Bristol Fighter

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bristol Fighter
Bristol Fighter 2004.jpg
La Bristol Fighter
Descrizione generale
Costruttore bandiera  Bristol Cars
Tipo principale Coupé
Produzione dal 2004 al 2011
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4.420 mm
Larghezza 1.795 mm
Altezza 1.345 mm
Passo 2.750 mm
Massa 1.600[1] kg
Bristol Fighter goodwood.jpg
La Bristol Fighter T

La Fighter è stata un'autovettura prodotta dalla Bristol dal 2004 al 2011. Appartenente alla categoria delle vetture sport, è stata catalogata dagli addetti ai lavori come supercar[2].

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Offerta solo con carrozzeria coupé, possedeva delle portiere ad ali di gabbiano. Il corpo vettura è stato progettato dall’ex ingegnere Brabham Max Boxstrom. Questa carrozzeria possedeva un coefficiente di resistenza aerodinamica di 0,28.

Il modello aveva installato un motore V10 da 7.996 cm³ di cilindrata basato su quelli installati sulla Dodge Viper e sulla Dodge Ram SRT-10. Il propulsore venne modificato dalla Bristol e produceva 525 CV di potenza a 5.600 giri al minuto e 698 N•m di coppia a 4.200 giri al minuto. L’utilizzo di un motore del gruppo Chrysler su modelli Bristol, fece continuare una tradizione iniziata dalla casa automobilistica britannica nel 1961. Nella più potente versione Fighter S, il motore fu potenziato a 628 CV. Il modello base pesava 1.600 kg[1], ed il motore era montato anteriormente.

La Fighter aveva installato un cambio manuale a sei rapporti, oppure una trasmissione automatica a quattro marce. La trazione era posteriore. La Fighter aveva un’accelerazione da 0 a 97 km/h di circa 4 secondi e toccava una velocità massima di 340 km/h.

Sebbene gli schizzi del modello fossero stati pubblicati un certo tempo prima del lancio, l’auto completa fu mostrata al pubblico la prima volta nel maggio del 2003. La prima prova su strada eseguita da una rivista specializzata, fu realizzata dal periodico Evo nell’aprile del 2005.

La Fighter T[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2006 la Bristol annunciò la Fighter T, un modello con turbocompressore avente installato una versione modificata del motore V10 da 8 L di cilindrata, che erogava 1.012 CV di potenza e 1.405 N•m di coppia. Questo fu il primo motore V10 a benzina sovralimentato montato su una vettura prodotta in serie. La Fighter T aveva un coefficiente di resistenza aerodinamica di 0,27. Potenzialmente, secondo i dati diffusi dalla Bristol, il modello sarebbe stato in grado di raggiungere i 430 km/h. La velocità era però limitata elettronicamente a 362 km/h. Quando la Fighter T fu lanciata sul mercato, era più potente della Bugatti Veyron, il cui motore erogava 1.001 CV, ma meno performante della SSC Aero. Il primo esemplare di Fighter T è stato consegnato nel settembre del 2007.

Specifiche[modifica | modifica wikitesto]

Modello Motore Cilindrata Potenza massima Coppia massima Accelerazione 0-97 km/h Velocità massima
Fighter[1] V10 7.996 cm³ 525 CV @ 5.500 giri 712 N•m @ 4.200 giri circa 4 s 340 km/h
Fighter S[3] V10 7.996 cm³ 628 CV @ 5.900 giri 790 N•m @ 3.900 giri 4 s 340 km/h
Fighter T[4] V10 turbo 7.996 cm³ 1.012 CV @ 5.600 giri 1.405 N•m @ 4.500 giri 3,5 362 km/h (limitata)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Richard Porter, Bristol Fighter, evo.co.uk. URL consultato il 04-03-2013.
  2. ^ (EN) Martin Buckley, A very special Bristol: Anyone want to start a Fighter?, The Independent. URL consultato il 04-03-2013.
  3. ^ (EN) Bristol Fighter V10 S, Autocar. URL consultato il 05-03-2013.
  4. ^ (EN) Bristol Fighter T Revealed, Worldcarfans.com. URL consultato il 05-03-2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili