Bilancia analitica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bilancia analitica
Particolare del bilanciere
Bilancia analitica elettronica digitale

La bilancia analitica è uno strumento di misura della massa o del peso, avente un elevato grado di precisione.

Bilancia analitica meccanica[modifica | modifica sorgente]

Il piatto di misura (stante la precisione di 0.1 mg e oltre) è racchiuso in un recipiente trasparente fornito di aperture, dove la polvere non possa entrare e fare in modo che le correnti d'aria della stanza non falsino il delicato meccanismo e quindi la misura. Inoltre l'oggetto della misura deve trovarsi a temperatura ambiente, affinché non sussistano correnti convettive interne al recipiente, che possano dare una misura errata. Una precisione simile viene raggiunta mantenendo costante il carico sul bilanciere e sottraendo masse dallo stesso lato del peso incognito, invece che aumentarle. L'equilibrio finale si ottiene usando la forza di una molla molto piccola invece che sottraendo una quantità di massa prefissata.

Bilancia analitica elettronica[modifica | modifica sorgente]

Le bilance elettroniche funzionano sul principio della coppia compensata. Esse utilizzano un elettromagnete per generare una forza in grado di compensare la forza peso del campione da misurare e inviano il risultato misurando la forza necessaria per raggiungere l'equilibrio. Misurano la forza necessaria per contrastare la forza peso senza utilizzare pesi reali, pertanto la taratura deve poter essere regolata per compensare le differenze gravitazionali.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]