Alfabeto aramaico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Storia dell'alfabeto

Media età del bronzo XIX secolo a.C.

Meroitico III secolo a.C.
Ogham IV secolo d.C.
Hangŭl 1443 d.C.
Sillabico canadese 1840 d.C.
Zhuyin 1913 d.C.
Incisione in greco ed aramaico dell'imperatore indiano Aśoka il Grande (300 a.C.)

L'alfabeto aramaico è un "abjad", un alfabeto consonantico, usato per la scrittura delle lingue: aramaica, ebraica, siriaca e mandaica.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Esso si sviluppò dall'alfabeto fenicio, e da esso si distinse attorno all'VIII secolo a.C.

Caratteri[modifica | modifica sorgente]

Nome della lettera Forma della lettera Equivalente ebraico Pronuncia
Ālaph 𐡀 א ā, ē (Occlusiva glottidale sorda)
Bēth 𐡁 ב b, v
Gāmal 𐡂 ג ɡ, ɣ
Dālath 𐡃 ד d, ð
𐡄 ה h
Waw 𐡅 ו w; ō, ū
Zayin 𐡆 ז z
Hēth 𐡇 ח [ħ] (Fricativa faringale sorda)
Tēth 𐡈 ט [tˁ] (enfatica)
Iod 𐡉 י j; ī, ē
Kāph 𐡊 ך כ k, x
Lāmadh 𐡋 ל l
Mim 𐡌 ם מ m
Nun 𐡍 ן נ n
Samech 𐡎 ס s
Ayin / ‘Ē 𐡏 ע (Fricativa faringale sonora)
𐡐 ף פ p, f
Tsade 𐡑 ץ צ [sˤ]
Qoph 𐡒 ק q (Occlusiva uvulare sorda)
Rēsh 𐡓 ר r
Shin 𐡔 ש ʃ
Taw 𐡕 ת t, θ

Alfabeti derivati[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]