Base navale di Guantánamo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Base navale di Guantanamo)
Guantanamo Bay Naval Base
Base navale di Guantánamo
Vista aerea della base
Vista aerea della base
Ubicazione
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Città Baia di Guantánamo, Cuba
Coordinate 19°54′N 75°09′W / 19.9°N 75.15°W19.9; -75.15Coordinate: 19°54′N 75°09′W / 19.9°N 75.15°W19.9; -75.15
Informazioni generali
Tipo Base navale
Inizio costruzione 1898
Condizione attuale attiva

[senza fonte]

voci di architetture militari presenti su Wikipedia
Posizione della base navale di Guantanamo.
Confini dell'area occupata dalla base in una carta topografica della CIA.

La base navale di Guantanamo è una installazione militare di 120 chilometri quadrati della marina militare degli Stati Uniti e del Corpo dei Marines ubicata presso la omonima baia, nell'estremo sud-est di Cuba.

Il governo cubano si oppone alla presenza della base navale, sostenendo che il contratto di locazione non è valido ai sensi del diritto internazionale. Il governo degli Stati Uniti indica che il contratto è conforme al diritto internazionale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Con lo sbarco di Cristoforo Colombo, la baia assunse il nome di "Porto Grande", successivamente sostituito, con la conquista da parte dell'Impero britannico in "Cumberland Bay".

Durante la guerra ispano-americana del 1898, la baia fece da testa di ponte per la marina e i marines per il successivo controllo dell'intera isola, costituendo quindi la "Base navale di Guantanamo".

Nel 1903, a guerra finita, il primo presidente cubano, Tomas Estrada Palma, uomo di fiducia degli USA, offrì un contratto di locazione perpetua della base con completa giurisdizione e controllo in favore del Governo americano al costo di 2.000 dollari in monete d'oro l'anno.

Tale base assunse un importantissimo ruolo di distribuzione, soprattutto per la marina mercantile e nel commercio carbonifero, principalmente durante il primo conflitto mondiale.

Con la rivoluzione castrista, l'annuale assegno di circa 4.000 dollari (dovuto ad una revisione concordata nel 1934), venne incassato una sola volta, in concomitanza con la grande euforia della rivoluzione. Successivamente, i contratti di locazione non sono mai stati revisionati, né gli assegni sono stati incassati dal Governo cubano, per rimarcare che la presenza militare americana è considerata illegale, visto che il Governo cubano post-rivoluzionario non riconosce come proprie, in conformità al diritto internazionale, le obbligazioni dei precedenti Governi di Cuba.

Dopo la rivoluzione cubana, il numeroso personale cubano civile della base è stato sottoposto da parte del Governo cubano, a misure restrittive definite "di sicurezza", sempre più forti, fino al completo divieto da parte del governo dell'Avana ai cittadini cubani di lavorare per la base americana, divieto poi revocato.

Con la crisi dei missili di Cuba del 1962, tutti i familiari dei militari alloggiati nella base furono evacuati, per essere reinseriti al termine della crisi.

Con oltre 9.500 marinai e Marines degli Stati Uniti, la base navale di Guantanamo è l'unica installazione militare statunitense in funzione in un paese comunista.

Nel dibattito politico americano l'ordine di chiusura del carcere di Guantanamo è stato oggetto di ulteriori polemiche, in quanto alcuni auspicano[senza fonte] un totale abbandono della base e il conseguente ritorno della sua sovranità sotto il Governo di Cuba come un passo simbolico per la nuova impostazione delle relazioni di Washington con l'America latina e i Caraibi promessa dalla nuova politica estera dell'amministrazione Obama.

Prigione di Guantanamo[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Campo di prigionia di Guantánamo.

Dal 2002 la base ospita una prigione militare, fino a poco tempo fa non accessibile, ove vengono imprigionati, e sottoposti su autorizzazione dell'allora presidente George W. Bush, ad un trattamento da alcuni ritenuto non conforme alle norme del diritto internazionale, in special modo quelle della Convenzione di Ginevra, i prigionieri di guerra, delle campagne militari in Afghanistan e Iraq, e quelli considerati collegati con la rete del terrorismo internazionale.

Il governo americano sostiene che i principali diritti previsti dalla convenzione di Ginevra sono comunque "sostanzialmente rispettati", ma che lo status di "prigionieri di guerra", non può legittimamente ricorrere per coloro che sono considerabili "combattenti irregolari, attentatori o terroristi". Il 22 gennaio 2009, il presidente Barack Obama ha firmato gli ordini esecutivi per chiudere ciò che resta della rete di prigioni non accessibili, tra cui il campo di detenzione di Guantanamo, entro un anno.

Tuttavia Obama ha rinviato di almeno sei mesi o più, le delicate decisioni relative.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Stati Uniti d'America Portale Stati Uniti d'America: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Stati Uniti d'America