Biagio Conte (missionario)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Biagio Conte (Palermo, 16 settembre 1963) è un missionario italiano, laico. Ha dato vita alla "Missione di Speranza e Carità", per cercare di rispondere alle drammatiche situazioni di povertà ed emarginazione della sua città natale.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Inizia precocemente a lavorare nell'impresa edile della sua famiglia, ma a causa di una profonda crisi spirituale decide di allontanarsi nel maggio 1990 dalla famiglia vivendo come eremita, ritirandosi nelle montagne dell'entroterra siciliano e successivamente facendo un viaggio interamente a piedi verso la città di Assisi. Il viaggio è stato reso noto alle cronache per gli appelli della famiglia d'origine alla trasmissione Rai "Chi l'ha visto?, dove Biagio ha risposto in diretta informando del suo cammino verso Assisi dove arriverà il 7 giugno 1991. Torna quindi a Palermo per salutare i familiari, con l'intenzione di trasferirsi in Africa come missionario, ma lo stato di miseria in cui ritrova la sua città lo porta a cambiare idea.

In un primo momento è attivo nel portare conforto ai senzatetto della Stazione Centrale, per i quali si batte attraverso diverse proteste ed un digiuno, grazie al quale ottiene l'utilizzo di alcuni locali in via Archirafi, all'interno dei quali fonda nel 1993 la "Missione di Speranza e Carità", che oggi accoglie circa 150 persone.

Missione[modifica | modifica sorgente]

La Missione è un luogo di sostegno in cui è possibile dormire, mangiare e contribuire concretamente, offrendo la propria disponibilità lavorativa al servizio della comunità; ogni comunità è dotata di cucina e mensa autonome dove vengono distribuiti tre pasti al giorno, è attivo inoltre un forno che garantisce il pane per il fabbisogno delle tre comunità. È dotata, inoltre, di ambulatori medici con medici volontari che garantiscono le prestazioni mediche di base (convenzione ASL con ricettario medico) e assistenza farmaceutica. I bisognosi che vengono accolti sono liberi di professare qualunque fede e di pregare secondo i dettami della propria religione. La Missione inoltre fornisce assistenza a tante famiglie indigenti di Palermo con beni di prima necessità e latte pediatrico per i neonati. Contemporaneamente, è attivo un servizio di missione notturna: si tratta di un camper che ogni sera con a bordo 5 volontari della Missione, gira per la città per incontrare le persone emarginate (tossicodipendenti, senzatetto, prostitute) e fornire loro una bevanda calda e assistenza. È previsto un ampliamento dell'attività missionaria a Giacalone, rivolta all'assistenza di donne e bambini maltrattati.

Nel dicembre 1998 viene aperta presso l'ex convento di S. Caterina l'accoglienza femminile, destinata a circa 120 tra donne singole e mamme con bambini. Nel 2002, a seguito dell'emergenza profughi, viene aperta la terza comunità della Missione “La cittadella del povero e della speranza” presso l'ex caserma dell'Aeronautica di via Decollati che accoglie circa 550 extracomunitari, di passaggio e non, da Palermo.

Il miracolo[modifica | modifica sorgente]

Il 16 gennaio 2014 è stato reso noto che Biagio Conte, da anni costretto su una sedia a rotelle a causa di vertebre schiacciate a séguito delle spossanti fatiche cui si è sottoposto nella Missione, già dalla scorsa estate aveva ripreso a camminare grazie a una guarigione tuttora scientificamente inspiegabile avvenuta dopo un'immersione nelle acque di Lourdes. La Curia di Palermo ha ufficialmente dichiarato che ritiene si tratti di miracolo[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Biagio Conte torna a camminare "È stato un miracolo" - Live Sicilia

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Biagio Conte con Giacomo Pilati, La città dei poveri. La mia vita per gli ultimi, Il Pozzo di Giacobbe, 2006, ISBN 88-87324-80-8
  • Biagio Conte, Il cammino della speranza, Grafill, 1995, ISBN 88-8207-002-6

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]