Bacino di Taudenni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Estensione approssimativa del bacino di Taudenni
Principali bacini sedimentari dell'Africa Occidentale

Il bacino di Taudenni è un'importante struttura geologica dell'Africa Occidentale che prende il nome dal villaggio di Taudenni nel Mali settentrionale. Copre gran parte del cratone dell'Africa Occidentale In Mauritania e Mali. La sua importanza è anche relazionata alla possibile presenza di riserve petrolifere[1].

Si tratta del più grande bacino sedimentario dell'Africa Nordoccidentale, formato durante il Proterozoico medio-superiore, e subsidente sino all'orogenesi Ercinica del medio Paleozoico, che lo ha sollevato e deformato. I sedimenti del tardo Precambriano e del Paleozoico che lo compongono sono spessi fino a 6 km, con uno spessore crescente nella metà occidentale del bacino[2]. Trivellazioni esplorative a partire dagli anni 80 del secolo scorso, hanno rinvenuto indicatori della presenza di petrolio negli strati del Precambriano superiore, del Siluriano e del Devoniano superiore[3].

Possibile sezione del bacino di Taudenni centrale[4]

Il governo del Mali, uno dei paesi più poveri del mondo, è ansioso di creare una industria petrolifera[4], e alcune compagnie,tra cui Baraka Petroleum, Sonatrach, Eni, Total, Woodside and China National Petroleum Corporation, hanno già iniziato campagne esplorative.[5], tuttavia le difficoltà di accesso all'area e l'ambiente ostile rendono per ora l'attività estrattiva troppo costosa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Imrich Kusnir, Gold in Mali, Acta Montanistica Slovaca, 1999. URL consultato il 14 marzo 2009.
  2. ^ J.B. Wright, Geology and mineral resources of West Africa, London, Allen & Unwin, 1985, ISBN 0045560013.
  3. ^ Ibrahim Amadou, Petroleum assessment of the intrcratonic Taoudeni basin, Mali, CPRM. URL consultato il 14 marzo 2009.
  4. ^ a b Mali – A Developing Oil and Gas IndustryA Industry, The Corporate Council on Africa, 1 dicembre 2006. URL consultato il 14 marzo 2009.
  5. ^ Taoudeni Basin, Onshore: Mali & Mauritania, IHS, agosto 2007. URL consultato il 14 marzo 2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]