Bacino di Tindouf

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il bacino di Tindouf Basin si trova a nord del cratone dell'Africa Occidentale

Il bacino di Tindouf è un importante bacino sedimentario dell'Africa Occidentale, a sud dell'Anti-Atlante. Si estende da ovest a est per circa 700 km e ricopre un'area di circa 100.000 km2, tra Algeria e Marocco/Sahara Occidentale.

Nell'Ordoviciano l'area era occupata da una zona costiera digradante dal cratone dell'Africa Occidentale nella Tetide, nel Carbonifero superiore è divenuta un bacino chiuso.

A nord il bacino si interrompe bruscamente contro l'Anti Atlante, a sud il limite è meno definito.

Il bacino, che ha uno spessore massimo di 8 km, è colmato da sedimenti marini deposti dal Cambriano al Carbonifero[1]. Seguono depositi formazioni continentali del Cretaceo e l'hamada formatasi nel Pliocene[2].

Il bacino è potenzialmente sede di giacimenti di idrocarburi, ma è ancora in gran parte inesplorato[3].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Richard C. Selley, African basins, Elsevier, 1997, p. 17. ISBN 0444825711.
  2. ^ S. Guerrak, Time and space distribution of Palaeozoic oolitic ironstones in the Tindouf Basin, Algerian Sahara, Geological Society, London, Special Publications, 1989. URL consultato il 26 dicembre 2010.
  3. ^ M.S.Malla, Dr.D.Takherist, A GEOCHEMICAL POTENTIAL REVIEW OF THE TINDOUF BASIN , ALGERIAN SAHARA., World Petroleum Congress, 2000. URL consultato il 26 dicembre 2010.