Brahmi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Storia dell'alfabeto

Media età del bronzo XIX secolo a.C.

Meroitico III secolo a.C.
Ogham IV secolo d.C.
Hangŭl 1443 d.C.
Sillabico canadese 1840 d.C.
Zhuyin 1913 d.C.
Iscrizioni Brahmi

La scrittura brahmì (o brahami) è una antica scrittura asiatica, che ebbe grande diffusione e che è considerata la progenitrice della scrittura odierna delle aree intorno alla penisola indiana; si tratterebbe probabilmente di un adattamento indiano delle scritture semitiche, penetrate in India attraverso l'impero persiano.

Origini[modifica | modifica sorgente]

Circa la formazione di questa scrittura, si sono formulate due ipotesi diverse. La prima ipotesi e che sia una scrittura derivata da un alfabeto semitico (ipotesi prevalente); tra i fautori di tale ipotesi si distinguono comunque quelli che sostengono diversi apporti fra alfabeti: semitico meridionale, aramaico, fenicio, greco. Il differente grado d'influenza dei vari alfabeti potrebbe far propendere per la formazione di tale scrittura in ambito dravidico (sud) o in ambito ariano (nord). La seconda ipotesi quella nazionalistica sostiene una formazione completamente autoctona non contemplando legami, contatti ed influssi con l'esterno e legandola invece ad un prototipo caratterizzante la vallata dell'Indo, di cui non si è mai trovato traccia e tramite questo ai glifi Hindus. Nel sud dell'India sono state ritrovate alcune ceramiche con probabile arcaica scrittura brahmi che retrodaterebbe l'apparizione di questo alfabeto di almeno due secoli. Ma la datazione come la valutazione di questi reperti sono al momento al centro di un acceso dibattito perché proverebbero la tesi dell'arrivo della scrittura dal sud via mare e non via terra dal nord, però nel brahmi di Asoka alcuni simboli assomigliano più alle lettere greche che a quelle aramaiche. Le monete con doppio conio sono di re indo-greci settentrionali convertiti al buddismo. La scrittura è come l'aramaico da destra a sinistra.

Mito[modifica | modifica sorgente]

Le sue origini sono raccontate da interessanti relati tradizionali che in genere la vorrebbero creata da Brahma; alcune versioni ipotizzano inoltre che l'uomo abbia ad un certo punto dimenticato questa scrittura e che Vyāsa, figlio di Parasara, opportunamente ispirato da Brahma, l'abbia nuovamente concepita.

È stato notato come nell'antico induismo non si avesse una figura sacrale, né una deità, che tutelasse la scrittura, mentre ce n'erano per molte altre materie.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La prima iscrizione in brahmi è quella presente nei documenti epigrafici chiamati "Editti di Aśoka" (269-231 a.C.), la presenza di tale scrittura è confermata dalle monete. La memoria di essa era con il tempo andata perduta e la scrittura era divenuta incomprensibile alle popolazioni dell'India, solo nel 1837, il numismatico inglese James Prinsep studiando le monete indo-greche coniate sia in greco che in brahmi e usando le epigrafi di Asoka bilingue, alcune sono in greco e aramaico, riuscì a comprendere nuovamente il significato fonetico della scrittura.

Lo sviluppo di questa scrittura, usata con le lingue volgari, sembra legato all'ambito culturale dei movimenti di critica alla casta dei bramini, in particolare al Buddismo.

Si ritiene che gli alfabeti devanagari, punjabi, tailandese, telugu, birmano, malayalam, oriya, singalese, e molti altri nell'India e nell'Asia sudorientale abbiano avuto origine da questa scrittura, così come le forme del sistema numerale posizionale chiamato "sistema di numerazione arabo" oggi usato internazionalmente.


Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]