Kharoshthi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Storia dell'alfabeto

Media età del bronzo XIX secolo a.C.

Meroitico III secolo a.C.
Ogham IV secolo d.C.
Hangŭl 1443 d.C.
Sillabico canadese 1840 d.C.
Zhuyin 1913 d.C.
Moneta di Gurgamoya, re di Khotan (I secolo): al dritto la legenda kharoshthi "Del Gran Re dei Re, Re di Khotan, Gurgamoya"; al rovescio la legenda cinese "Moneta di rame da ventiquattro grani"

Il kharoshthi (kharoṣṭhī o anche gāndhārī) è un tipo di scrittura utilizzata nel subcontinente indiano. Si tratta di un alfasillabario basato su consonanti con variazioni grafiche per esprimere le vocali cui sono legate, utilizzato nell'ambito della cultura del Gandhara per la scrittura del sanscrito e del gandhari, tra il III secolo a.C. e il III secolo d.C.; venne anche utilizzato nel Kushan, nella Sogdiana e lungo la Via della Seta, dove qualche traccia del suo utilizzo dino al VII secolo è rimasta nelle stazioni di Khotan e Niya. Il kharoshthi è incluso nell'intervallo Unicode U+10A00—U+10A5F, a partire dalla versione 4.1.0.

Il kharoshthi fu decifrato da James Prinsep (1799–1840) per mezzo delle monete con legende bilingui, greco e pali con scrittura kharoshthi, tipiche dei re indo-greci.

Non vi è accordo tra gli studiosi sull'origine del kharoshthi, se sia il frutto di una evoluzione graduale o se sia stato progettato da un unico inventore. Una analisi di questa scrittura mostra una chiara dipendenza dall'alfabeto aramaico, ma notevoli modifiche sono state apportate per rappresentare suoni presenti nelle lingue indiche. Una ipotesi è che la scrittura aramaica sia giunta con la conquista degli Achemenidi nel V secolo a.C. e che si sia evoluta nei successivi due secoli per raggiungere la sua forma definitiva nel III secolo a.C., quando compare sugli Editti di Ashoka nella parte nord-occidentale del subcontinente indiano. Contro tale ipotesi è la mancanza di forme intermedie: iscrizioni sulla roccia e legende delle monete a partire dal III secolo a.C. mostrano una scrittura unificata e standardizzata.

Lo studio del kharoshthi è stato rinvigorito dalla recente scoperta dei Testi buddisti gandhariani, un insieme di manoscritti che utilizzano questa scrittura, scoperi nei pressi della città di Hadda, Afghanistan e donati alla British Library nel 1994: tutti questi manoscritti risalgono al I secolo e sono quindi i più antichi manoscritti buddisti pervenutici.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Tetradramma d'argento del re indo-greco Filosseno (100-95 a.C.), con legenda al dritto in lingua greca e a rovescio in kharoshthi
  • Kenneth R. Norman, The Development of Writing in India and its Effect upon the Pâli Canon, in Wiener Zeitschrift für die Kunde Südasiens (36), 1993
  • Oscar von Hinüber, Der Beginn der Schrift und frühe Schriftlichkeit in Indien, Franz Steiner Verlag, 1990 (in tedesco)
  • Harry Falk, Schrift im alten Indien: Ein Forschungsbericht mit Anmerkungen, Gunter Narr Verlag, 1993 (in tedesco)
  • Gérard Fussman's, "Les premiers systèmes d'écriture en Inde", in Annuaire du Collège de France 1988-1989(in francese)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

India Portale India: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di India