superano gli 8,6 cm e i 70 gr.
La livrea presenta colorazione variabile dal bianco grigiastro al marrone, con delle caratteristiche chiazze irregolari verde smeraldo.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Ha abitudini crepuscolari e notturne.
È una specie terrestre, che utilizza gli ambienti acquatici solo per la riproduzione. Nei periodi post-riproduttivi i maschi tendono ad occupare le aree più vicine al sito riproduttivo mentre le femmine occupano aree più periferiche[3].

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

La dieta di B. siculus risulta costituita in massima parte da artropodi e molluschi terrestri.

Uno studio effettuato sulla popolazione del gorgo di Santa Rosalia (Riserva naturale di Monte Pellegrino), locus typicus della specie, ha mostrato un alto numero di taxa ingeriti, indice di una dieta abbastanza generalista.

Tra le prede censite in campioni di contenuto stomacale i più rappresentati sono risultati i crostacei isopodi e gli imenotteri (Formicidae spp.). Ma erano presenti in discrete quantità anche araneidi di grandi dimensioni (Lycosidae spp.), scolopendre, coleotteri (Curculionidae spp., Carabidae spp.), larve di lepidotteri e molluschi (Limacoidea spp.). In oltre il 50% dei campioni analizzati erano presenti inoltre resti vegetali.[4]

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

La stagione riproduttiva del rospo smeraldino siciliano va da gennaio a giugno ma talora si può osservare, a differenza delle specie peninsulari, un secondo periodo di attività da settembre a novembre. Questa modalità rappresenta un carattere comune alla specie nordafricana B. boulengeri[5][6].
Nel periodo riproduttivo il maschio e la femmina di B. siculus migrano verso i siti di riproduzione, rappresentati da stagni e pozze d'acqua temporanee. Il maschio arrivato nelle vicinanze del sito emette un richiamo, una sorta di trillo sostenuto[7], che attira la femmina. Raggiunto dalla compagna si adagia sul suo dorso stringendola in una sorta d'abbraccio detto amplesso ascellare. Man mano che la femmina va deponendo le uova, disposte in cordoni gelatinosi nastriformi, il maschio le feconda con i propri spermatozoi. Dalle uova si sviluppano in meno di una settimana i girini che completano la metamorfosi in circa due mesi.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Specie endemica della Sicilia, è diffusa ampiamente in quasi tutta l'isola. Nella Sicilia nord-orientale condivide l'areale con Bufo balearicus. È presente anche nelle isole minori Ustica, Favignana e Pantelleria.[2]

Popola differenti habitat in una fascia altitudinale che va da 0 a 1200 m s.l.m..
Predilige le aree costiere, planiziali e collinari, ma è stato rinvenuto sui Nebrodi sino a 1230 m. È presente anche in ambienti aridi come la costa sabbiosa di Capo Passero, che rappresenta il limite meridionale del suo areale.[8]

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Il rospo smeraldino siciliano, in precedenza attribuito alla specie Bufo viridis, è oggi riconosciuto come specie a sé stante (Bufo siculus). Recenti studi filogenetici sulle popolazioni mediterranee di Bufo spp. hanno infatti dimostrato che il taxon siciliano si differenzia, sotto il profilo dell'aplotipo mitocondriale, da quelli peninsulari ed è invece strettamente imparentato con la specie nordafricana Bufo boulengeri, da cui si sarebbe separata circa due milioni di anni fa, in un periodo compreso tra il Medio Pliocene (3,6 Ma) e il Pleistocene (0,16 Ma)[9].

Alcuni autori attribuiscono questa specie, assieme alle altre del gruppo B. viridis, al genere Pseudepidalea (Pseudepidalea sicula)[10] ma tale attribuzione è stata duramente contestata da più parti e la sua adozione considerata quantomeno prematura[9][11][12][13][14][15].

Stato di conservazione[modifica | modifica sorgente]

Il rospo smeraldino siciliano, che come Bufo viridis era tutelato dalla Convenzione di Berna e dalla direttiva Habitat, in seguito al riconoscimento del suo status di specie endemica manca di specifiche norme di tutela.

Nonostante l'ampia diffusione della specie in quasi tutta l'isola, le popolazioni appaiono frammentate e legate, per la loro sopravvivenza, alla protezione delle relative aree di riproduzione. Alcune sottopopolazioni, quali quella dell'Etna, sono state classificate come vulnerabili[2].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Bufo siculus in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2013.2, IUCN, 2013.
  2. ^ a b c Belfiore, Buckley, Lo Brutto, Lo Valvo et Arcoleo, Rospo smeraldino siciliano - Bufo siculus in Atlante della biodiversità della Sicilia: Vertebrati Terrestri, Palermo, ARPA Sicilia, 2008, pp.271-272. ISBN 978-88-95813-02-8.
  3. ^ Lillo F., Mercurio E., Cumbo V., Licata F. & Lo Valvo M, Differenze stagionali e sessuali nell’utilizzo dello spazio in Bufo siculus. Implicazioni per la conservazione. in Herpetologia Sardiniae, Latina, Societas Herpetologica Italica/Edizioni Belvedere, 2008.
  4. ^ Faraone F.P., Lillo F., Giacalone G. & Lo Valvo M, Primi dati sul comportamento alimentare di Bufo siculus Stöck et al., 2008 in Herpetologia Sardiniae, Latina, Societas Herpetologica Italica/Edizioni Belvedere, 2008.
  5. ^ Lo Valvo, M., and Giacalone, G, Dati e considerazioni sulla biologia riproduttiva della popolazione di Rospo smeraldino, Bufo viridis Laurenti, 1768, della Riserva Naturale di Monte Pellegrino (Palermo) in Annali Museo Civico Storia Naturale di Ferrara 2005; 6(2003): 61-65.
  6. ^ Sicilia, A., Lillo, F., Zava, B., and Bernini, F, Breeding phenology of Bufo viridis Laurenti, 1768 in Sicily in Acta Herpetologica 2006; 2: 107-117.
  7. ^ Bufo siculus - call details Amphibia Web
  8. ^ Turrisi G.F. e Vaccaro A, Contributo alla conoscenza degli Anfibi e dei Rettili di Sicilia in Boll. Acc. gioenia Sci. nat. Catania 1998; 30 (353): 5-88.
  9. ^ a b Stöck, M., Sicilia, A., Belfiore, N., Buckley, D., Lo Brutto, S., Lo Valvo, M., and Arculeo, M, Post-Messinian evolutionary relationships across the Sicilian channel: Mitochondrial and nuclear markers link a new green toad from Sicily to African relatives in BMC Evolutionary Biology 2008; 8: 56-74.
  10. ^ (EN) D.R. Frost et al., Pseudepidalea sicula in Amphibian Species of the World: an Online Reference. Version 5.2, New York, American Museum of Natural History, 2008.
  11. ^ Wiens JJ, The Amphibian Tree of Life - Book review in Q. Rev. Biol. 2007; 82: 55-56.
  12. ^ Speybroeck J, Crochet PA, Species list of the European herpetofauna. A tentative update in Podarcis 2007; 8: 8-34.
  13. ^ Lanza B. et al., Fauna d'Italia - Vol. XLII - Amphibia, Bologna, Calderini, 2007.
  14. ^ Vences M, The amphibian tree of life: Ideologie, Chaos oder biologische Realität? in Z. Feldherpetol. 2007;14: 153-162.
  15. ^ Smith HM, Chiszar D, Dilemma of name-recognition: why and when to use new combinations of scientific names in Herpetol. Conserv. Biol. 2006; 1: 6-8.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]